unci banner

:: Evidenza

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. La decima edizione del Memorial Mino Reitano è sempre più imminente. L'atteso spettacolo promosso dall'Associazione Musicale e Culturale "La Vita è così" in collaborazione con l'Associazione "Amici di Mino Reitano Onlus" è in...

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

Reggio Calabria. La Reggina comunica di aver ceduto al Rende i calciatori Petar Zivkov e Mattia Bonetto. Il difensore austriaco si trasferisce a titolo temporaneo fino al termine della stagione mentre il centrocampista scuola Inter...

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. In occasione della ricorrenza del "Giorno della Memoria" istituito con la legge 20 luglio 2000, n.211, il 25 gennaio prossimo, con inizio alle ore 10, presso il Palazzo del Governo, si svolgerà una...

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

È stato rilasciato poco meno di un mese fa il singolo Luna turca dei Mattanza, storico gruppo reggino di world music. Il brano, scritto da Mario Lo Cascio e che Mimmo Martino ha fortemente voluto...

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. L'Avr informa la città che "in virtù dello stato di agitazione dei dipendenti di AVR S.p.A., indetto per l'intero turno di lavoro di tutti i dipendenti nell'arco delle 48 ore dalle ore 5,01...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASanità calabrese, l'intervento di Potere al Popolo

Sanità calabrese, l'intervento di Potere al Popolo

Pubblicato in POLITICA Sabato, 12 Gennaio 2019 10:41

Nei giorni scorsi si sono incontrati il generale Cotticelli, nuovo commissario della sanità, e Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria. Dai comunicati pubblicati a margine del confronto risulta che hanno deciso di collaborare per migliorare la sanità calabrese. Sperando che ciò sia vero e che a ciò segua una netta inversione di rotta sulla gestione del servizio pubblico in Calabria, ultima tra le regioni d’Italia per i livelli essenziali di assistenza sanitaria (LEA) secondo i dati forniti dal Ministero della Salute per il 2017.

A entrambi come Potere al Popolo Calabria chiediamo:
- alla scadenza fra pochi giorni dei contratti dei direttori generali delle aziende sanitarie provinciali, che nessun prolungamento del loro fallimentare mandato venga messo in atto;
- che venga immediatamente bandito un nuovo concorso per la carica di Direttore Generale, con criteri trasparenti e che premino la competenza, in modo che chi in passato, sapendo come venivano selezionati questi dirigenti, non ha partecipato, possa oggi fare domanda ed essere inserito negli elenchi;
- nelle more dell’espletamento di questo concorso, che vengano nominati degli amministratori provvisori, principalmente per controllare i bilanci e sanare le tante situazioni illegittime, in particolar modo riguardo i vari incarichi.

Siamo d'accordo con la proposta di Oliverio di accorpare la competenza degli Ospedali sotto un'unica direzione provinciale, sottraendola alle direzioni territoriali, se il fine è quello di garantire migliori prestazioni e facilità di accesso per i cittadini, miglior controllo e organizzazione del personale, con eliminazione dei tanti piccoli recinti presenti nelle varie direzioni sanitarie e di logiche clientelari che intossicano il corretto funzionamento dei nostri servizi assistenziali.
Questo però deve essere accompagnato da:
- la riorganizzazione dei reparti e gestione di questi in base a criteri di trasparenza e competenza e non di logiche premiali dipendenti da legami politici;
- la riapertura degli ospedali chiusi e ripotenziamento dei servizi territoriali non ospedalieri, nel rispetto di criteri di omogeneità territoriale nel garantire i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), con particolare attenzione per quelle aree particolarmente isolate e disagiate sotto un punto di vista logistico ed infrastrutturale.
- favorire le prestazioni sul territorio, ridurre le liste d'attesa, attuare serie attività di prevenzione, informazione e orientamento ai servizi territoriali pubblici, cosi come previsto dalla legge 833 istitutiva del servizio sanitario nazionale. Affinché non si verifichino più tragedie come quella di Acri dove un uomo è morto di setticemia perché nessuno lo ha informato che aveva diritto alle prestazioni odontoiatriche gratuite.
- Un'attenzione ed una programmazione peculiari e prioritarie volte ad abbattere il fenomeno della migrazione sanitaria, che ad oggi costa alle casse della regione ben 300 milioni di euro annui. Il potenziamento dei servizi oncologici, cardiologici e di gestione delle cronicità è ineludibile al fine di riqualificare il sistema sanitario calabrese e garantire un'adeguata erogazione di servizi assistenziali.

