unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASanità, le riflessioni di Tilde Minasi

Sanità, le riflessioni di Tilde Minasi

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 17 Giugno 2019 12:15

Oggi siamo tutti, giustamente, preoccupati ed allarmati per quanto sta accadendo nella nostra città sul fronte sanitario. Ma, senza dover addentrarsi troppo in memorie lontane, non è difficile ricordare che le condizioni del comparto da tempo soffrano di problematiche pesanti. E’ come se dopo un terremoto che ne ha minato le fondamenta, si pretenda che una casa possa resistere per poi meravigliarsi del suo crollo improvviso! Ma mettiamo si voglia essere previdenti e riuscire nell’impresa di garantire alla stessa una determinata sicurezza per evitare appunto che collassi: cosa ci potrebbe suggerire un minimo di senno?

Ritengo che ognuno di noi, a fronte della grave situazione, affiderebbe la valutazione ad un pool di esperti e non certo a qualcuno che osservandola ne metta in rilievo (seppur con la benevolenza di ricercare una soluzione) le carenze strutturali non capendo, però, come intervenire. Faccio questo esempio poiché lo ritengo calzante in merito alla difficile e drammatica fase che sta attraversando la sanità calabrese, in particolar modo quella reggina. Da decenni, infatti, si rincorrono notizie di cronaca, rimbalzano comunicati stampa e note preoccupanti di addetti e professionisti, sono stati depositati esposti e denunce (tra le quali anche alcune personalmente avanzate), delineati percorsi tampone evidentemente insufficienti, mentre il diritto alla salute, sancito dalla Costituzione ed ormai praticamente reso quasi vano, diviene per i calabresi, ogni giorno di più, una corsa ad ostacoli.

Perciò, purtroppo, tutto ciò che sta accadendo non dovrebbe rappresentare una sorpresa. Gli indizi erano plateali, la fine in un certo modo già scritta! L’idea di far avvicendare commissari ad acta affinché si venisse a capo di una situazione debitoria fuori controllo e assolutamente immotivata rispetto i servizi resi al cittadino, può essere compresa solo nel momento in cui si scelgano manager di alto profilo, con comprovata e valida esperienza nel settore. Optare per appartenenti alle forze dell’ordine, i quali ambiscono ad una necessaria e imprescindibile forma di legalità, come accaduto negli ultimi anni, non credo possa rappresentare un cambio di passo deciso nella risoluzione delle gravi questioni che ruotano intorno alla gestione del sistema sanitario.

Nulla volendo togliere a chi ha ricoperto, od ancora ricopre, questo delicatissimo ruolo, ritengo che oggi più che mai, bisognerebbe guardare a qualcuno che conosca a fondo i meccanismi, le esigenze, i processi interni del comparto. Qualcuno che sia in grado di operare sia in termini di controllo per ciò che concerne la cura e l’assistenza dei pazienti, capace di affrontare con determinazione i problemi, gestire i budget, l’amministrazione, le risorse dell’azienda, ripartendo. Competenze che, per ovvi motivi e non certo per scarsa volontà, non possono appartenere a chi ha svolto altre professioni. E’ completamente vero, alla luce di ciò che è emerso, che serva una totale legalità all’interno della sanità calabrese dove, più che altrove, incombe la nera nube del malaffare, ma in egual modo è necessario che per squarciare il buio sia necessario non solo il pugno di ferro (che sinora ha prodotto chiusure, blocchi delle assunzioni, scarsi servizi, sentimenti negativi, zero crescita e prospettiva), bensì capacità di progettare, di incamerare buone prassi, resettando le cattive pratiche che hanno determinato un buco di bilancio dai contorni ancora incerti, ma cercando di ricostruire non sulle spalle di un’incolpevole ed esasperata cittadinanza, su quelle di lavoratori e di operatori che hanno sino adesso compiuto il loro dovere con abnegazione e professionalità o su quelle dei laboratori convenzionati.

