unci banner

:: NEWS

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICARubino (Cisl) interviene su reparto Ortopedia di Locri

Rubino (Cisl) interviene su reparto Ortopedia di Locri

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 13 Settembre 2019 08:11

La CISL FP ha partecipato all’incontro tenutosi all’Ospedale di Locri con S. Eccellenza il Prefetto Dr Massimo Mariani, Il Sindaco di Locri Dr Giovanni Calabrese, la Struttura Commissariale dell’ASP di Reggio Calabria e il Referente per Locri Dr Sergio Raimondo.
Dopo un’attenta disamina delle problematiche riguardanti l’argomento, la CISL FP ha proposto una serie di soluzioni, chiarendo che la problematica dell’Ortopedia di Locri non si sarebbe risolta nemmeno con l’assunzione degli Ortopedici mancanti, infatti la sala operatoria dell’Ortopedia non è accessibile perché non adeguata agli interventi richiesti dai NAS dei Carabinieri, l’adiacente sala operatoria chirurgica può supportare qualche intervento ortopedico nei momenti di “vuoto” ma non può garantire il regime pieno derivante dall’augurabile riattivazione del Reparto.

La CISL FP ha vivamente consigliato di intraprendere i lavori di adeguamento proprio in questo periodo di stasi, per evitare che risolte le problematiche concorsuali potesse venir fuori l’ennesima scusa per non far funzionare l’Ortopedia di Locri, considerando che le condizioni logistiche, organizzative ed operative in cui oggi versa la Struttura Complessa, sono un deterrente alla scelta di questa sede per uno Specialista Ortopedico.
La CISL FP ha esposto nella riunione, la problematica della mancata attivazione dell’Atto Aziendale e del Dipartimento che dovrebbe includere e far funzionare il contesto ortopedico aziendale, garantendo l’interscambio tra sedi ed ogni sorta di immediato intervento e compensazione in modo snello e funzionale, anche questa condizione non è stata ne intesa e ne considerata.
E’ veramente triste considerare che non si interviene sulle vere problematiche e si discute sempre degli effetti senza aggredire le cause, se oggi non ci sono Ortopedici nell’Ospedale di Locri, ciò non è la causa della chiusura del Reparto ma l’effetto dovuto alla cattiva gestione, da molto tempo voluta e mai affrontata.
La CISL FP ha ampiamente dimostrato che il buon funzionamento dell’Ortopedia è strettamente legato ai Servizi di diagnostica strumentale ed in particolare alla Radiologia, bisogna quindi considerare che la Radiologia di Locri è spesso sprovvista di Personale Medico e di conseguenza impossibilitata ad effettuare TAC con mezzo di contrasto, e si deve mettere in conto che a Polistena la TAC non funziona.
Il Reparto di fatto è chiuso da tempo per l’attività ordinaria di ricovero, funziona a regime di ambulatoriale esterna e consulenza interna per il Pronto Soccorso e qualche Reparto.
L’Ostinata miopia di considerare solo il problema dell’Ortopedia, che c’è ed è insopportabile, senza cogliere le cause del fallimento, è la conseguenza di continui ed inutili interventi, di false riaperture che durano pochissimo, di mirate tecniche di denigrazione e impoverimento di tutto l’Ospedale di Locri a danno di tutti gli Operatori del Comparto, della Dirigenza e soprattutto dei Cittadini che rischiano la vita.
La condizione dell’Ospedale è preoccupante già all’ingresso al Pronto Soccorso dove su ventisei sedie, ben quattordici sono rotte e nessuno si preoccupa di chi rimane in piedi.
Gli ambienti delle sale per i codici gialli e verdi non sono adeguatamente climatizzati con enorme sacrificio, più volte lamentato da parte del Personale ivi operante e con intuibili conseguenze sull’assistenza, le stampanti sono spesso mal funzionanti, mancano i toner per stampare i referti.
Mancano Medici Infermieri ed OSS in tutti i Reparti, il Personale deve effettuare straordinario, prestazioni aggiuntive, raddoppio dei turni, non esistono quasi i Primari, gli incarichi provvisori di facente funzione sono scaduti, mancano i Coordinatori, gli impiegati per il CUP, oltre a quelli per il semplice pagamento del Ticket che è rimasto chiuso per parecchi giorni.
Manca una programmazione Territoriale che preservi l’Ospedale dagli accessi impropri, nella Struttura si riversano centinaia di Persone per i prelievi ematici esterni, il protocollo generale invia ancora la documentazione a Reggio Calabria attraverso gli automezzi.
In questo contesto ci si preoccupa, giustamente, di un Reparto che non deve chiudere, vengono spiegate “forze” aziendali, militari, civili e la conclusione è la delibera 462 del 10/09/2019 che recita: “al fine di poter attuare la suddetta rimodulazione si dovrà procedere al blocco temporaneo dei ricoveri presso la SOC di Ortopedia dell’Ospedale di Locri, ed alla progressiva dimissione dei Pazienti in atto Degenti”.
La delibera numero 462 non parla di interventi di adeguamento, ripristino, messa a norma e non ci si meraviglia se questi limiti interverrano nel futuro perché ignorati o forse mantenuti, di certo l’Ortopedia di Locri soffre da anni, soffre sempre di più e tutto quello che si è fatto finora è risultato inefficace.
Parlare solo di un Reparto è un gravissimo errore, come è un errore parlare dell’Ospedale di Locri e non della crisi della rete ospedaliera aziendale, è grave cercare di far risolvere i problemi a chi li ha finora causati, è ancora più grave non accorgersene.