Chiediamo non tagli alle spesa sanitaria ma miglioramenti e trasparenza nei criteri di acquisto di prestazioni e forniture, con particolare attenzione agli accreditamenti e al rinnovo degli stessi a vantaggio di soggetti privati.
Chiediamo che non siano più i cittadini calabresi a pagare la malagestione della cosa pubblica degli ultimi decenni, attraverso privazione di diritti e di servizi, aumento della partecipazione diretta alla spesa e costrizione alla mobilità passiva.
Chiediamo il rispetto del nostro diritto alla salute, oltre che una sanità regionale realmente pubblica, gratuita e di qualità.

Potere al Popolo- Calabria

Rc 12 gennaio 2019

Letto 60 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Potere al Popolo RC denuncia l'esistenza diffusa di Barriere Architettoniche e Sensoriali in tutto il territorio della Città Metropolitana

    "Potere al Popolo di Reggio Calabria" denuncia l'esistenza diffusa di Barriere Architettoniche e Sensoriali in tutto il territorio della Città Metropolitana. Come Potere al Popolo di Reggio Calabria, convinti che la salute sia un diritto sempre meno tutelato, abbiamo costituito un gruppo di lavoro che si impegna sui problemi dei diritti socio-sanitari. Nella nostra città la salute è un diritto negato, nonostante la nostra Costituzione, all'art. 32, reciti: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti".

  • Cattedre scolastiche, la nota di Potere al Popolo Calabria

    Reggio Calabria. "Cambiano i governi, ma non la tendenza. Come i precedenti esecutivi anche il governo del “cambiamento” non sembra invertire la tendenza di una politica di de-finanziamento su scuola, università e ricerca.Dalla lettura della legge di bilancio, infatti, il settore del “sapere” non compare tra le scelte di investimento per la crescita e lo sviluppo del

  • Potere al Popolo Calabria sul Porto di Gioia Tauro

    Erano belli i tempi quando il Porto di Gioia Tauro, per anni il più importante porto di transhipment del Mediterraneo, riusciva ancora a dare l’illusione di poter rappresentare veramente il volano di sviluppo per la Calabria e non solo.
    Illusione garantita grazie a sgravi e concessioni statali, non certo per merito di un terminalista che, in regime di monopolio, ha fatto sempre il bello e il cattivo tempo sul porto. I suoi principali soci, Contship Italia e Msc, continuano a farsi la guerra tra di loro investendo, e pesantemente, in altri porti. Così mentre si porta avanti da tempo il potenziamento dei porti concorrenti, a Gioia Tauro non si investe, il porto viene depotenziato e si continuano a perdere annualmente ingenti volumi di traffico.

  • Potere al Popolo: "Di Maio giù le mani dalla nostra terra"

    Ormai il Movimento 5 Stelle, e il governo che presiede con la Lega, sono diventati il teatro dell'ambiguità e dello scaricabarile, soprattutto quando i provvedimenti riguardano il fronte ambientale, energetico e delle infrastrutture: ogni decisione presa viene smentita nella sua portata politica e imputata ai governi precedenti, come se gli attori ora al governo si fossero dimenticati delle promesse e delle infinite possibilità di bloccare tutto urlate in campagna elettorale. Dopo il decreto “Salva Genova” contenente la norma sui fanghi tossici ed il condono per Ischia, dopo i vari dietrofront attuati su Ilva, Tap, Tav, Terzo valico, Terzo Megalotto della SS 106, ora è il turno delle trivelle, della ricerca e coltivazione di idrocarburi in terra e mare:

  • Potere al Popolo di Reggio Calabria a favore della posizione di Falcomatà sul decreto sicurezza: ora dalle parole ai fatti

    Nei giorni scorsi, il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha preso posizione rispetto alla paventata sospensione dell'ignobile e anticostituzionale decreto (in)sicurezza Salvini.
    Non possiamo che essere d'accordo: prevedendo e denunciando da mesi gli effetti nefasti della sua entrata in vigore, come Potere al Popolo! Reggio Calabria lo esortiamo a far seguire alle parole i fatti!
    Aumento della marginalità sociale e la creazione di un esercito di disperati nelle nostre città, privati di qualsiasi tutela e più a rischio di cooptazione dalle organizzazioni criminali, sono solo alcune delle principali conseguenze del citato decreto, ormai legge: la politica della "sicurezza" sugli ultimi genera insicurezza sociale per tutti noi.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.