unci banner

:: NEWS

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Il caldo estivo, lunghe percorrenze per raggiungere casa dopo aver fatto la spesa e qualche disattenzione nel rispettare la catena del freddo possono essere causa di alterazione per i nostri...

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

«Sono felice e per questo ringrazio il sindaco di Villa San Giovanni e tutta l'amministrazione, perché con la firma di oggi si intraprende un percorso virtuoso e questo comune è...

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Il 27 agosto alle 21.30 presso l’Arena dello Stretto di Reggio Calabria avrà luogo l’ultimo appuntamento del Reggio Live Fest 2019, la serie di eventi frutto della sinergia tra i...

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Si avvicina l'attesissima conclusione della 28^edizione di EcoJazz festival, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia. Il parco Ecolandia di Arghillà a Reggio...

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

In occasione della Notte Bianca organizzata nell’ambito degli eventi per l’Estate 2019 a Bova Marina la nota località calabrese ha vissuto un grande momento di recupero e di animazione culturale...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASanità, l'appello di Potere al Popolo al Commissario Cotticelli

Sanità, l'appello di Potere al Popolo al Commissario Cotticelli

Pubblicato in POLITICA Martedì, 12 Febbraio 2019 17:40

Al Commissario per la sanità della Calabria, dottor Saverio Cotticelli diciamo che il tempo è scaduto. Potere al popolo di Reggio Calabria si dice molto preoccupata per lo stato di malessere profondo in cui versano i servizi sanitari nell'ambito della Città Metropolitana di Reggio Calabria. I provvedimenti della magistratura reggina inquietano non poco i cittadini che desiderano di poter accedere ai servizi sanitari di qualità, anche quelli erogati dalle strutture private. Si è di fronte ad una realtà che dimostra illegalità e speculazioni sulla pelle dei bisognosi di assistenza, in generale, e, particolarmente, in un settore delicato e importante come quello delle erogazioni sanitarie alla collettività territoriale che soffre cronicamente per la cattiva qualità dei servizi o, addirittura, in tanti casi per la mancata erogazione degli stessi.

La realtà con la quale siamo chiamati a confrontarci è di una gravità assoluta e non è più procrastinabile.

Non si può accettare come normale amministrazione il fatto che in meno due mesi, da dicembre ad oggi, la magistratura reggina abbia operato ben tre interventi sanzionatori.

Difatti, il 22 dicembre scorso, i carabinieri del Nas di Reggio Calabria hanno sequestrato otto poliambulatori medici specialistici, che si trovano in città. I provvedimenti sono stati emessi perché è stato accertato che le strutture erano state attivate in assenza della prescritta autorizzazione sanitaria al funzionamento. Il complesso delle strutture ha valore di circa 5 milioni di euro.

Un mese dopo, il 9 febbraio, sempre ad opera dei NAS, a conclusione di un'altra indagine nell'ambito di prestazioni sanitarie, a Reggio Calabria hanno sequestrato una struttura polispecialistica che operava nel settore della chirurgia plastica estetica e di otorino laringoiatria. I militari hanno documentato che la struttura, dove venivano eseguiti interventi chirurgici estetici e di liposuzione, era stata avviata senza le necessarie autorizzazioni.

Oggi, dulcis in fundo, sempre a Reggio, il sequestro della casa famiglia "La margherita" per persone anziane.

La struttura residenziale per anziani era totalmente abusiva. La magistratura ha provveduto ad emettere il dispositivo preventivo di sequestro, dopo l'ispezione eseguita, su delega della Procura della Repubblica, dalla Guardia di Finanza.

Le indagini svolte hanno evidenziato che la nota "casa famiglia" per anziani esercitava abusivamente l'attività in mancanza di qualsiasi autorizzazione sanitaria e amministrativa.

In questo quadro di disorientamento totale, per chi ha bisogno di servizi sanitari certi e di qualità, diventa sempre più faticoso anche il calvario per i malati sottoposti a ossigeno terapia e per i loro familiari. Infatti, le nuove linee guida, in vigore dal 1 febbraio di quest'anno, impongono un appesantimento dei passaggi procedurali rispetto a prima. Per evadere le richieste di ossigeno terapeutico a domicilio, necessità un ulteriore andirivieni con prescrizione medica presso la farmacia che stabilirà a quale ditta rivolgersi per la fornitura finale al paziente, con questo nuovo passaggio la farmacia ci guadagnerà circa 5 euro a ricetta (alla faccia del risparmio!), appesantendo così la spesa sanitaria regionale complessiva, creando una disfunzione nel servizio che prima avveniva semplicemente esibendo il piano terapeutico.

Potere al popolo di Reggio Calabria denuncia l'estrema gravità di questa situazione poiché gli "affaristi" abusano di persone estremamente bisognose di cura, infatti, nella cosiddetta "casa famiglia" erano ricoverati infatti 17 persone anziane che oggi si trovano a pagare lo scotto di gente avida e senza scrupoli e sono sballottate in una via crucis come pacchi postali.