Il Segretario Generale Aggiunto
Giuseppe Rubino

13 settembre 2019

Letto 78 volte

Articoli correlati (da tag)

  • CISL, Perrone e Giordano ribadiscono la necessità di politiche strategiche per l’Aeroporto dello Stretto

    Alla luce di alcune considerazioni relative alla ‘questione Aeroporto’, nascono spontanei alcuni quesiti. Come mai la Metrocity non ha favorito incontri con le parti sociali confederali per discutere del rilancio dell’Aeroporto? Ha, per caso, lavorato in sinergia con la Conferenza permanente dell’Area dello stretto, un ente strategico che avrebbe potuto suggerire intuizioni a riguardo? I comitati di quartiere hanno affrontato la questione mettendoci la faccia, e come mai la Metrocity non ha seduto attorno al tavolo tutti i soggetti che avrebbero potuto generare proposte ed istanze dal basso?

  • La CISL-FP incontra i lavoratori alla Motorizzazione Civile

    Nel corso di una partecipata assemblea del personale, la CISL – FP di Reggio Calabria ha incontrato i lavoratori, sviluppando un vivace confronto sulle problematiche vissute quotidianamente presso gli Uffici della Motorizzazione Civile.
    A fare da corollario alle tematiche approfondite è stato l’evidente impegno dei lavoratori a mantenere alto il livello di efficienza degli Uffici, al fine di garantire ai cittadini la fruizione dei servizi erogati.
    Tuttavia, la ridotta dotazione organica, l’elevata età media degli operatori, il crescente numero di richieste che pervengono dall’utenza, il numero elevato di servizi istituzionali, nonché l’obbligo di garantire l’erogazione di alcuni di essi in tempi ristrettissimi, stanno mettendo a dura prova la macchina organizzativa, rischiando di portare, ove non si intervenga tempestivamente, al collasso delle attività.

  • Sanità privata, sciopero il 20 settembre. Cgil, Cisl e Uil: “Contratto scaduto da 12 anni”

    Gli operatori della sanità privata incroceranno le braccia venerdì 20 settembre p.v., con uno sciopero Nazionale, questo quanto dichiara il Segretario Generale della CISL Funzione Pubblica di Reggio Calabria Vincenzo Sera, la vertenza era già in corso da diverso tempo e non avendo riscontrato l’interesse da parte datoriale AIOP e ARIS - CGIL CISL e UIL hanno proclamato una prima giornata di sciopero per il 20 settembre.
    In questi ultimi giorni è stato divulgato un volantino con le ragioni della protesta.

  • La Commissione ASP interviene sul reparto di Ortopedia dell''Ospedale di Locri

    Con riguardo alla recente vicenda sanitaria che ha interessato il reparto di ortopedia dell’ospedale di Locri e al successivo decesso di una anziana paziente, in ordine al quale sono state formulate dal Sindaco di quel centro, attraverso la stampa locale, alcune insistenti e non certo lusinghiere considerazioni sull’operato dell’amministrazione dell’ASP di Reggio Calabria, della Direzione ospedaliera, dell’Amministrazione regionale e del Ministero della Salute, nonché sull’organizzazione sanitaria dell’Ente, questa Commissione ritiene di non potersi esimere dall’intervenire per ricondurre le affermazioni espresse sull’episodio alla verità dei fatti.

  • Rosy Perrone: “Bene il credito d’imposta per la Zes, ma da subito la si riempia di contenuti”

    Dal 25 settembre per la Zona economica speciale di Gioia Tauro un'occasione importante: sarà disponibile il credito di imposta in maniera automatica per tutte le imprese che vorranno investire nel suo perimetro. Uno strumento cardine per l'effettivo rilancio di un'area da decenni martoriata.
    Il Governo ha fatto la sua parte, adesso subito a lavoro per creare le adeguate condizioni di futuro, dal punto di vista economico e soprattutto sociale. Indispensabile per la nostra terra.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.