unci banner

:: Evidenza

La Guardia di Finanza di Locri scopre una maxi evasione per oltre 10 milioni di euro. Denunciate 2 persone

La Guardia di Finanza di Locri scopre una maxi evasione per oltre 10 milioni di euro. Denunciate 2 persone

A conclusione di una complessa attività di verifica fiscale condotta nei confronti di due società operanti nel settore della preparazione e concia del cuoio i finanzieri del Gruppo Locri hanno denunciato presso la Procura della...

Ipotesi dissesto, Cannizzaro incontra il vice ministro Laura Castelli

Ipotesi dissesto, Cannizzaro incontra il vice ministro Laura Castelli

Come ho già avuto modo di esprimere, l'interesse della città viene prima di ogni altra cosa e di sicuro non ha bisogno di casacche politiche o vicende dettate dai partiti di appartenenza. Intendo privilegiare i...

"Esame di coscienza digitale": percorso quaresimale di responsabilità e impegno proposto dalla diocesi di Oppido Mamertina – Palmi

"Esame di coscienza digitale": percorso quaresimale di responsabilità e impegno proposto dalla diocesi di Oppido Mamertina – Palmi

Un esame di coscienza digitale per vivere insieme "connessi" questo Tempo di Quaresima e riflettere sull’uso dei social, ormai parte della quotidianità che può riceverne beneficio o danno.È la proposta che S. Ecc. Mons. Francesco...

Verso la terza edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Verso la terza edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Sono ancora aperti i termini per partecipare alla terza edizione del premio di poesia dedicato a San Gaetano Catanoso. L'idea nata dalla sinergia creatasi fra le Associazioni "Il Giardino di Morgana", "La Voce del Sud","Amici...

Sanità disastrata, criminalità. Il premier Conte: "Subito un Consiglio dei ministri in Calabria"

Sanità disastrata, criminalità. Il premier Conte: "Subito un Consiglio dei ministri in Calabria"

Reggio Calabria. "Vi anticipo che ho intenzione di far svolgere un Consiglio dei ministri in Calabria, perché la Calabria è una delle Regioni del Sud più abbandonate a se stesse e il Cdm avrà un...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICANota a margine di una promessa non fatta sul regionalismo differenziato

Nota a margine di una promessa non fatta sul regionalismo differenziato

Pubblicato in POLITICA Martedì, 26 Febbraio 2019 18:36

Dopo il suo discorso fatto domenica a Reggio per illustrare la sua mozione per le primarie del Partito Democratico, all’on. Maurizio Martina è stata attribuita la tesi che sia contrario al federalismo differenziato. Non è così. L’on. Martina, da persona per bene e corretta quale è, si è detto contrario sì, ma “alle fughe in avanti di Lega e 5stelle sul regionalismo differenziato”. E non poteva essere diversamente perché il regionalismo differenziato è stato introdotto con la riforma del titolo quinto della Costituzione con una legge voluta e proposta dalla sinistra.

Il problema è che il partito democratico, sull’argomento ha varie anime: le segreterie regionali del PD di Veneto, Lombardia (regione di Martina) ed Emilia-Romagna hanno, di recente, approvato un documento che spinge verso l’introduzione della legge proposta dalla Lega; al sud si fanno, da parte dei consigli regionali a guida PD, documenti per richiamare l’attenzione sul pericolo dell’approvazione della legge e si contrappone la creazione di una macro regione del sud; in Campania, il presidente PD della giunta regionale fa una richiesta analoga a quella che hanno fatto Lombardia Veneto ed Emilia-Romagna. Siamo in un mondo nel quale il PD non ha una linea ed una idea chiare precise e trasparenti. Si capisce la difficoltà che, purtroppo, si debba conciliare l’inconciliabile, però un indirizzo il PD lo deve pur dare e, secondo quanto ha detto Martina l’indirizzo è quello che viene fuori dal riformato articolo 117 comma M della costituzione che, nel 2001, il parlamento ha approvato in sede di riforma del titolo quinto. Art. 117 “ Lo stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: ……m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale”…..
Oramai non è più tempo di recriminazioni. Il pericolo secessionista del nord c’è ma non è nel regionalismo differenziato, che, esiste e va regolamentato. Quindi, il PD, in Parlamento deve fare in modo che non venga stravolga la legge. Occorre vigilare affinché non venga rovesciato il concetto e il metodo della legge. Il governo guidato dalla Lega anziché partire dai livelli essenziali delle Prestazioni vuole partire dalla autonomia differenziata che comporterebbe l’introduzione del concetto di un regionalismo fai da te, con risvolti para secessionisti.
Pertanto, si deve obbligare il governo a fissare, per legge, i LEP (livelli essenziali delle prestazioni), da non confondere con i LEA (livelli essenziali di assistenza), e poi determinare le materie da trasferire alle regioni e bisogna combattere contro l’approvazione della attuale proposta del governo Lega/5stelle che prevede, ad esempio, che un cittadino calabrese che volesse o dovesse ricorrere ad accertamenti sanitari o interventi chirurgici in una struttura di Lombardia, Veneto o Emilia Romagna, dovrà pagarsi le spese per, poi, richiedere il rimborso alla regione Calabria. Spese che potrebbero andare dai 300 euro per una risonanza magnetica alle migliaia di euro di un intervento chirurgico di particolare specializzazione. Tale proposta non deve passare e Martina si è impegnato in tal senso ma non nel senso di essere contrario al regionalismo differenziato, approvato troppo in fretta nel 2001.
Firmato: Domenico Francesco Richichi componente la Commissione di Garanzia Regionale del Partito Democratico

