unci banner

:: Evidenza

Lo Stadio Oreste Granillo agibile per la prima di Coppa Italia con il Catanzaro

Lo Stadio Oreste Granillo agibile per la prima di Coppa Italia con il Catanzaro

La Commissione di vigilanza provinciale per il pubblico spettacolo ha confermato nella giornata odierna l’agibilità per la disputa delle gare agonistiche presso lo Stadio Oreste...

Giornata di incendi e soccorsi per i Vigili del Fuoco

Giornata di incendi e soccorsi per i Vigili del Fuoco

Per i Vigili del Fuoco quella di oggi non è stata una giornata di ordinario lavoro, in poche ore hanno dovuto affrontare circa 40 interventi...

La cerimonia “Reggio Calabria Day” riconosce la scrittrice Katia Colica eccellenza della città

La cerimonia “Reggio Calabria Day” riconosce la scrittrice Katia Colica eccellenza della città

La quattordicesima edizione del Premio Nazionale “Reggio Calabria Day” si è svolta in una sala gremita dello storico Palazzo della Camera di Commercio di Reggio...

AJ Pacher è un giocatore della Viola

AJ Pacher è un giocatore della Viola

La Met Extra Viola Reggio Calabria è lieta di comunicare l’arrivo di Andrew Joseph Pacher. Ala grande di 208 cm per 111 kg, l’americano classe...

Roccella Jonica, al Convento dei Mimini la mostra “Jazz”

Roccella Jonica, al Convento dei Mimini la mostra “Jazz”

Sarà inaugurata venerdì 18 agosto, alle ore 18, nelle sale del Convento dei Minimi, nell’ambito della XXXVII edizione del Roccella Jazz Festival- Rumori Mediterranei, la...

Buone Vancanze a voi e a noi...

Buone Vancanze a voi e a noi...

Ringraziandovi sempre per tutto quello che fate per noi quotidianamente, vi volevamo comunicare che da oggi e per qualche giorno non troverete il giornale aggiornato...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAMNS: Tra carenza idrica e degrado, povera la nostra Reggio

MNS: Tra carenza idrica e degrado, povera la nostra Reggio

Pubblicato in POLITICA Sabato, 12 Agosto 2017 09:25

"Questa sarà l'ultima estate di crisi idrica patita dai reggini.... finalmente avrete l'acqua nelle vostre case". Con queste parole il Sindaco Falcomatà, nel giugno del 2016, con tanto di video dai toni "messianici", annunciava la ripresa dei lavori della diga del Menta, in compagnia del suo collega del Partito Democratico Oliverio, anch'egli cultore della politica degli annunci mai seguiti da fatti concreti. Questo altro non era che l'ennesimo spot per "lavarsi le mani" al cospetto di una città che ormai da diversi mesi è in una situazione di crisi idrica senza precedenti.

Ci si chiede cosa abbiano fatto in questo ultimo anno Falcomatà e soci. Un anno trascorso senza che si sia realizzato nulla di quanto promesso.
Il primo cittadino non solo non spiega alla città i motivi per i quali anche questo annuncio si sia rivelato un bluff, ma arriva soltanto ad estate inoltrata ad adottare una delibera emergenziale dal sapore di beffa, accampando le solite scuse a difesa dell'indifendibile. Indifendibile come il resto del suo operato in tutti i settori della vita cittadina, dalla quotidianità alla prospettiva programmatica, che forse si rivela essere il punto più critico da addebitare alla amministrazione comunale a targa PD
E poiché le reti sono nuove per gran parte del territorio comunale, il problema non può non essere ricondotto ad una evidente incapacità di gestione e programmazione. Grottesca nei contenuti si dimostra l'ordinanza, con le sue 3 ore al giorno di erogazione i suoi raccapriccianti non più di 20 litri da attingere dalle fontane pubbliche, sembra di leggere un romanzo settecentesco. Mentre nessuna indicazione su come affrontare seriamente almeno l'emergenza si riesce a scorgere tra le righe di quell'atto. Noi, invece, molto più concretamente ci chiediamo chi gestisca le manovre e le deviazioni dell'acqua, chi controlli la equa distribuzione, la corretta fruizione e i sicuri abusi perpetrati sul perimetro comunale.
È vero, Reggio non ha mai avuto un'estate così, ma non soltanto per il caldo. Un'estate senza programmazione ed eventi, senza controlli e vigilanza sul territorio, senza turisti ed introiti per l'economia cittadina. Un'estate record per il centro storico, tagliato fuori anche dall'approvvigionamento idrico, sommerso dai rifiuti e persino pericoloso per l'incolumità personale di reggini ed avventori, tra voragini aperte nell'asfalto ed alberi che cadono perché privi della necessaria programmazione manutentiva e conseguente cura annuale.
Davvero preoccupante si rivela il dato registrato sui voli da e per la nostra città, con lo storico Tito Minniti regalato alla gestione lametina, nell'indifferenza complice degli attuali amministratori. Reggio torna, dopo la reggenza Scopelliti, suddita dei poteri regionali che da oltre un lustro la emarginano al ruolo di comprimaria, nonostante si parli della città più antica, grande ed importante della Calabria. Né questi amministratori possono dirsi in grado di provare ad elevare il livello di vivibilità, facendo leva sullo straordinario riconoscimento di Città Metropolitana, rimasto finora vuoto contenitore per colpa della incapacità di sfruttarne i molteplici vantaggi economici che potrebbero derivare da una gestione oculata e prospettica.
Altre estati sono ancora negli occhi di tutti noi e nei ricordi degli operatori economici dell'indotto, ricordi ormai sfocati, appannati da una propaganda fasulla che finalmente però sta dissolvendosi per rivelare la cruda realtà a coloro che hanno creduto alle promesse da marinaio di una sinistra le cui gesta, invece, andrebbero dimenticate e in fretta. Falcomatà e la sua inadeguatezza, con "l'acqua annunciata e mai arrivata" non è riuscito nemmeno a "lavarsi" la coscienza per sollevarsi dalle sue responsabilità di Sindaco Metropolitano, restando viceversa intrappolato in fondo al mare del degrado in cui ha ridotto la nostra città, alla cui comunità sta facendo mancare i servizi essenziali e persino l'erogazione di un bene primario come l'acqua.
A ringraziare per l'ennesima disfatta amministrativa del Partito Democratico ci penseranno gli elettori semplicemente facendo due più due sulla prossima scheda elettorale.

