unci banner

:: NEWS

Al via la campagna di sensibilizzazione rivolta ai maturandi contro “fake news, bufale e leggende metropolitane”

Al via la campagna di sensibilizzazione rivolta ai maturandi contro “fake news, bufale e leggende metropolitane”

Reggio Calabria, 18 Giugno 2019 – L’unica certezza per i maturandi è che usare lo smartphone durante le prove comporta la bocciatura. Sul resto il rischio fake news è dietro...

Misiti (M5S): Lo smisurato numero di “denunce” ai sanitari in costante e spaventoso aumento stanno fortemente demotivando le professionalità

Misiti (M5S): Lo smisurato numero di “denunce” ai sanitari in costante e spaventoso aumento stanno fortemente demotivando le professionalità

Sono più di 35000 le azioni legali che, ogni anno, vengono intraprese da pazienti che denunciano operatori della sanità, in particolare medici, per presunti casi di malasanità. Il dato che...

Al Senato riconosciuto il patrocino del Parlamento Europeo alla Traversata dello Stretto

Al Senato riconosciuto il patrocino del Parlamento Europeo alla Traversata dello Stretto

«Oggi alla Traversata dello Stretto viene riconosciuto, dopo oltre 50 anni, il giusto valore grazie all’attenzione riservata dal Presidente Antonio Tajani al Sud e, in particolare, alla Calabria. Il patrocinio...

Ancora poca chiarezza sulla vicenda dei gazebo sequestrati sul lungomare, l'intervento di Confcommercio

Ancora poca chiarezza sulla vicenda dei gazebo sequestrati sul lungomare, l'intervento di Confcommercio

Resta ancora una vicenda a tinte fosche quella del nuovo sequestro dei gazebo sul lungomare. Questa mattina Confcommercio ha incontrato la stampa per fare il punto, alla luce anche del...

Un murale per l’ufficio postale di Delianuova. Inaugurata la seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme nel Territorio”

Un murale per l’ufficio postale di Delianuova. Inaugurata la seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme nel...

Reggio Calabria, 18 giugno 2019 – L’ufficio postale di Delianuova (Rc) vestirà nuovi colori: le sue pareti esterne sono state dipinte con un murale, ideato e realizzato per Poste Italiane...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASanità calabrese, l'intervento di Potere al Popolo

Sanità calabrese, l'intervento di Potere al Popolo

Pubblicato in POLITICA Sabato, 12 Gennaio 2019 10:41

Nei giorni scorsi si sono incontrati il generale Cotticelli, nuovo commissario della sanità, e Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria. Dai comunicati pubblicati a margine del confronto risulta che hanno deciso di collaborare per migliorare la sanità calabrese. Sperando che ciò sia vero e che a ciò segua una netta inversione di rotta sulla gestione del servizio pubblico in Calabria, ultima tra le regioni d’Italia per i livelli essenziali di assistenza sanitaria (LEA) secondo i dati forniti dal Ministero della Salute per il 2017.

A entrambi come Potere al Popolo Calabria chiediamo:
- alla scadenza fra pochi giorni dei contratti dei direttori generali delle aziende sanitarie provinciali, che nessun prolungamento del loro fallimentare mandato venga messo in atto;
- che venga immediatamente bandito un nuovo concorso per la carica di Direttore Generale, con criteri trasparenti e che premino la competenza, in modo che chi in passato, sapendo come venivano selezionati questi dirigenti, non ha partecipato, possa oggi fare domanda ed essere inserito negli elenchi;
- nelle more dell’espletamento di questo concorso, che vengano nominati degli amministratori provvisori, principalmente per controllare i bilanci e sanare le tante situazioni illegittime, in particolar modo riguardo i vari incarichi.

Siamo d'accordo con la proposta di Oliverio di accorpare la competenza degli Ospedali sotto un'unica direzione provinciale, sottraendola alle direzioni territoriali, se il fine è quello di garantire migliori prestazioni e facilità di accesso per i cittadini, miglior controllo e organizzazione del personale, con eliminazione dei tanti piccoli recinti presenti nelle varie direzioni sanitarie e di logiche clientelari che intossicano il corretto funzionamento dei nostri servizi assistenziali.
Questo però deve essere accompagnato da:
- la riorganizzazione dei reparti e gestione di questi in base a criteri di trasparenza e competenza e non di logiche premiali dipendenti da legami politici;
- la riapertura degli ospedali chiusi e ripotenziamento dei servizi territoriali non ospedalieri, nel rispetto di criteri di omogeneità territoriale nel garantire i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), con particolare attenzione per quelle aree particolarmente isolate e disagiate sotto un punto di vista logistico ed infrastrutturale.
- favorire le prestazioni sul territorio, ridurre le liste d'attesa, attuare serie attività di prevenzione, informazione e orientamento ai servizi territoriali pubblici, cosi come previsto dalla legge 833 istitutiva del servizio sanitario nazionale. Affinché non si verifichino più tragedie come quella di Acri dove un uomo è morto di setticemia perché nessuno lo ha informato che aveva diritto alle prestazioni odontoiatriche gratuite.
- Un'attenzione ed una programmazione peculiari e prioritarie volte ad abbattere il fenomeno della migrazione sanitaria, che ad oggi costa alle casse della regione ben 300 milioni di euro annui. Il potenziamento dei servizi oncologici, cardiologici e di gestione delle cronicità è ineludibile al fine di riqualificare il sistema sanitario calabrese e garantire un'adeguata erogazione di servizi assistenziali.

