unci banner

:: NEWS

Palmi, ambiente e territorio: riunione tra i sindaci per chiedere immediati provvedimenti

Palmi, ambiente e territorio: riunione tra i sindaci per chiedere immediati provvedimenti

Continua senza sosta il lavoro dell’Amministrazione Comunale per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente e del nostro patrimonio naturale. Questa mattina il sindaco Giuseppe Ranuccio ha preso parte ad una...

Reggio Live Fest 2019: Arena dello Stretto gremita e standing ovation per Max Weinberg e Alessandro Quarta

Reggio Live Fest 2019: Arena dello Stretto gremita e standing ovation per Max Weinberg e Alessandro Quarta

“Due serate eccezionali, generi diversi ma con un comune denominatore: l’Arte, la creatività e le emozioni della grande Musica dal vivo ai massimi livelli internazionali... La location unica al mondo...

Cataforio, ufficiale un altro top player: Angelo Creaco è bianconero

Cataforio, ufficiale un altro top player: Angelo Creaco è bianconero

L’Asd Cataforio C5 Reggio Calabria, comunica di avere ingaggiato Angelo Creaco, universale-pivot classe 1989 di Reggio Calabria. Nelle ultime due stagioni ha contribuito al doppio salto di categoria del Futal...

Festa di sant’Anna tutto pronto a Reggio per l’edizione 2019

Festa di sant’Anna tutto pronto a Reggio per l’edizione 2019

Torna anche per quest’anno a Reggio il consueto appuntamento con la due giorni dedicata ai festeggiamenti in onore di Sant’Anna. Si pare con la serata del 25 di luglio, dove...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAPd, Enza Bruno Bossio replica ai parlamentari 5stelle su bando periferie

Pd, Enza Bruno Bossio replica ai parlamentari 5stelle su bando periferie

Pubblicato in POLITICA Sabato, 15 Settembre 2018 20:32

La deputazione calabrese 5stelle, invece di nascondersi dalla vergogna per aver votato contro i propri elettori, sul bando per le periferie ci propina l’ennesima montagna di bugie. I fondi c’erano tutti, stanziati in due tranche con leggi della Repubblica: la legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) e la legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di stabilità 2017). I progetti sono stati selezionati sulla base di una graduatoria (altro che assenza di valutazione) e lo Stato ha concluso con tutti gli enti locali una convenzione che ha validità giuridica a tutti gli effetti con tanto di via libera della Ragioneria dello Stato.

Nel loro delirio di male fede mista a insopportabile ignoranza, i parlamentari 5 stelle confondono le pere con le mele. I fondi delle periferie sono dello Stato e vengono dati ai Comuni; i fondi dell’avanzo di amministrazione sono dei Comuni, e quindi con questa operazione lo Stato li taglia ai Comuni. Imparino la differenza tra bilancio di cassa e bilancio di competenza, prima di parlare altrimenti producono solo danni e disastri. L’intesa sancita dalla Corte Costituzionale si poteva trovare in un quarto d’ora in Conferenza Unificata Stato-Regioni-Enti locali, invece loro con questo pretesto hanno smontato tutto, producendo danni incalcolabili sui bilanci degli enti locali. L’aspetto ancora più odioso di questa vicenda è che è stata compiuta un’operazione che colpirà soprattutto il Sud, perché alla fine la Lega farà recuperare i fondi ai Comuni del Nord amministrati dalla Lega stessa e sul tappeto, per colpa loro, si sarà ancora e una volta un solo sconfitto: il Mezzogiorno.

Enza Bruno Bossio

Deputata Pd

RC 15 settembre 2018

Letto 272 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Lotta fratricida nel PD oltre la politica la bufera giudiziaria

    In principio è stato il governatore Emiliano ad agitare le acque in casa Pd e a ricandidarsi mettendo in guardia da un complotto a suo danno che userebbe le vicende giudiziarie per bloccarlo politicamente. In Basilicata ancora prima, il presidente Pittella è stato costretto a passare la mano dopo l’inchiesta che lo ha investito e la presidente Marini in Umbria è al centro di uno scontro interno che parte dall’inchiesta sulla sanità regionale. In Calabria la partita di Oliverio sembra essersi spostata dalla valutazione amministrativa dei suoi anni di governo a quella giudiziaria su cui sinora ha avuto pronunciamenti chiari della Cassazione (inchiesta lande desolate) e dei giudici di merito (sull’affaire Cosenza).

  • Oliverio: "Il Pd non ha bisogno di rappresentazioni fantasiose"

    Il presidente della Regione Mario Oliverio questa mattina, a margine di una iniziativa sui problemi dell'ambiente nella Presila, incalzato dai giornalisti sui suoi rapporti con il PD ha tagliato corto: "Non capisco questo "Delirium Tremens" rispetto al mio rapporto con il PD. Capisco che siete alla ricerca di scoop. Tuttavia anche gli scoop devono avere almeno un minimo fondamento. La nostra impostazione politica è stata sempre chiara: lavorare per un'ampia coalizione inclusiva del civismo democratico. Mi pare che anche il PD nazionale, guidato da Zingaretti, si muova su questa linea".E rispetto al PD in Calabria? -gli hanno chiesto.

  • Elezioni europee, l'assessore Lucia Nucera nella rosa del PD

    Ecco la lista del #PartitoDemocratico nella Circoscrizione Meridionale per le prossime elezioni #Europee. A dare l'annnuncio direttamente dal suo profilo social il commissario Stefano Graziano: "In bocca al lupo a tutti. Franco Roberti, Pina Picierno, Andrea Cozzolino, Elena Gentile, Giosi Ferrandino, Gerarta Ballo, Nicola Brienza, Caterina Cerroni, Nicola Caputo, Lucia Nucera, Franco Iacucci, Anna Marra, Massimo Paolucci, Leila Keichoud, Eduardo Piccirilli, Anna Petrone, Ivan Stomeo, Mariella Verdoliva".

  • Angela Martino (PD) su esclusione Porto Gioia dalla Via della Seta

    Il governo gialloverde ha inflitto una nuova mortificazione al Porto di Gioia Tauro, non prevedendo il suo inserimento fra gli scali portuali che saranno protagonisti delle reti commercali del mare nell'ambito del Memorandum siglato tra Cina e Italia. Una ennesima “disattenzione” dopo la disarticolazione del sistema portuale calabrese con l'illogico distacco dallo stesso dei porti di Reggio Calabria e Villa San Giovanni, prontamente impugnato dalla Regione Calabria innanzi alla Corte Costituzionale, le mancate risposte sull'operatività della Zes e sui fondi PON Infrastrutture e Reti inspiegabilmente inutilizzati, nonostante i continui solleciti della Giunta Oliverio.

  • Angela Martino (PD) su ipotesi dissesto Comune

    “L’impegno e la costanza con cui il sindaco Falcomatà sta seguendo la questione che vede il nostro Comune a rischio di dissesto finanziario, pare produrranno il risultato atteso. La nuova trasferta romana del primo cittadino è servita a suggellare un impegno politico del governo, rappresentato dalla sottosegretaria all’Economia Laura Castelli, da parte del quale a questo punto si attende l’ufficializzazione dei provvedimenti concordati con Falcomatà. Evitare il dissesto di Reggio, che assieme ad altri cento Comuni ha applicato una legge dello Stato ora dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale, è di vitale importanza. Un Comune già sciolto per mafia nella sua storia recente, non può e non deve subire l’ulteriore mortificazione del crac finanziario.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.