Rc 26 febbraio 2019

Letto 84 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Gruppo Consiliare Comunale PD: Centrodestra irresponsabile

    "Ancora una volta l'opposizione dimostra la sua pochezza perdendo l'ennesima buona occasione per tacere. Mentre il Sindaco era impegnato a Roma per risollevare le sorti della Città dall'ipotesi nefasta del dissesto finanziario causato dal debito prodotto dalla loro stessa parte politica, i consiglieri di minoranza si producevano in un'irresponsabile invettiva, dal chiaro sapore elettoralistico, con il semplice obiettivo di scaricare le responsabilità che, è chiaro ed evidente come la terra che gira intorno al sole, appartengono alla loro gestione scriteriata di amministrazione, responsabile di una nefasta stagione passata alla storia come il sacco di Reggio". Lo dichiara il gruppo del Partito Democratico in consiglio Comunale rispondendo alle affermazioni diffuse a mezzo stampa dai consiglieri di minoranza.

  • Primarie PD, Maurizio Martina sceglie Reggio per incontrare gli elettori

    Unica tappa calabrese a Palazzo Campanella per il candidato segretario alle Primarie PD Maurizio Martina che questa mattina ha incontrato elettori e simpatizzanti

  • Primarie PD, le modalità di voto a Villa San Giovanni

    Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e il ticket Roberto Giachetti/Anna Ascani, si contenderanno a breve la segreteria nazionale del Partito Democratico.
    Non lo faranno attraverso il ricorso farlocco ad una piattaforma informatica – cui partecipano circa 40.000 iscritti tra persone e avatar - di un padre/padrone che incamera soldi ad ogni click, né attraverso forme di fidelizzazione emotiva generate ad arte dal circo mediatico prodotto dal c.d. sistema “Bestia” di Salvini, e neppure si arrenderanno all’eterno ritorno dell’uguale rappresentato dall’immarcescibile Berlusconi circondato dalla solita corte.

  • Domenica 24 febbraio 2019 unica tappa calabrese del candidato a Segretario Nazionale Maurizio Martina a Reggio Calabria

    Il candidato segretario alle Primarie PD Maurizio Martina nella sua unica tappa calabrese, terrà il suo evento pubblico Domenica 24 Febbraio a Reggio Calabria, h. 10.30 presso la Sala Monteleone del Palazzo Campanella, Sede del Consiglio Regionale della Calabria.
    L’invito è per tutti i cittadini che “fianco a fianco” a Maurizio Martina e a tanti sostenitori, elettori, simpatizzanti e tesserati vogliono condividere le sue proposte, presentate nella mozione per le primarie del PD, che rappresentano “l’idea un’alternativa al governo, con un partito rinnovato, unito, popolare che si concentri sui temi fondamentali del Paese” e quindi sostenerne la candidatura per la segreteria nazionale del Partito Democratico, partecipando al voto nella giornata del prossimo 3 marzo anche in Calabria. Nella stessa data sarà possibile sostenere la lista “X Martina Segretario” delle province calabresi e eleggere i candidati rappresentanti all’Assemblea Nazionale del PD.

  • Sabato mattina alla Città Metropolitana organizzato un confronto politico

    Le necessità della nostra area metropolitana Reggina impongono una particolare attenzione al piano strategico metropolitano. Il nuovo assetto costituito prevede una collaborazione fra le varie realtà del territorio al di sopra delle parti. Bisogna cominciare a riunire gli amministratori, la politica e la società civile impegnata, per affrontare le principali tematiche di costruzione della città metropolitana. Bisogna investire sulle fusioni dei comuni, spiegandone i vantaggi e le autonomie mantenute, e riconfigurare la ponderazione elettorale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.