unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAPotere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

Potere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

Pubblicato in POLITICA Domenica, 16 Giugno 2019 19:13

Lo stato di sfascio in cui si trova il sistema dei servizi sanitari nell'ambito dell'ASP 5 di Reggio Calabria pare ormai irreversibile e i commissari, nominati dal Governo per le infiltrazioni della 'ndrangheta, hanno proceduto con la richiesta di dissesto finanziario: i debiti pregressi accertati sarebbero superiori a 400 milioni di euro! L'ASP 5 vive in una situazione di cronica disfunzione amministrativa e gestionale, basti ricordare che i bilanci non risultano approvati dal 2013. In questa situazione non è semplice nemmeno avere contezza delle spese fatte e della loro legittimità. Dai riscontri dei commissari, risulterebbero liquidate fatture per ben tre volte a fornitori privati di servizi. E questa non è una novità visto che questo tipo di truffa era già stata denunciata nel 2015, ma a quanto pare nessuno vi aveva posto un freno.

Purtroppo, la mala gestione e la mancanza di programmazione dei vertici dell'ASP 5 hanno portato, nel tempo, al collasso della qualità delle prestazioni dei servizi. Ricordiamo le lunghe liste d'attesa anche di un anno ed il limite imposto anche sulla prescrizione dei farmaci per ammalati cronici.

Come Potere al popolo! Reggio Calabria crediamo che alla dichiarazione di dissesto dell'ASP 5 debba seguire una grande operazione di verità e accertare le reali responsabilità di tutti coloro che hanno causato l'attuale disastro dell'amministrazione sanitaria reggina. È chi ha permesso tutto questo deve pagare, non i reggini!

Se l'accertamento della condizione di dissesto costituisce un fatto tecnico oggettivo che poco si presta a elaborazioni creative o propagandistiche, la politica ha invece l'obbligo di delineare le scelte future che dovranno essere intraprese per tutelare il diritto universale alla salute e per ridurre le sempre maggiori diseguaglianze nell'accesso alle cure.

Come fruitori dei servizi sanitari territoriali, non possiamo che pretendere l'intervento dello Stato a garanzia dei LEA (i livelli essenziali dell'assistenza, le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini) così come previsto dal Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502.

Noi ci battiamo affinché sia garantito il diritto alla salute ed al benessere come bene comune!

Per questo siamo convinti che i servizi sanitari debbano essere gestiti dalla mano pubblica.

Le risorse pubbliche devono essere impegnate per migliorare i livelli delle prestazioni e non devono servire ad arricchire i gestori privati.

Consapevoli che, in atto, molti servizi sono appannaggio di strutture private e che non si possano interrompere le prestazioni attuali (vedi l'assistenza psichiatrica), proponiamo che si proceda alla internalizzazione dei servizi, valorizzando le risorse umane che già prestano la loro attività nei presidi presenti sul territorio.

Siamo consapevoli che la sanità pubblica si possa rilanciare a partire dal valorizzare il personale in servizio e da un grande piano di reclutamento di personale tecnico-sanitario e da consistenti investimenti nelle carenti infrastrutture.

Crediamo che la governance della sanità territoriale pubblica abbia il dovere di rendere note le linee di indirizzo della programmazione su cui individua gli incarichi dirigenziali.

Vogliamo che siano i cittadini a controllare dove vanno a finire i finanziamenti e come vengono utilizzati, vogliamo che siano trasparenti le modalità di selezione dei dirigenti, vogliamo che si condivida con la cittadinanza progettazione e scopi del SSN.

Vogliamo una Sanità Pubblica e gratuita, per tutte e tutti. Lottiamo perché si investa sulla prevenzione, per un serio piano di abolizione degli sprechi, per il diritto ad un trattamento adeguato in tempi appropriati, per un'assistenza laica e non discriminante.

Ci batteremo affinché i diritti di tutti e tutte abbiano dignità in ogni parte d'Italia, a partire dalla nostra Calabria per troppi anni asservita alla mala politica e agli interessi privati delle lobby.

Domani saremo presenti a Piazza Italia per il Consiglio comunale e metropolitano congiunto dedicato al tema della sanità reggina, mentre nei prossimi giorni saremo davanti alle principali strutture ASL di Reggio Calabria per delle iniziative di sensibilizzazione e informazione.


