unci banner

:: NEWS

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Il caldo estivo, lunghe percorrenze per raggiungere casa dopo aver fatto la spesa e qualche disattenzione nel rispettare la catena del freddo possono essere causa di alterazione per i nostri...

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

«Sono felice e per questo ringrazio il sindaco di Villa San Giovanni e tutta l'amministrazione, perché con la firma di oggi si intraprende un percorso virtuoso e questo comune è...

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Il 27 agosto alle 21.30 presso l’Arena dello Stretto di Reggio Calabria avrà luogo l’ultimo appuntamento del Reggio Live Fest 2019, la serie di eventi frutto della sinergia tra i...

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Si avvicina l'attesissima conclusione della 28^edizione di EcoJazz festival, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia. Il parco Ecolandia di Arghillà a Reggio...

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

In occasione della Notte Bianca organizzata nell’ambito degli eventi per l’Estate 2019 a Bova Marina la nota località calabrese ha vissuto un grande momento di recupero e di animazione culturale...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAO.Greco: L'Italia del Meridione dice "NO" alla regionalizzazione della scuola

O.Greco: L'Italia del Meridione dice "NO" alla regionalizzazione della scuola

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 12 Luglio 2019 17:45

Le peggiori riforme della scuola vengono approvate in estate, quando la luce dei riflettori è puntata su altro. Così fu per la contestata legge 107/2015 del governo Renzi, così è per la proposta di legge sulla regionalizzazione del ministro Bussetti. Il disegno di legge prevede l'autonomia delle regioni in merito alle procedure concorsuali, alle risorse economiche da destinare all'edilizia scolastica e agli stipendi dei docenti che, de facto, diventerebbero impiegati regionali. Una rivoluzione in materia di istruzione che sembra avere tutti i connotati per apparire incostituzionale. "La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi".

Allo Stato quindi compete, in via generale, la predisposizione dei mezzi di istruzione e la creazione delle norme generali in materia. Se dovesse essere approvata appare reale il rischio di una differenziazione concreta delle risorse tra nord e sud Italia. I bilanci economici non fanno presupporre prospettive diverse. Ne è testimonianza la scelta di Bussetti di non includere nel nuovo esame di stato 2019 l'alternanza scuola - lavoro che, secondo quanto dichiarato dal ministro in un'intervista, sarebbe impari per gli studenti meridionali.

Attraverso la regionalizzazione dell'istruzione sarà consentito alle regioni di stabilire in autonomia la propria offerta formativa e il trattamento economico degli insegnanti, attraverso concorsi regionali ad hoc. Addirittura in queste ultime ore, dopo l'abolizione avvenuta nel 1972, si torna a parlare di gabbie salariali, ovvero l'adeguamento degli stipendi degli insegnanti in ragione del costo della vita. Un modo come un altro per abbassare gli stipendi al sud e aumentarli al nord. Offerta formativa, alternanza scuola-lavoro, assegnazione di contributi alle scuole paritarie, quelli per il diritto allo studio, personale amministrativo ATA: sono gli altri ambiti entro cui ricadrebbero le competenze delle Regioni dopo il processo di regionalizzazione. Una delle questioni più spinose, riguarda la differenziazione degli stipendi che si verrebbe a creare con il provvedimento. Stipendi differenziati per regione e per risorse da destinare alla scuola. Tutto ciò metterebbe a rischio l'unità del sistema scolastico nazionale e creerebbe una scuola differenziata, soprattutto in base alla ricchezza di un territorio. La parità di retribuzione è uno dei pilasti del sistema scolastico nazionale, così come l'uniformità delle proposte e offerte educative.

Come se non bastasse, la regionalizzazione della scuola metterebbe in discussione la partecipazione democratica degli studenti e delle loro famiglie introdotta nell'attuale normativa come strumento di interazione volto a consentire il coinvolgimento delle forze sociali, delle comunità locali e degli interessati (studenti e genitori) ai problemi della scuola, e viceversa l'approfondimento dei problemi della società in funzione della formazione culturale e civile degli studenti. L'Italia del Meridione sarà al fianco di docenti e studenti che si schiereranno contro una riforma palesemente nordista, che punta a spaccare il Paese e a creare inaccettabili forme di disuguaglianza.

Castrolibero 12 luglio 2019

Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Partecipazione straordinaria della Calabria alla Summer Fancy Food Show di New York

    Si è conclusa la tre giorni della Summer Fancy Food Show di New York, la più importante fiera del Nord America arrivata alla 65esima edizione. Dedicata al food e beverage di qualità, ha visto la partecipazione di quasi 15 aziende calabresi che hanno potuto far conoscere e gustare prodotti d’eccellenza, dal peperoncino alla pasta, dai liquori alle composte. È stato un trionfo, presa d’assalto l’area espositiva calabrese, che ha offerto non solo sapori ma anche profumi e odori di una terra che trova proprio nella Dieta Mediterranea uno dei suoi brand più importanti.

  • Welfare dimenticato, Orlandino Greco (IDM) scrive al ministro Luigi Di Maio

    Reggio Calabria. Orlandino Greco, segretario federale dell’Italia del Meridione ha inviato una lettera aperta al ministro Luigi Di Maio sul welfare dimenticato. "Gentile Ministro Di Maio, seguo con grande attenzione la Sua attività da quando i consensi bulgari del 4 marzo 2018 ottenuti, soprattutto nelle regioni meridionali, dal Movimento 5 Stelle del quale Lei è esponente

  • Orlandino Greco e Franco Sergio scrivono ai parlamentari calabresi di Lega M5S

    La vicenda, anzi la mancata occasione per la Calabria della “Via della Seta”, ha offeso la nostra storia; ha umiliato i nostri prodotti, ha tagliato fuori dal circuito il Porto di Gioia Tauro. Da qui, la insolita nota rivolta a Voi, diciannove parlamentari calabresi M5S e due leghisti, soprattutto a Matteo Salvini, senatore della Calabria.
    A fronte di tutto questo solo una promessa: un prossimo Consiglio dei Ministri che sarà celebrato in Calabria, vorremmo capire per decidere cosa. Ciò in quanto, nei momenti più topici, non si decide nulla in favore della Calabria, anzi si decide di escluderla da tutto. E dire che di successi elettorali ne avete macinato tanti nel sud, ultima la Basilicata, entrambi più avanti di tutti quelli che erano i partiti tradizionali.

  • Mozione dei consiglieri Greco e D'Agostino: bandire la plastica in tutti i comuni della Regione

    Reggio Calabria. I consiglieri regionali Orlandino Greco e Francesco D’Agostino hanno depositato una mozione che impegna la Giunta regionale ad adottare tutte le misure utili a bandire l’uso della plastica in tutti i comuni del territorio regionale entro il 2021, anticipando i tempi per attuare le disposizioni imposte dalle direttive europee in merito. “La plastica – ha dichiarato

  • Orlandino Greco: "Italia Del Meridione" diventa partito nazionale

    Con un cinema San Nicola stracolmo in tutti suoi spazi si è svolta a Cosenza la costituente de L’Italia del Meridione, formazione politica che sviluppatasi in una prima fase in Calabria si è radicata negli anni nelle altre realtà territoriali delle regioni meridionali. Era visibilmente soddisfatto e compiaciuto Orlandino Greco, ispiratore e fondatore del movimento, nel constatare la grande folla presentatasi a partecipare all’evento. Greco non poteva che iniziare il suo intervento ripercorrendo le tappe della nascita del movimento, gli stimoli ricevuti e le difficoltà incontrate in un quadro politico ingessato nelle appartenenze e nelle logiche di potere.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.