unci banner

:: Evidenza

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

Comune di Melito Porto Salvo: nuova ordinanza di divieto balneazione

Comune di Melito Porto Salvo: nuova ordinanza di divieto balneazione

Melito Porto Salvo. Nuova ordinanza di divieto di balneazione a Melito Porto Salvo. In data odierna il sindaco Giuseppe Meduri VISTA la comunicazione prot. 15.01.02...

Polizia di Stato: arrestato un 23enne per “omicidio stradale”

Polizia di Stato: arrestato un 23enne per “omicidio stradale”

Reggio Calabria. Ieri, personale del Distaccamento di Polizia Stradale di Brancaleone ha tratto in arresto un 23enne di Locri, S.D., responsabile del reato di Omicidio...

A Palazzo Campanella l'Assemblea pubblica della Commissione Regionale Pari Opportunità

A Palazzo Campanella l'Assemblea pubblica della Commissione Regionale Pari Opportunità

Prosegue l’impegno della CRPO per approfondire gli strumenti necessari nel percorso di realizzazione dell’uguaglianza di genere nelle rappresentanze istituzionali e, più in generale, nei luoghi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAMNS: Tra carenza idrica e degrado, povera la nostra Reggio

MNS: Tra carenza idrica e degrado, povera la nostra Reggio

Pubblicato in POLITICA Sabato, 12 Agosto 2017 09:25

"Questa sarà l'ultima estate di crisi idrica patita dai reggini.... finalmente avrete l'acqua nelle vostre case". Con queste parole il Sindaco Falcomatà, nel giugno del 2016, con tanto di video dai toni "messianici", annunciava la ripresa dei lavori della diga del Menta, in compagnia del suo collega del Partito Democratico Oliverio, anch'egli cultore della politica degli annunci mai seguiti da fatti concreti. Questo altro non era che l'ennesimo spot per "lavarsi le mani" al cospetto di una città che ormai da diversi mesi è in una situazione di crisi idrica senza precedenti.

Ci si chiede cosa abbiano fatto in questo ultimo anno Falcomatà e soci. Un anno trascorso senza che si sia realizzato nulla di quanto promesso.
Il primo cittadino non solo non spiega alla città i motivi per i quali anche questo annuncio si sia rivelato un bluff, ma arriva soltanto ad estate inoltrata ad adottare una delibera emergenziale dal sapore di beffa, accampando le solite scuse a difesa dell'indifendibile. Indifendibile come il resto del suo operato in tutti i settori della vita cittadina, dalla quotidianità alla prospettiva programmatica, che forse si rivela essere il punto più critico da addebitare alla amministrazione comunale a targa PD
E poiché le reti sono nuove per gran parte del territorio comunale, il problema non può non essere ricondotto ad una evidente incapacità di gestione e programmazione. Grottesca nei contenuti si dimostra l'ordinanza, con le sue 3 ore al giorno di erogazione i suoi raccapriccianti non più di 20 litri da attingere dalle fontane pubbliche, sembra di leggere un romanzo settecentesco. Mentre nessuna indicazione su come affrontare seriamente almeno l'emergenza si riesce a scorgere tra le righe di quell'atto. Noi, invece, molto più concretamente ci chiediamo chi gestisca le manovre e le deviazioni dell'acqua, chi controlli la equa distribuzione, la corretta fruizione e i sicuri abusi perpetrati sul perimetro comunale.
È vero, Reggio non ha mai avuto un'estate così, ma non soltanto per il caldo. Un'estate senza programmazione ed eventi, senza controlli e vigilanza sul territorio, senza turisti ed introiti per l'economia cittadina. Un'estate record per il centro storico, tagliato fuori anche dall'approvvigionamento idrico, sommerso dai rifiuti e persino pericoloso per l'incolumità personale di reggini ed avventori, tra voragini aperte nell'asfalto ed alberi che cadono perché privi della necessaria programmazione manutentiva e conseguente cura annuale.
Davvero preoccupante si rivela il dato registrato sui voli da e per la nostra città, con lo storico Tito Minniti regalato alla gestione lametina, nell'indifferenza complice degli attuali amministratori. Reggio torna, dopo la reggenza Scopelliti, suddita dei poteri regionali che da oltre un lustro la emarginano al ruolo di comprimaria, nonostante si parli della città più antica, grande ed importante della Calabria. Né questi amministratori possono dirsi in grado di provare ad elevare il livello di vivibilità, facendo leva sullo straordinario riconoscimento di Città Metropolitana, rimasto finora vuoto contenitore per colpa della incapacità di sfruttarne i molteplici vantaggi economici che potrebbero derivare da una gestione oculata e prospettica.
Altre estati sono ancora negli occhi di tutti noi e nei ricordi degli operatori economici dell'indotto, ricordi ormai sfocati, appannati da una propaganda fasulla che finalmente però sta dissolvendosi per rivelare la cruda realtà a coloro che hanno creduto alle promesse da marinaio di una sinistra le cui gesta, invece, andrebbero dimenticate e in fretta. Falcomatà e la sua inadeguatezza, con "l'acqua annunciata e mai arrivata" non è riuscito nemmeno a "lavarsi" la coscienza per sollevarsi dalle sue responsabilità di Sindaco Metropolitano, restando viceversa intrappolato in fondo al mare del degrado in cui ha ridotto la nostra città, alla cui comunità sta facendo mancare i servizi essenziali e persino l'erogazione di un bene primario come l'acqua.
A ringraziare per l'ennesima disfatta amministrativa del Partito Democratico ci penseranno gli elettori semplicemente facendo due più due sulla prossima scheda elettorale.

