unci banner

:: NEWS

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 di EcoJazz

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 di EcoJazz

Presso la pinacoteca civica di Reggio, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione, della ventottesima edizione di Ecojazz, una delle kermesse musicali più longeve ed importanti, che riguardano il...

Torna l'appuntamento con la "Notte al Vecchio Borgo" di Rizziconi

Torna l'appuntamento con la "Notte al Vecchio Borgo" di Rizziconi

Un mix di arte, cultura, l’immancabile solidarietà e il rispetto per l’ambiente sono gli ingredienti del successo ormai consolidato della “Notte al Vecchio Borgo” di Rizziconi, giunto quest’anno alla sua...

Un centinaio di piante di canapa indiana trovate nelle campagne di Cittanova

Un centinaio di piante di canapa indiana trovate nelle campagne di Cittanova

Ieri pomeriggio, nell’ambito di un servizio di controllo in area aspromontana finalizzato al contrasto delle coltivazioni di sostanza stupefacente, i carabinieri della Compagnia di Taurianova assieme ai colleghi Cacciatori di...

Tappa di successo a Lazzaro per la rassegna Calabria Judaica

Tappa di successo a Lazzaro per la rassegna Calabria Judaica

Ha fatto tappa a Lazzaro nel comune di Motta San Giovanni la rassegna Calabria Judaica promossa dalla Cooperativa Satyroi di Bova Marina. Protagonista l’Antiquarium Leucopetra aperto grazie anche alla collaborazione...

Successo a Bocale per la giornata ecologica promossa da Pro Loco e Legambiente

Successo a Bocale per la giornata ecologica promossa da Pro Loco e Legambiente

Una giornata all’insegna della sensibilizzazione rispetto ai tempi del rispetto dell’ambiente. È stato questo il leit motiv dell’iniziativa tenutasi qualche giorno addietro presso il litorale di Bocale, promossa ed organizzata...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAPotere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

Potere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

Pubblicato in POLITICA Domenica, 16 Giugno 2019 19:13

Lo stato di sfascio in cui si trova il sistema dei servizi sanitari nell'ambito dell'ASP 5 di Reggio Calabria pare ormai irreversibile e i commissari, nominati dal Governo per le infiltrazioni della 'ndrangheta, hanno proceduto con la richiesta di dissesto finanziario: i debiti pregressi accertati sarebbero superiori a 400 milioni di euro! L'ASP 5 vive in una situazione di cronica disfunzione amministrativa e gestionale, basti ricordare che i bilanci non risultano approvati dal 2013. In questa situazione non è semplice nemmeno avere contezza delle spese fatte e della loro legittimità. Dai riscontri dei commissari, risulterebbero liquidate fatture per ben tre volte a fornitori privati di servizi. E questa non è una novità visto che questo tipo di truffa era già stata denunciata nel 2015, ma a quanto pare nessuno vi aveva posto un freno.

Purtroppo, la mala gestione e la mancanza di programmazione dei vertici dell'ASP 5 hanno portato, nel tempo, al collasso della qualità delle prestazioni dei servizi. Ricordiamo le lunghe liste d'attesa anche di un anno ed il limite imposto anche sulla prescrizione dei farmaci per ammalati cronici.

Come Potere al popolo! Reggio Calabria crediamo che alla dichiarazione di dissesto dell'ASP 5 debba seguire una grande operazione di verità e accertare le reali responsabilità di tutti coloro che hanno causato l'attuale disastro dell'amministrazione sanitaria reggina. È chi ha permesso tutto questo deve pagare, non i reggini!

Se l'accertamento della condizione di dissesto costituisce un fatto tecnico oggettivo che poco si presta a elaborazioni creative o propagandistiche, la politica ha invece l'obbligo di delineare le scelte future che dovranno essere intraprese per tutelare il diritto universale alla salute e per ridurre le sempre maggiori diseguaglianze nell'accesso alle cure.

Come fruitori dei servizi sanitari territoriali, non possiamo che pretendere l'intervento dello Stato a garanzia dei LEA (i livelli essenziali dell'assistenza, le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini) così come previsto dal Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502.

Noi ci battiamo affinché sia garantito il diritto alla salute ed al benessere come bene comune!

Per questo siamo convinti che i servizi sanitari debbano essere gestiti dalla mano pubblica.

Le risorse pubbliche devono essere impegnate per migliorare i livelli delle prestazioni e non devono servire ad arricchire i gestori privati.

Consapevoli che, in atto, molti servizi sono appannaggio di strutture private e che non si possano interrompere le prestazioni attuali (vedi l'assistenza psichiatrica), proponiamo che si proceda alla internalizzazione dei servizi, valorizzando le risorse umane che già prestano la loro attività nei presidi presenti sul territorio.

Siamo consapevoli che la sanità pubblica si possa rilanciare a partire dal valorizzare il personale in servizio e da un grande piano di reclutamento di personale tecnico-sanitario e da consistenti investimenti nelle carenti infrastrutture.

Crediamo che la governance della sanità territoriale pubblica abbia il dovere di rendere note le linee di indirizzo della programmazione su cui individua gli incarichi dirigenziali.

Vogliamo che siano i cittadini a controllare dove vanno a finire i finanziamenti e come vengono utilizzati, vogliamo che siano trasparenti le modalità di selezione dei dirigenti, vogliamo che si condivida con la cittadinanza progettazione e scopi del SSN.

