unci banner

:: NEWS

Giornata dei Parchi, Noemi Evoli e l’Aspromonte al Quirinale

Giornata dei Parchi, Noemi Evoli e l’Aspromonte al Quirinale

Anche il Parco Nazionale dell’Aspromonte con la Guida Noemi Evoli ha fatto parte della delegazione Federparchi– Europarc Italia, guidata dal Presidente Giampiero Sammuri in rappresentanza delle Aree protette italiane, ricevuta...

La Reggina si aggiudica il Centro Sportivo S.Agata. Gallo: “E’ una cosa bellissima”

La Reggina si aggiudica il Centro Sportivo S.Agata. Gallo: “E’ una cosa bellissima”

La Reggina si aggiudica la concessione del centro sportivo S. Agata, insieme ai beni materiali e immateriali, il marchio registrato, il brand e la storia del club di calcio Reggina....

San Roberto, la lettera di saluto del Sindaco Vizzari ai cittadini: “Il mio impegno continua, per questo paese ci sarò sempre”

San Roberto, la lettera di saluto del Sindaco Vizzari ai cittadini: “Il mio impegno continua, per questo paese ci sarò...

Trasuda amore, commozione e sentimento la lettera che stamattina il Sindaco uscente di San Roberto, Roberto Vizzari, ha fatto recapitare ai propri cittadini attraverso i social ed i manifesti affissi...

Oltre 1 milione di euro occultato in auto, denunciato per ricettazione un cittadino della Locride

Oltre 1 milione di euro occultato in auto, denunciato per ricettazione un cittadino della Locride

Militari della 1^ e della 2^ Compagnia del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla repressione dei reati finanziari...

Il presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Il presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Ho appreso che questa mattina il Commissario Cotticelli, accompagnato dal sub commissario, si è recato all'ufficio protocollo della Regione per notificare un elenco di nomi che hanno deciso di nominare...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICANota a margine di una promessa non fatta sul regionalismo differenziato

Nota a margine di una promessa non fatta sul regionalismo differenziato

Pubblicato in POLITICA Martedì, 26 Febbraio 2019 18:36

Dopo il suo discorso fatto domenica a Reggio per illustrare la sua mozione per le primarie del Partito Democratico, all’on. Maurizio Martina è stata attribuita la tesi che sia contrario al federalismo differenziato. Non è così. L’on. Martina, da persona per bene e corretta quale è, si è detto contrario sì, ma “alle fughe in avanti di Lega e 5stelle sul regionalismo differenziato”. E non poteva essere diversamente perché il regionalismo differenziato è stato introdotto con la riforma del titolo quinto della Costituzione con una legge voluta e proposta dalla sinistra.

Il problema è che il partito democratico, sull’argomento ha varie anime: le segreterie regionali del PD di Veneto, Lombardia (regione di Martina) ed Emilia-Romagna hanno, di recente, approvato un documento che spinge verso l’introduzione della legge proposta dalla Lega; al sud si fanno, da parte dei consigli regionali a guida PD, documenti per richiamare l’attenzione sul pericolo dell’approvazione della legge e si contrappone la creazione di una macro regione del sud; in Campania, il presidente PD della giunta regionale fa una richiesta analoga a quella che hanno fatto Lombardia Veneto ed Emilia-Romagna. Siamo in un mondo nel quale il PD non ha una linea ed una idea chiare precise e trasparenti. Si capisce la difficoltà che, purtroppo, si debba conciliare l’inconciliabile, però un indirizzo il PD lo deve pur dare e, secondo quanto ha detto Martina l’indirizzo è quello che viene fuori dal riformato articolo 117 comma M della costituzione che, nel 2001, il parlamento ha approvato in sede di riforma del titolo quinto. Art. 117 “ Lo stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: ……m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale”…..
Oramai non è più tempo di recriminazioni. Il pericolo secessionista del nord c’è ma non è nel regionalismo differenziato, che, esiste e va regolamentato. Quindi, il PD, in Parlamento deve fare in modo che non venga stravolga la legge. Occorre vigilare affinché non venga rovesciato il concetto e il metodo della legge. Il governo guidato dalla Lega anziché partire dai livelli essenziali delle Prestazioni vuole partire dalla autonomia differenziata che comporterebbe l’introduzione del concetto di un regionalismo fai da te, con risvolti para secessionisti.
Pertanto, si deve obbligare il governo a fissare, per legge, i LEP (livelli essenziali delle prestazioni), da non confondere con i LEA (livelli essenziali di assistenza), e poi determinare le materie da trasferire alle regioni e bisogna combattere contro l’approvazione della attuale proposta del governo Lega/5stelle che prevede, ad esempio, che un cittadino calabrese che volesse o dovesse ricorrere ad accertamenti sanitari o interventi chirurgici in una struttura di Lombardia, Veneto o Emilia Romagna, dovrà pagarsi le spese per, poi, richiedere il rimborso alla regione Calabria. Spese che potrebbero andare dai 300 euro per una risonanza magnetica alle migliaia di euro di un intervento chirurgico di particolare specializzazione. Tale proposta non deve passare e Martina si è impegnato in tal senso ma non nel senso di essere contrario al regionalismo differenziato, approvato troppo in fretta nel 2001.
Firmato: Domenico Francesco Richichi componente la Commissione di Garanzia Regionale del Partito Democratico