Siamo stanchi delle passerelle, delle dichiarazioni di circostanza, di decisioni calate dall’alto come se l’unico modo per intervenire sia quello di militarizzare anche la sanità, senza un confronto serio con il territorio e le sue esigenza. Il tempo delle parole è finito, ci aspettiamo dal Governo azioni decise e costruttive, perché in Italia, nel 2019, non si può mantenere uno status quo quale quello che i reggini vivono ogni giorno quando devono accostarsi ad una realtà ormai allo sfascio! Questo è il momento in cui è fondamentale ammainare bandiere e raggiungere, uniti e senza colori, un obiettivo la cui importanza è vitale, nel senso più letterale del termine!

Tilde Minasi

Rc 17 giugno 2019

Letto 126 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Aeroporto dello Stretto, le riflessioni di Tilde Minasi

    Le recenti notizie riguardanti l’aeroporto, e cioè l’abbandono di Blue Panorama, rappresentano l’ultimo tassello di una tragedia annunciata, mentre Sacal, quasi come fosse uno scherzo, dichiara di essere soddisfatta per l’incremento dei voli di Alitalia. Certamente saranno soddisfatti i reggini, soprattutto coloro che lavorano e che purtroppo devono raggiungere Roma o Milano per problemi di salute a dover scegliere tra un paio di collegamenti a prezzi proibitivi e ad orari particolari o a raggiungere Lamezia che, guarda caso, sotto la stessa gestione vede crescere il proprio volume a livello di offerta e passeggeri.

  • Minasi: "Ben vengano ZTL e isole pedonali, ma sono necessari degli accorgimenti"

    La recente novità delle ZTL e delle isole pedonali in centro città e sul lungomare di Pellaro non può che essere accolta positivamente: questo tipo di provvedimento, infatti, interessa tantissime città italiane, soprattutto quelle a vocazione turistica, garantisce la riduzione da inquinamento, anche acustico, ed incentiva a camminare. Siamo in una fase sperimentale dell’iniziativa che ha preso il via giusto qualche giorno addietro, ma ciò non toglie che sarebbe stato opportuno comunicare in maniera precisa e tempestiva orari e dettagli dell’ordinanza innanzitutto agli autisti dell’Atam, i quali si sono trovati a dover fronteggiare una vera e propria situazione di disagio, con impatto facilmente immaginabile sul traffico nel quale, sabato, decine di bus si sono trovati imbottigliati creando, ovviamente, anche problemi alla normale utenza sino oltre le 21.

  • Minasi sul dopo voto: "Castorina e il PD diano risposte alla città!"

    "A bocce ferme, come consuetudine, si leggono analisi politiche sviscerate da più fronti. Non sto qui a sottolineare, dal momento che i numeri 'parlano' da soli, il successo della Lega in provincia di Reggio ed in Calabria, però è bene fissare dei punti sui quali sviluppare riflessioni concrete. Il 'vanto' che il Pd ha esternato nelle ultime ore in merito ai risultati ottenuti, sembra essere una narrazione dai sapori fantascientifici che prende spunto dal mero dato del 26 maggio, senza paragone con qualsiasi elezione precedente e senza tener conto della presenza, da quasi cinque anni ormai, di un comune e di una regione a trazione centrosinistra che, solo per il loro guidare due enti importantissimi (tre con la Città Metropolitana) avrebbero dovuto di gran lunga superare la soglia dei quasi 14 mila voti in città.

  • Sanità e Asp di Reggio Calabria in onda su "Le Iene": la riflessione di Tilde Minasi

    Reggio Calabria. “Mentre uno studio del sindacato Anaao-Assomed ci comunica che in Calabria (oltre a tutte le altre problematiche) per i prossimi anni, è previsto un ammanco di 1.410 medici, noi cittadini abbiamo assistito all’ennesima puntata de “Le Iene” sulla sanità da incubo della nostra regione e, soprattutto, della provincia reggina. Ciò che la maggior parte della

  • Doppia preferenza di genere, Tilde Minasi: "A chi fa paura questa norma e perché"

    Reggio Calabria. Doppia preferenza di genere, il contributo dell'ex consigliere regionale Tilde Minasi. “Quanto stiamo registrando intorno alle vicende delle ultime ore, inerenti l’introduzione della doppia preferenza di genere, sembra ripercorrere per grandi linee ciò che era accaduto nel 2014 quando, insieme alla collega Gabriella Albano avevamo ritenuto opportuno presentare un emendamento alla

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.