unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICARegionalismo differenziato, coro unanime dei comitati di azione civile di Pellaro: “Regole uguali, no a guerra nord-sud”

Regionalismo differenziato, coro unanime dei comitati di azione civile di Pellaro: “Regole uguali, no a guerra nord-sud”

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 12 Agosto 2019 15:59

"Non c'è nulla che sia ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali". E' nel solco del pensiero di don Milani che si è sviluppato il dibattito promosso dai comitati di Azione civile "Ritorno al futuro" nell'arena della Lega Navale di Pellaro. Ad occupare in larga parte il partecipato confronto, che dalle 21 è andato avanti fino quasi a mezzanotte, è stato il discusso tema del regionalismo differenziato. Questione che interessa da vicino la Calabria e che dunque deve trovare un posto di primo piano all'interno dei programmi politici, come ricordato a più riprese dai partecipanti all'iniziativa: l'onorevole Antonio Viscomi, il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, l'assessore alle Politiche comunitarie del Comune di Reggio Calabria, Giuseppe Marino, il presidente di Confartigianato Reggio Calabria, Demetrio Battaglia, il presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, Ninni Tramontana, la professoressa dell'Università Mediterranea, Consuelo Nava e l'imprenditore Pino Falduto.

Nel corso della manifestazione, introdotta dal referente del comitato di azione civile, Antonio Cappellano e coordinata dal giornalista Luigi De Angelis, è stato rilanciato l'impegno delle forze democratiche per un'azione più incisiva sul fronte della tutela dei diritti del Mezzogiorno. "Ciò che si sta affermando con il modello di regionalismo differenziato – ha rimarcato Viscomi – è una visione quasi eversiva e molto pericolosa perché significa che la sovranità di questo paese non sta più nel parlamento ma in un accordo individuale tra una regione e il governo. E poi c'è il tema della sovranità, punto centrale su cui siamo chiamati a interrogarci. Oggi in modo particolare dopo aver sentito un ministro dell'interno e vicepresidente del consiglio chiedere "pieni poteri", espressione offensiva nei confronti della democrazia, della costituzione e, se vogliamo, dell'intelligenza delle persone. Non ci stiamo alla guerra del nord contro il sud, semmai lavoriamo affinché le due aree del paese cooperino insieme per un nuovo regionalismo in cui le differenze siano solo identitarie ma non di regole".
"Come consiglio regionale, - ha ricordato il presidente Irto - siamo stati la prima regione d'Italia ad approvare un documento unanime in cui si chiede al governo di fermarsi sul federalismo differenziato. Documento che non solleva una contrapposizione nord-sud, che non punta a difendere il regionalismo così come lo conosciamo oggi ma che anzi ribadisce l'impegno della Calabria nella direzione di un profondo cambiamento, in un quadro solidaristico e nazionale. E' bene ribadire che il modello di regionalismo differenziato, su cui si sta tentando di tenere bassa la discussione come dimostra anche l'atteggiamento molto defilato al riguardo dello stesso Salvini, non è un affare localistico o di mere competenze in più o in meno, ma un modello che rischia di ammazzare il Mezzogiorno e tutto ciò che caratterizza la vita dei territori, le università, le scuole e il tessuto produttivo".
Bisogna avere la capacità di raccontare ai calabresi come stanno le cose, ha evidenziato Battaglia, "anche partendo da un dato storico fondamentale, ovvero la riforma del titolo V della costituzione del 2001 quale madre di tutti gli errori, che ha allargato le distanze tra nord e sud e consente oggi alle regioni di chiedere più competenze". Non serve un patriottismo meridionale fine a se stesso, ha infine ribadito Marino, "ma un'azione che guardi alla coesione e alla ricerca di modelli di governance condivisi. Oggi è necessaria una battaglia forte contro la cultura dell'odio, della paura, della superficialità da combattere con la politica della serietà, dell'approfondimento, dell'impegno e del confronto con i cittadini. E' drammatico leggere nelle rilevazioni Svimez che la Calabria è una delle regioni più colpite dal fenomeno dell'abbandono scolastico. Siamo tutti chiamati ad assumerci precise responsabilità".