Rc 26 febbraio 2019

Letto 137 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Elezioni europee, l'assessore Lucia Nucera nella rosa del PD

    Ecco la lista del #PartitoDemocratico nella Circoscrizione Meridionale per le prossime elezioni #Europee. A dare l'annnuncio direttamente dal suo profilo social il commissario Stefano Graziano: "In bocca al lupo a tutti. Franco Roberti, Pina Picierno, Andrea Cozzolino, Elena Gentile, Giosi Ferrandino, Gerarta Ballo, Nicola Brienza, Caterina Cerroni, Nicola Caputo, Lucia Nucera, Franco Iacucci, Anna Marra, Massimo Paolucci, Leila Keichoud, Eduardo Piccirilli, Anna Petrone, Ivan Stomeo, Mariella Verdoliva".

  • Angela Martino (PD) su esclusione Porto Gioia dalla Via della Seta

    Il governo gialloverde ha inflitto una nuova mortificazione al Porto di Gioia Tauro, non prevedendo il suo inserimento fra gli scali portuali che saranno protagonisti delle reti commercali del mare nell'ambito del Memorandum siglato tra Cina e Italia. Una ennesima “disattenzione” dopo la disarticolazione del sistema portuale calabrese con l'illogico distacco dallo stesso dei porti di Reggio Calabria e Villa San Giovanni, prontamente impugnato dalla Regione Calabria innanzi alla Corte Costituzionale, le mancate risposte sull'operatività della Zes e sui fondi PON Infrastrutture e Reti inspiegabilmente inutilizzati, nonostante i continui solleciti della Giunta Oliverio.

  • Angela Martino (PD) su ipotesi dissesto Comune

    “L’impegno e la costanza con cui il sindaco Falcomatà sta seguendo la questione che vede il nostro Comune a rischio di dissesto finanziario, pare produrranno il risultato atteso. La nuova trasferta romana del primo cittadino è servita a suggellare un impegno politico del governo, rappresentato dalla sottosegretaria all’Economia Laura Castelli, da parte del quale a questo punto si attende l’ufficializzazione dei provvedimenti concordati con Falcomatà. Evitare il dissesto di Reggio, che assieme ad altri cento Comuni ha applicato una legge dello Stato ora dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale, è di vitale importanza. Un Comune già sciolto per mafia nella sua storia recente, non può e non deve subire l’ulteriore mortificazione del crac finanziario.

  • PD, le riflessioni di Pinone Morabito dopo il voto di marzo

    Sin da subito abbiamo condiviso le ragioni della candidatura a segretario di Nicola Zingaretti, silenziosamente come è il nostro costume fare, ma con la ferma determinazione di ricostruire un Partito Democratico vittima delle guerre fratricide tra correnti, lontano dal suo popolo, staccato dai territori, incapace di rappresentare i principi ed i valori di quella sinistra che hanno reso l’Italia più giusta e con più diritti, ad affermarlo è il coordinatore regionale di SinistraDem Pinone MORABITO.
    Il voto del 4 Marzo, non ha solo sancito il fallimento politico del PdR (Partito di Renzi), ma ci ha posto oggi più che mai l’interrogativo di quale fosse la nostra funzione dentro la società italiana, di fronte alla scelta di decidere da quale parte stare; penso alla povertà diffusa che aumenta, alle diseguaglianze, al tema del lavoro che manca, al rischio ambientale e alle difficoltà per milioni di italiani ad accedere al sistema sanitario nazionale.

  • Gruppo Consiliare Comunale PD: Centrodestra irresponsabile

    "Ancora una volta l'opposizione dimostra la sua pochezza perdendo l'ennesima buona occasione per tacere. Mentre il Sindaco era impegnato a Roma per risollevare le sorti della Città dall'ipotesi nefasta del dissesto finanziario causato dal debito prodotto dalla loro stessa parte politica, i consiglieri di minoranza si producevano in un'irresponsabile invettiva, dal chiaro sapore elettoralistico, con il semplice obiettivo di scaricare le responsabilità che, è chiaro ed evidente come la terra che gira intorno al sole, appartengono alla loro gestione scriteriata di amministrazione, responsabile di una nefasta stagione passata alla storia come il sacco di Reggio". Lo dichiara il gruppo del Partito Democratico in consiglio Comunale rispondendo alle affermazioni diffuse a mezzo stampa dai consiglieri di minoranza.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.