Chiediamo non tagli alle spesa sanitaria ma miglioramenti e trasparenza nei criteri di acquisto di prestazioni e forniture, con particolare attenzione agli accreditamenti e al rinnovo degli stessi a vantaggio di soggetti privati.
Chiediamo che non siano più i cittadini calabresi a pagare la malagestione della cosa pubblica degli ultimi decenni, attraverso privazione di diritti e di servizi, aumento della partecipazione diretta alla spesa e costrizione alla mobilità passiva.
Chiediamo il rispetto del nostro diritto alla salute, oltre che una sanità regionale realmente pubblica, gratuita e di qualità.

Potere al Popolo- Calabria

Rc 12 gennaio 2019

Letto 172 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Potere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

    Lo stato di sfascio in cui si trova il sistema dei servizi sanitari nell'ambito dell'ASP 5 di Reggio Calabria pare ormai irreversibile e i commissari, nominati dal Governo per le infiltrazioni della 'ndrangheta, hanno proceduto con la richiesta di dissesto finanziario: i debiti pregressi accertati sarebbero superiori a 400 milioni di euro! L'ASP 5 vive in una situazione di cronica disfunzione amministrativa e gestionale, basti ricordare che i bilanci non risultano approvati dal 2013. In questa situazione non è semplice nemmeno avere contezza delle spese fatte e della loro legittimità. Dai riscontri dei commissari, risulterebbero liquidate fatture per ben tre volte a fornitori privati di servizi. E questa non è una novità visto che questo tipo di truffa era già stata denunciata nel 2015, ma a quanto pare nessuno vi aveva posto un freno.

  • Sospensione servizio laboratorio di analisi Asp 5, Potere al Popolo: "gravità eccezionale"

    Potere al popolo! Reggio Calabria non avrebbe mai voluto leggere l'odierno cartello con su scritto "le attività del laboratorio sono sospese per mancanza del tecnico biomedico" nel portone del presidio sanitario di via Willermin! Infatti, il laboratorio di analisi cliniche dell'Asp 5 sito in Via Willermin a Reggio Calabria ha sospeso a tempo indeterminato le proprie attività a far data dalla giornata odierna! La chiusura odierna non è stata come un fulmine a ciel sereno, visto che i Commissari dell'Asp, pochi giorni fa hanno tolto l'unico tecnico di laboratorio in servizio trasferendolo alla struttura di Locri, lasciando così sguarnita la sede di via Willermin.

  • Potere al Popolo: in piazza per una scuola pubblica, laica e solidale

    Si sono svolti in contemporanea in tutta Italia, e anche a Reggio Calabria, presìdi in solidarietà a Rosa Maria Dell'Aria, la professoressa di Palermo colpita da un provvedimento infame, per aver solo fatto il suo lavoro di insegnante.
    Con studenti e docenti abbiamo voluto ribadire che la scuola è un luogo di esercizio del pensiero, della critica e anche del dissenso. La scuola può e deve fornire gli strumenti per emanciparsi dalla repressione e dall'oppressione del potere e dei governi, per essere parti pensanti della società e contribuire alla sua costruzione, indipendentemente dalla propria estrazione sociale: per questo da molto tempo è costantemente sotto attacco, politico ed economico, attraverso miliardi di continui tagli.

  • Potere al Popolo: sabato 4 maggio incontro con Giuliano Granato sulla crisi Venezuelana

    "Non lasciamoci ingannare. È la frase che ci dovrebbe rimbombare nel cervello ogni volta che sui giornali, in TV e sui social leggiamo di Venezuela. A maggior ragione nel momento in cui sinistre ombre di un golpe militare e reazionario agitano lo spauracchio di una guerra civile desiderata dalle cancellerie di tutto l'occidente imperialista. Fake news che si susseguono, si rincorrono, si accavallano. Viviamo una guerra mediatica e psicologica, oltre che economica e politica, il cui bersaglio non è solo il popolo venezuelano, ma tutti i popoli del mondo. Il Venezuela è oggi anche un grande laboratorio di una guerra che non esitano a condurre anche in altri luoghi del pianeta, laddove ne ravvisino la necessità.

  • Decreto Calabria, le riflessioni di Potere al Popolo

    Ieri il Palazzo della Prefettura di Reggio Calabria ha ospitato il Consiglio dei Ministri in trasferta: tra qualche selfie, una visita ai Bronzi, una sciacallata a San Ferdinando, ecco la firma sul Decreto Calabria, misura emergenziale per affrontare l’atavico bubbone della sanità calabrese. Un decreto già annunciato dalla ministro Grillo dopo che scandali e inchieste avevano ripuntato i fari nazionali sulla nostra regione e sui suoi ospedali, su un “sistema” indubbiamente infestato da infiltrazioni masso-mafiose, dove la politica tutta si è interessata più di clientele, nomine e assunzioni che del benessere dei calabresi, dove burocrati e manager sono subordinati agli interessi di chi li ha nominati. Un sistema che produce un disavanzo di circa 160 milioni di euro l’anno, e questo nonostante gli ormai 10 anni di commissariamento, perché non dobbiamo dimenticare che per il rientro del debito siamo già commissariati dal 2009.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.