Vogliamo una Sanità Pubblica e gratuita, per tutte e tutti. Lottiamo perché si investa sulla prevenzione, per un serio piano di abolizione degli sprechi, per il diritto ad un trattamento adeguato in tempi appropriati, per un'assistenza laica e non discriminante.

Ci batteremo affinché i diritti di tutti e tutte abbiano dignità in ogni parte d'Italia, a partire dalla nostra Calabria per troppi anni asservita alla mala politica e agli interessi privati delle lobby.

Domani saremo presenti a Piazza Italia per il Consiglio comunale e metropolitano congiunto dedicato al tema della sanità reggina, mentre nei prossimi giorni saremo davanti alle principali strutture ASL di Reggio Calabria per delle iniziative di sensibilizzazione e informazione.


Potere al popolo! Reggio Calabria

Rc 16 giugno 2019

Letto 130 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Chiusura Hospice, Potere al Popolo: vogliamo che sia garantita la continuità assistenziale!

    In merito alla paventata imminente chiusura dell'Hospice "Via delle Stelle" di Reggio Calabria, Potere al Popolo! ritiene sia necessario compiere ogni possibile sforzo per garantire il diritto dei cittadini a poter avere riconosciuta la "continuità assistenziale", soprattutto per i pazienti con malattia in fase terminale o post acuzie, e a salvaguardare i livelli occupazionali e le diverse professionalità che i questi anni hanno assicurato servizi fondamentali. Nello scontro che si è aperto tra l'ASP di Reggio Calabria e la Fondazione Via delle Stelle non possono e non devono essere malati e lavoratori a pagarne le conseguenze.

  • Sospensione servizio laboratorio di analisi Asp 5, Potere al Popolo: "gravità eccezionale"

    Potere al popolo! Reggio Calabria non avrebbe mai voluto leggere l'odierno cartello con su scritto "le attività del laboratorio sono sospese per mancanza del tecnico biomedico" nel portone del presidio sanitario di via Willermin! Infatti, il laboratorio di analisi cliniche dell'Asp 5 sito in Via Willermin a Reggio Calabria ha sospeso a tempo indeterminato le proprie attività a far data dalla giornata odierna! La chiusura odierna non è stata come un fulmine a ciel sereno, visto che i Commissari dell'Asp, pochi giorni fa hanno tolto l'unico tecnico di laboratorio in servizio trasferendolo alla struttura di Locri, lasciando così sguarnita la sede di via Willermin.

  • Potere al Popolo: in piazza per una scuola pubblica, laica e solidale

    Si sono svolti in contemporanea in tutta Italia, e anche a Reggio Calabria, presìdi in solidarietà a Rosa Maria Dell'Aria, la professoressa di Palermo colpita da un provvedimento infame, per aver solo fatto il suo lavoro di insegnante.
    Con studenti e docenti abbiamo voluto ribadire che la scuola è un luogo di esercizio del pensiero, della critica e anche del dissenso. La scuola può e deve fornire gli strumenti per emanciparsi dalla repressione e dall'oppressione del potere e dei governi, per essere parti pensanti della società e contribuire alla sua costruzione, indipendentemente dalla propria estrazione sociale: per questo da molto tempo è costantemente sotto attacco, politico ed economico, attraverso miliardi di continui tagli.

  • Potere al Popolo: sabato 4 maggio incontro con Giuliano Granato sulla crisi Venezuelana

    "Non lasciamoci ingannare. È la frase che ci dovrebbe rimbombare nel cervello ogni volta che sui giornali, in TV e sui social leggiamo di Venezuela. A maggior ragione nel momento in cui sinistre ombre di un golpe militare e reazionario agitano lo spauracchio di una guerra civile desiderata dalle cancellerie di tutto l'occidente imperialista. Fake news che si susseguono, si rincorrono, si accavallano. Viviamo una guerra mediatica e psicologica, oltre che economica e politica, il cui bersaglio non è solo il popolo venezuelano, ma tutti i popoli del mondo. Il Venezuela è oggi anche un grande laboratorio di una guerra che non esitano a condurre anche in altri luoghi del pianeta, laddove ne ravvisino la necessità.

  • Decreto Calabria, le riflessioni di Potere al Popolo

    Ieri il Palazzo della Prefettura di Reggio Calabria ha ospitato il Consiglio dei Ministri in trasferta: tra qualche selfie, una visita ai Bronzi, una sciacallata a San Ferdinando, ecco la firma sul Decreto Calabria, misura emergenziale per affrontare l’atavico bubbone della sanità calabrese. Un decreto già annunciato dalla ministro Grillo dopo che scandali e inchieste avevano ripuntato i fari nazionali sulla nostra regione e sui suoi ospedali, su un “sistema” indubbiamente infestato da infiltrazioni masso-mafiose, dove la politica tutta si è interessata più di clientele, nomine e assunzioni che del benessere dei calabresi, dove burocrati e manager sono subordinati agli interessi di chi li ha nominati. Un sistema che produce un disavanzo di circa 160 milioni di euro l’anno, e questo nonostante gli ormai 10 anni di commissariamento, perché non dobbiamo dimenticare che per il rientro del debito siamo già commissariati dal 2009.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.