unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAPrecisazioni del Presidente della Commissione Toponomastica Giuseppe Cantarella su toponomastica femminile

Precisazioni del Presidente della Commissione Toponomastica Giuseppe Cantarella su toponomastica femminile

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 12 Agosto 2019 16:21

Il Presidente della Commissione Toponomastica, professore Giuseppe Cantarella, in relazione al comunicato de Il Collettivo La Strada, pubblicato su alcune testate di stampa locale, ritiene utile inoltrare alcune precisazioni: Fin dall’insediamento di questa Commissione Toponomastica, avvenuto il 14 Giugno del 2016, si è avvertita la necessità di colmare questa oggettiva lacuna di strade o piazze od altri luoghi, intitolati a donne. La Commissione ha avviato pertanto importanti e proficue interlocuzioni con associazioni che si occupano anche di questa questione, ricevendo utili suggerimenti e sviluppando interessanti confronti, formulando poi delle proposte che hanno consentito alla Giunta Municipale di pervenire alla deliberazione di ben 32 strade e piazze intitolate a donne, (compresa la Rotonda 8 Marzo), su di un totale che, al momento, è di 338 nuove intitolazioni, con una percentuale, quindi, che è pari circa al 10 % .

La Commissione Toponomastica ha le porte sempre aperte: qualunque associazione può prendere contatto con noi, sia per formulare proposte, sia per ricevere direttamente informazioni corrette e puntuali, per non incorrere nella diffusione di dati errati. Saremo grati a Il Collettivo La Strada se vorrà affiancarci in questa interessante e stimolante attività, al servizio esclusivo della nostra bella e amata città


Il Presidente della Commissione Toponomastica del Comune di Reggio Calabria

Professore Giuseppe Cantarella
Di seguito, l’elenco delle donne a cui la Giunta ha inteso intitolare vie, strade, piazze, scalinate, e quant’altro:
MARIA GAETANA AGNESI

ROTONDA OTTO MARZO

CHIARA "LUCE" BADANO

MARIA BOTTARI

FEDERICA CACOZZA

ROSSELLA CASINI

TERESA CATALANO REITANO

MARIE CURIE

NATUZZA EVOLO

ANNA MARIA FIORELLI LAPINI

ALBA FLORIO

ANNA FRANK

LEA GAROFALO

GIOVANNA GULLI'

MARGHERITA HACK

FRANCESCA IERO

EUNICE KENNEDY SHRIVER

GIUDITTA LEVATO

CHIARA LUBICH

MADRE TERESA DI CALCUTTA

RITA MAGLIO

MIA MARTINI

LINA MERLIN

MARIA MONTESSORI

MARIA OCCHIPINTI

AMELIA PINCHERLE

EVELINA PLUTINO GIUFFRE'

EMANUELA SETTI CARRARO

LUISA SPAGNOLI

SUOR TERESILLA

GILDA TRISOLINI

SIMONE WEIL

--
Ufficio Stampa Città di Reggio Calabria

Rc 12 agosto 2019

Letto 92 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

    “La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne indica la vitalità. La situazione di abbandono del Mercato coperto di Reggio Calabria ci dice precisamente la situazione in cui versa tutta la città. Ci siamo stati con uno dei nostri Cammini Urbani. Se volete capire cosa significhino l’approssimazione anche nella realizzazione della ristrutturazione dell’edificio, la mancanza di visione organica, la prospettiva di futuro, l’assenza di un piano cittadino per il rilancio del commercio e del lavoro, fate una passeggiata al Mercato coperto.

  • Gallico - Gambarie, il Collettivo La Strada propone un Consiglio Metropolitano aperto per fare il punto

    Abbiamo recentemente intrapreso un Cammino Urbano nella Vallata del Gallico. Il Cammino Urbano è lo strumento che ci siamo dati per conoscere e incontrare il territorio. Vogliamo andare subito al sodo: crediamo opportuno che il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria convochi una seduta aperta del Consiglio Metropolitano, per discutere la situazione, lo stato dell’arte e il futuro della strada Gallico Gambarie. Riteniamo opportuno che tale Consiglio veda la “partecipazione di Enti, associazioni, aziende, organizzazioni interessate all’argomento” - così come previsto dal regolamento specifico della Città Metropolitana per casi del genere- nonché dei lavoratori che da diverso tempo vivono una situazione difficile, legata proprio al destino della fondamentale arteria.

  • Collettivo La Strada: prima l'Analisi e poi la S'intesi

    Ma cosa ci dice S’intesi edizione 2019? Ci conferma quello che aveva già detto S’intesi 2018 e quello che hanno detto questi quasi 5 anni di amministrazione a conduzione Falcomatà. Ci dicono che un’idea organica di città verrà, parafrasando Gaber, “oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente”. S’intesi esprime una volta di più la macchina auto pubblicitaria dell’Amministrazione, un grande selfie durato quattro giorni. È un grande errore considerare una kermesse del genere un momento di democrazia. Abbiamo molto a cuore il nostro Statuto Comunale, dove troviamo espressi gli strumenti veri di democrazia e partecipazione.

  • Tommasello (Collettivo La Strada) sulla riqualificazione dell'area di San Leo

    Nel corso di uno dei Cammini Urbani organizzati dal Collettivo La Strada abbiamo attraversato il quartiere di Mortara, adiacente all’area sulla quale si vorrebbe costruire il complesso previsto dal progetto Mediterranean Life. Abbiamo potuto vedere, al di là della 106, la presenza di un’area vastissima con scheletri di costruzioni di vario tipo e dimensioni in parte già crollati, diroccati e fatiscenti. Ecco cosa restava del grandioso progetto per il Polo integrato comprendente, tra le altre cose, il nuovo deposito Atam e il macello pubblico. Un’area abbandonata e degradata - nonostante l’enorme spreco di denaro pubblico- e, quindi, da recuperare nuovamente.

  • Saverio Pazzano (Collettivo La Strada): "Riabitare Reggio"

    di Saverio Pazzano - Collettivo "La Strada" - Questi sono i giorni che ritorniamo. Perché alla fine noi reggini ritorniamo sempre: per le feste, per le vacanze, per una scusa qualsiasi. Ritorniamo e ripartiamo, perché alla fine Reggio è la città di chi deve sempre ripartire o di chi è in procinto di partire o di chi deve salutare qualcuno che sta per partire. È anche la città di chi resta, ma è come forestiero in una città malridotta e mal curata, tenuta in perenne stato cagionevole e quasi abbandonata.
    Questa è la principale generazione di Reggio. Una generazione non strettamente anagrafica, ma di coloro che si interrogano sulle ragioni del restare e dell’andare, per sé, per i propri figli, sul senso di esilio che si prova a vivere a Reggio. Esiliati, confinati tra la retorica del “restare” alimentata dai politicanti vecchi e giovani, e tra il suo esatto contrario dell’andare e basta, perché si deve, perché qui è tutto perduto. Reggio è la città in cui trova spesso compimento quella che Corrado Alvaro definisce la più grave disperazione: “il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.