Potere al popolo! Reggio Calabria

Rc 16 giugno 2019

Letto 176 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Potere al Popolo sulla mancata assegnazione degli assistenti educativi ai bambini con disabilità

    Dopo che è ormai iniziato il nuovo anno scolastico, scoppia la protesta degli assistenti educativi a sostegno dei bambini con disabilità che frequentano le scuole di Reggio Calabria.
    Già nello scorso mese di agosto Potere al Popolo! Reggio Calabria aveva lanciato un grido d'allarme rispetto all'assegnazione tempestiva degli insegnanti di sostegno, in modo che si potesse programmare per tempo la loro individuazione ed evitare così una lesione dei diritti dei giovani con disabilità.

  • Potere al Popolo: basta morti, la statale 106 va messa in sicurezza

    L'ennesimo incidente, l'ennesimo morto: "la strada della morte" è il triste appellativo della Statale 106 Reggio Calabria–Taranto. A pochissimi giorni dal grave incidente a Condofuri, in cui ha perso la vita un 24enne, il tratto reggino della Statale è stato funestato da un'altra morte a Brancaleone, quella di un turista norvegese di 74 anni.
    Quest'ultimo caso è emblematico, in questo senso: Brancaleone Marina è collegata alla sua frazione Galati da un lungo rettilineo, scarsamente (per non dire affatto) illuminato in cui da sempre i veicoli, anche mezzi pesanti, tendono a circolare a velocità ben superiori a quelle consentite (anche 120 km/h, dove il limite è di 50-70 km/h), spesso mantenendole anche all'ingresso nel piccolo centro abitato;

  • Potere al Popolo: nomina insegnati di sostegno, evitare che i ragazzi restino senza il supporto previsto per legge

    In prossimità dell'apertura dell'anno scolastico, vorremmo che non si riproponga il solito copione che vede ogni anno ritardare l'assegnazione degli insegnanti di sostegno a favore dei ragazzi con disabilità,
    visto che la legge 104/92 all'art. 3 commi 1 e 3, prevede che ogni istituzione scolastica determini il numero degli alunni con disabilità certificata e valuti la gravità ed i bisogni di ogni singolo caso, per la successiva assegnazione del monte ore di sostegno.
    Potere al Popolo! Reggio Calabria chiede pertanto alle Istituzioni interessate (Scuole dell'Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo e Secondo Grado), di procedere velocemente all'individuazione degli operatori
    da allocare a supporto di questi ragazzi che hanno diritto e bisogno di una particolare attenzione, educativa e scolastica.

  • Chiusura Hospice, Potere al Popolo: vogliamo che sia garantita la continuità assistenziale!

    In merito alla paventata imminente chiusura dell'Hospice "Via delle Stelle" di Reggio Calabria, Potere al Popolo! ritiene sia necessario compiere ogni possibile sforzo per garantire il diritto dei cittadini a poter avere riconosciuta la "continuità assistenziale", soprattutto per i pazienti con malattia in fase terminale o post acuzie, e a salvaguardare i livelli occupazionali e le diverse professionalità che i questi anni hanno assicurato servizi fondamentali. Nello scontro che si è aperto tra l'ASP di Reggio Calabria e la Fondazione Via delle Stelle non possono e non devono essere malati e lavoratori a pagarne le conseguenze.

  • Sospensione servizio laboratorio di analisi Asp 5, Potere al Popolo: "gravità eccezionale"

    Potere al popolo! Reggio Calabria non avrebbe mai voluto leggere l'odierno cartello con su scritto "le attività del laboratorio sono sospese per mancanza del tecnico biomedico" nel portone del presidio sanitario di via Willermin! Infatti, il laboratorio di analisi cliniche dell'Asp 5 sito in Via Willermin a Reggio Calabria ha sospeso a tempo indeterminato le proprie attività a far data dalla giornata odierna! La chiusura odierna non è stata come un fulmine a ciel sereno, visto che i Commissari dell'Asp, pochi giorni fa hanno tolto l'unico tecnico di laboratorio in servizio trasferendolo alla struttura di Locri, lasciando così sguarnita la sede di via Willermin.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.