Reggio Calabria, 12 agosto 2017

Il Commissario Provinciale         Il Commissario Città Reggio Calabria
            Ernesto Siclari                      Franco Germanò


Letto 50 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Reges, dimissioni dell'AD, MNS : "La primavera reggina è sempre più un uggioso e freddo inverno"

    "Apprendiamo dagli organi di informazione che l’Amministratore Delegato della REGES, Giovanni Di Fiore, scelto dall’Amministrazione Comunale alla guida della società si è dimesso per “conclusione del suo mandato alla luce del fatto che adesso si passa alla fase operativa di fusione”. Stupisce la motivazione delle dimissioni atteso che la nomina é del 27 gennaio 2017 con durata triennale è che la fusione REGES-RECASI alla data odierna non risulta deliberata dal Consiglio

  • Lettera del MNS ai partiti del centrodestra

    Se esiste un centro destra a Reggio saranno i prossimi giorni a dircelo. E dovranno essere proprio i partiti a farlo. Dovranno dire alla città e alla sua provincia se esiste la possibilità che in questi anni che precedono le prossime consultazioni elettorali si riuscirà a trovare quell'unità e quella intesa che aveva consentito all'intera area di diventare forza di governo del territorio.

  • MNS, domani la presentazione del Circolo di Villa San Giovanni

    Giovedì 3 agosto, alle ore 19.30, presso il Lido Chiringuito (Lungomare Fata Morgana, 52, Villa San Giovanni RC), verrà presentato il Circolo del Movimento Nazionale per la Sovranità di Villa San Giovanni. Saranno presenti il presidente del circolo, Alessandro Aragona ed il coordinatore provinciale, Ernesto Siclari.

  • Movimento per la Sovranità: la parola torni ai reggini

    Il tappo del Palazzo dei veleni è saltato. L’era Falcomatà giunge inesorabilmente al termine. La durissima lettera di Angela Marcianò scoperchia i torbidi rapporti che inquinano le stanze del potere e fa emergere una questione che assume, oltre alla valenza politica, anche una evidente questione morale. Solo oggi la Marcianò fa piena luce su questioni che il nostro Movimento, e non solo, ha in passato prontamente denunciato all’opinione pubblica e alle Istituzioni demandate a garantire la legalità e la trasparenza degli atti amministrativi.

  • MNS: tra i due litiganti la città muore

    Se la città non fosse in queste pietose condizioni i litigi da cortile ai quali questa Giunta comunale fa assistere i reggini sarebbero già certamente stucchevoli. Ma Reggio è in ginocchio e i suoi cittadini stanchi, troppo stanchi per sopportare battibecchi da pollaio, ripicche personali, lotte intestine che mostrano evidente tutta la disorganizzazione ed il malumore che si respira in seno all’Amministrazione Falcomatà targata ancora PD.

logo cp bucato

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.