Reggio Calabria, 12 agosto 2017

Il Commissario Provinciale         Il Commissario Città Reggio Calabria
            Ernesto Siclari                      Franco Germanò


Letto 135 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Gianni Alemanno torna a Reggio Calabria con uno sguardo alle elezioni

    Gianni Alemanno torna a Reggio Calabria e lo fa pochi giorni dopo il Congresso. Un’occasione per fare il punto con il territorio reggino ma anche per parlare delle prossime scadenza elettorali. 

  • Domani Gianni Alemanno a Reggio per il convegno del MNS

    Gli attuali scenari politici di livello europeo ma anche mondiale stanno lasciando emergere una evidente contrapposizione tra chi ha in mente di uniformare popoli e individui in una opera di massificazione e coloro che credono in un nuovo spirito di umanismo identitario volto ad un percorso di tutela dell’individualità della persona e della sovranità dei popoli.
    La prima via consegna l’umanità nelle mani delle multinazionali, dei poteri economici che hanno trasformato l’uomo in target da raggiungere, obiettivo da colpire, mercificando il genere umano.

  • Il MNS commemora i giorni della Rivolta di Reggio

    Il Movimento Nazionale per la Sovranità commemora anche quest’anno il 14 di Luglio del 1970. Una data che la nostra città non può e non deve dimenticare, perché quel moto popolare per rivendicare diritti e dignità ad una intera cittadinanza animi ancora i cuori di tutti i reggini. Quelle giornate di Rivolta costituiscono una pagina di storia italiana, che soltanto troppo tardi ha trovato adeguata e pressoché unanime legittimazione circa le ragioni di un popolo divenuto per una volta ribelle, lasciando soltanto piccole sacche di riluttanza in mano ad estremismo o strumentalizzazione politica.

  • Siclari (MNS) sui disagi della raccolta differenziata porta a porta

    Dovevano arrivare i topi fotografati sui mastelli a svegliare una cittadinanza intorpidita, assuefatta al peggio, rassegnata ad un livello di qualità della vita indegno di un Paese industrializzato come l'Italia.
    Non bastava avere assistito con la raccolta differenziata dei rifiuti in centro storico all’ennesima puntata di quella Corrida che l’Amministrazione Falcomatà sta mandando in onda da tre anni e mezzo in città. La dimostrazione plastica del dilettantismo istituito, l’ulteriore pleonastica prova di una incapacità così ampiamente manifestata da non aver bisogno di ulteriori conferme.

  • Sanità, anche il MNS aderisce alla manifestazione di domani

    Nel constatare che ormai sono ben 11 mesi che i laboratori privati del comparto Sanità non ricevono più le dovute spettanze, in un braccio di ferro intrapreso con il Commissario per il Piano di Rientro, che grava sulle Aziende, i loro lavoratori e i pazienti mettendo in ginocchio l’intero servizio sanitario erogato su tutto il territorio calabrese, il Movimento Nazionale per la Sovranità si schiera a sostegno di tutte le strutture ambulatoriali, prendendo parte alla manifestazione Regionale che si svolgerà Venerdì 15 Giugno alle ore 10:00 presso la sala Calipari del Consiglio Regionale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.