Reggio Calabria, 12 agosto 2019

Letto 91 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Pellaro, intervento dei Vigili del Fuoco per un forte odore simile al gas segnalato dai cittadini

    Stamane poco dopo le ore 8:00 sono giunte alla sala operativa decine richieste d’intervento in quanto gli abitanti delle zone di Pellaro, Bocale e Lazzaro di Reggio Calabria sentivano forte odore di Gas. La sala operativa dei Vigili del Fuoco ha inviato sul posto due squadre allertando nel contempo la società responsabile della rete di distribuzione del GAS di rete “2i-rete-gas”. Nella mattinata sono stati eseguiti innumerevoli tentativi per individuare la presunta perdita di gas fino a quando, con l’ausilio del nucleo NBCR del Comando dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria è stata individuata una ditta specializzata nel recupero di materiale ferroso dalla quale, durante la lavorazione di ferro, si è sviluppato il forte odore del tutto simile a quello emesso dalle sostanze utilizzate per odorizzare il gas metano.

  • Pellaro, tre arresti in distinte operazioni per droga

    Ieri, i carabinieri della stazione di Pellaro, assieme ai colleghi cacciatori di Vibo Valentia e i colleghi del nucleo cinofili carabinieri di Vibo Valentia con il cane Enno, pastore tedesco di due anni e mezzo, nel corso di servizio mirato per la ricerca di armi, munizioni ed esplosivo illegalmente detenuti nonché’ di sostanze stupefacenti hanno arrestato un 53enne, e un 24enne, entrambi reggini, accusati di detenzione illegale di arma comune da sparo e detenzione illegale ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
    In particolare, a seguito di una perquisizione all’interno di un container in uso ai due, i militari dell’arma hanno rinvenuto, anche con l’ausilio del cane Enno, circa 40 grammi di marijuana, abilmente occultata all’interno di una scatola posta su uno scaffale, nonchè un lancia razzi calibro 22, varie munizioni e un bilancino di precisione.

  • Pellaro, il Premio "Peperoncino d'Oro 2019" alla professoressa Consolata Maria Franco

    Sabato 10 agosto, nell’area adiacente al palazzetto dello Sport, sul lungomare di Pellaro, si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio “Peperoncino d’oro 2019”. Il premio, giunto alla 10^ Edizione, è ospite, insieme alla finale provinciale del Campionato mangiatore di Peperoncino, del Festival Internazionale del Folclore promosso dal gruppo folk I Peddaroti. Sarà insignita del Peperoncino d’Oro 2019 (simbolica targa premio pensata per chi ha testimoniato, con la propria intraprendenza, la crescita di una Calabria “onesta e capace”), la professoressa Consolata Maria Franco, docente presso il carcere minorile di Nisida e salita alla ribalta della cronaca per essere stata insignita, nel 2017, del prestigioso Italian Teacher Prize, un riconoscimento riservato ai migliori insegnanti di Italia.

  • Inaugurato, a Pellaro, lo spazio sportivo di strada come presidio di legalità

    Lo sport, in questo momento, è l’unico ponte per comunicare e interagire con i ragazzi. Il gioco e l’attività sportiva sono strumenti determinati per avviare percorsi sociali ed educativi nelle zone più a rischio della nostra Città. Proprio per questo, l’equipe del Csi di Reggio Calabria, ha messo in campo delle significative e lungimiranti esperienze di “gioco libero e partecipato” e delle sperimentazioni di “rigenerazione sociale e urbana”. L’attività è stata sviluppata a Pellaro e Arghillà attraverso la riqualificazione di spazi abbandonati e la promozione di attività sportive strada indirizzate ai ragazzi dai 10 ai 20 anni.

  • A Palazzo San Giorgio l'ANPI discute di regionalismo differenziato e diseguaglianze

    E' giunto al termine il percorso intrapreso dall'ANPI, in collaborazione con il Comune e la Città Metropolitana di Reggio Calabria, che aveva come tema "Dalla Resistenza alla Costituzione. Dalla dittatura alla Democrazia". A chiudere la programmazione, è stato un dibattito sul tema delle “autonomie regionali differenziate”, tema che diventerà sempre più centrale nei prossimi mesi, e che rischia di aumentare il divario, e le diseguaglianze, non solo tra le varie regioni, ma anche tra le persone.
    E’ quindi ferma convinzione dell’ANPI che procedere sulla strada della differenziazione tra le regioni, e quindi tra i cittadini dei vari territori, rappresenterà un vero e proprio stravolgimento di uno dei valori fondamentali della nostra Carta Costituzionale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.