unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICANucera (La Calabria che vogliamo): Polsi simbolo della brava gente calabrese

Nucera (La Calabria che vogliamo): Polsi simbolo della brava gente calabrese

Pubblicato in POLITICA Giovedì, 22 Agosto 2019 17:59

L'orgoglio calabrese, che è figlio di un avvertibile risveglio del mezzogiorno e del mediterraneo, alza i toni dopo le clamorose e lesive dichiarazioni rese, in sede parlamentare e in diretta TV davanti a milioni di italiani, dal Presidente della Commissione Antimafia. "Provo sconcerto e amarezza nell'aver ascoltato le parole del Sen. Morra. Accostare i calabresi ed il santuario di Polsi alla simbologia della’ ndrangheta è, ancora una volta, un'azione di denigrazione verso un popolo e un territorio che merita rispetto e giusta considerazione- attacca Giuseppe Nucera già Presidente degli industriali di Reggio Calabria- noi della piattaforma "La Calabria che vogliamo" intendiamo portare avanti una campagna di verità contro i pregiudizi e le false analisi sui calabresi, recuperando la buona reputazione, così fortemente lesa, che è "moneta" fondamentale per il riscatto e la rinascita della nostra amata terra”.

“Il 27 Giugno al Senato della Repubblica - prosegue Nucera - abbiamo presentato il rapporto internazionale sulla Reputazione del Territorio, dimostrando le grandi prospettive di ripresa, sviluppo e rinascita della Calabria.

Domenica 25 Agosto abbiamo convocato d'urgenza un sit in di forte protesta civile (laica e religiosa) in prossimità del santuario e il 15 Settembre andremo a Polsi per un pellegrinaggio di preghiera dove costituiremo formalmente la piattaforma d'impegno civico e pensiero politico, economico e istituzionale "La Calabria che vogliamo".

Intendiamo, come società civile calabrese, con la sua diaspora intellettuale e professionale, residente ed emigrata, riaffermare che Polsi è un luogo di fede e tradizione popolare calabrese e non di 'ndrangheta.”

Rc 22 agosto 2019

Letto 106 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

    Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla crisi profonda in cui versa la sua terra e permettere alla Calabria di diventare il traino economico per tutto il Mezzogiorno. Giuseppe Nucera, imprenditore ed ex presidente di Confindustria a Reggio Calabria, scioglie la riserva in vista delle prossime elezioni regionali e annuncia di voler "contribuire in prima persona", con "La Calabria che vogliamo", con cui "pretendere di prendere parte alla guida della Regione".

  • A Reggio Calabria l'assemblea costituente dell'Associazione "La Calabria che vogliamo"

    Domenica 15 Settembre, alle ore 10, presso l'aula Magna Quistelli del dipartimento di Architettura - Università Mediterranea - a Reggio Calabria, sarà presentata la piattaforma di impegno civico e di pensiero politico, economico ed istituzionale "La Calabria che vogliamo". "La Calabria è una regione dalle mille potenzialità inespresse, a causa anche di una reputazione negativa che si porta dietro prurtroppo da anni. Un pesante fardello, ingiustificato, di cui i nostri concittadini farebbero volentieri a meno. Ecco quindi il punto nodale: bisogna voltare pagina, cambiare registro. Basta con i luoghi comuni che hanno frenato lo sviluppo della nostra terra, che può invece ambire a divenire il traino di tutto il Mezzogiorno", afferma il promotore dell'associazione, Giuseppe Nucera, imprenditore, già presidente di Confindustria nella città.

  • Nucera (La Calabria che vogliamo): ora i fatti, pronto a contribuire in prima persona

    "La questione meridionale è stata eliminata dal dibattito politico nazionale. Serve una visione strategica, un'azione concreta per lo sviluppo del Sud e della Calabria". A chiedere un cambio di passo deciso, rispetto alle "passerelle" del passato, è l'imprenditore Giuseppe Nucera, già presidente di Confindustria Reggio Calabria, oggi promotore dell'Associazione "La Calabria che vogliamo", che in un'intervista al Tempo, sull'operato dell'ex ministro per il Sud Lezzi, afferma: "È sembrata un'apparizione mistica, ma senza miracolo. Un passaggio che non ha lasciato alcun segno o, per essere buoni, pochi ne hanno percepito l'esistenza".

  • Nucera (La Calabria che vogliamo): basta chiacchiere e passerelle, azioni concrete per il Mezzogiorno

     "Adesso basta con le solite promesse a vuoto e le inutili passerelle di ministri, buone solo per farsi immortalare su qualche rivista. Siamo stanchi delle solite chiacchiere a vuoto e non siamo disposti ad accettare un 'Lezzi bis' per il Mezzogiorno". A richiedere a gran voce, da Reggio Calabria, un "vero cambio di passo", rispetto all'azione portata avanti in questi anni nelle politiche di sostegno al Mezzogiorno, è l'imprenditore Giuseppe Nucera, già a capo di Confindustria nella città, oggi promotore dell'Associazione "La Calabria che vogliamo".

  • Polsi, trentatreenne arrestato per furto

    Ieri sera, i carabinieri della stazione di San Luca, hanno arrestato un 33enne di Cardeto (RC) con l’accusa di furto aggravato.
    In particolare, l’uomo, arrivato nei pressi del santuario ed aggirandosi vicino alle tante auto parcheggiate ai lati della strada, ha notato un borsello apparentemente incustodito. Approfittando della confusione, con una mossa furtiva si è impossessato del borsello per poi nascondersi dietro un’auto in sosta. Probabilmente, però, l’uomo non si è accorto che il borsello era proprio di un carabiniere.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.