Potere al popolo di Reggio Calabria, di fronte a questo accelerarsi di fatti così gravi di malasanità e mala-amministrazione dei servizi che riguardano la salute pubblica, fa appello al nuovo Commissario alla Sanità a prendere provvedimenti esaustivi che possano prevenire il proliferare di strutture sanitarie che hanno come principale obiettivo quello di "mungere" le risorse pubbliche e non già di offrire prestazioni di qualità. Invita fortemente il Commissario a mettere veramente al centro della sua attività la salute pubblica intesa come "bene comune" senza attardarsi a tergiversare solo sul piano di rientro economico che non è quello che risponde alla richiesta di una sanità di qualità.

Potere al popolo di Reggio Calabria

Rc 12 febbraio 2019

Letto 231 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Potere al Popolo: nomina insegnati di sostegno, evitare che i ragazzi restino senza il supporto previsto per legge

    In prossimità dell'apertura dell'anno scolastico, vorremmo che non si riproponga il solito copione che vede ogni anno ritardare l'assegnazione degli insegnanti di sostegno a favore dei ragazzi con disabilità,
    visto che la legge 104/92 all'art. 3 commi 1 e 3, prevede che ogni istituzione scolastica determini il numero degli alunni con disabilità certificata e valuti la gravità ed i bisogni di ogni singolo caso, per la successiva assegnazione del monte ore di sostegno.
    Potere al Popolo! Reggio Calabria chiede pertanto alle Istituzioni interessate (Scuole dell'Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo e Secondo Grado), di procedere velocemente all'individuazione degli operatori
    da allocare a supporto di questi ragazzi che hanno diritto e bisogno di una particolare attenzione, educativa e scolastica.

  • Chiusura Hospice, Potere al Popolo: vogliamo che sia garantita la continuità assistenziale!

    In merito alla paventata imminente chiusura dell'Hospice "Via delle Stelle" di Reggio Calabria, Potere al Popolo! ritiene sia necessario compiere ogni possibile sforzo per garantire il diritto dei cittadini a poter avere riconosciuta la "continuità assistenziale", soprattutto per i pazienti con malattia in fase terminale o post acuzie, e a salvaguardare i livelli occupazionali e le diverse professionalità che i questi anni hanno assicurato servizi fondamentali. Nello scontro che si è aperto tra l'ASP di Reggio Calabria e la Fondazione Via delle Stelle non possono e non devono essere malati e lavoratori a pagarne le conseguenze.

  • Potere al Popolo Reggio Calabria sul dissesto dell'ASP 5 e lo sfascio del diritto alla salute

    Lo stato di sfascio in cui si trova il sistema dei servizi sanitari nell'ambito dell'ASP 5 di Reggio Calabria pare ormai irreversibile e i commissari, nominati dal Governo per le infiltrazioni della 'ndrangheta, hanno proceduto con la richiesta di dissesto finanziario: i debiti pregressi accertati sarebbero superiori a 400 milioni di euro! L'ASP 5 vive in una situazione di cronica disfunzione amministrativa e gestionale, basti ricordare che i bilanci non risultano approvati dal 2013. In questa situazione non è semplice nemmeno avere contezza delle spese fatte e della loro legittimità. Dai riscontri dei commissari, risulterebbero liquidate fatture per ben tre volte a fornitori privati di servizi. E questa non è una novità visto che questo tipo di truffa era già stata denunciata nel 2015, ma a quanto pare nessuno vi aveva posto un freno.

  • Sospensione servizio laboratorio di analisi Asp 5, Potere al Popolo: "gravità eccezionale"

    Potere al popolo! Reggio Calabria non avrebbe mai voluto leggere l'odierno cartello con su scritto "le attività del laboratorio sono sospese per mancanza del tecnico biomedico" nel portone del presidio sanitario di via Willermin! Infatti, il laboratorio di analisi cliniche dell'Asp 5 sito in Via Willermin a Reggio Calabria ha sospeso a tempo indeterminato le proprie attività a far data dalla giornata odierna! La chiusura odierna non è stata come un fulmine a ciel sereno, visto che i Commissari dell'Asp, pochi giorni fa hanno tolto l'unico tecnico di laboratorio in servizio trasferendolo alla struttura di Locri, lasciando così sguarnita la sede di via Willermin.

  • Potere al Popolo: in piazza per una scuola pubblica, laica e solidale

    Si sono svolti in contemporanea in tutta Italia, e anche a Reggio Calabria, presìdi in solidarietà a Rosa Maria Dell'Aria, la professoressa di Palermo colpita da un provvedimento infame, per aver solo fatto il suo lavoro di insegnante.
    Con studenti e docenti abbiamo voluto ribadire che la scuola è un luogo di esercizio del pensiero, della critica e anche del dissenso. La scuola può e deve fornire gli strumenti per emanciparsi dalla repressione e dall'oppressione del potere e dei governi, per essere parti pensanti della società e contribuire alla sua costruzione, indipendentemente dalla propria estrazione sociale: per questo da molto tempo è costantemente sotto attacco, politico ed economico, attraverso miliardi di continui tagli.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.