unci banner

:: NEWS

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASciopero della fame nelle carceri turche: il CSOA “Angelina Cartella” aderisce alle giornate d’azione nazionali

Sciopero della fame nelle carceri turche: il CSOA “Angelina Cartella” aderisce alle giornate d’azione nazionali

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 10 Maggio 2019 20:28

Il CSOA “Angelina Cartella” aderisce alle giornate d’azione nazionali in solidarietà con lo sciopero della fame di massa attualmente in corso nelle carceri della Turchia e non solo, promosse da Rete Jin (la rete di donne in solidarietà con il movimento delle donne curdo, l’Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia, Retekurdistan Italia e gli ex combattenti YPG/YPJ italiani) chiedendo agli organi di stampa del territorio di rompere il silenzio su questo sciopero della fame a tempo indeterminato, portato avanti ormai da parecchi mesi da oltre 7000 persone con la richiesta di porre fine all’isolamento di Abdullah Öcalan, che, sequestrato in Kenia a seguito di un complotto internazionale nel febbraio del 1999, dall’aprile 2015 si trova in isolamento totale nell’isola prigione di Imrali. Questo isolamento è una tortura, una violazione dei diritti umani e delle leggi internazionali e nazionali turche.

Ha dato inizio allo sciopero della fame nelle carceri turche, il 7 novembre 2018, Leyla Güven, deputata curda del partito HDP (Partito democratico dei popoli); a lei dal mese di dicembre si sono uniti attivisti curdi a Strasburgo e militanti in Iraq, Regno Unito, Canada, Germania, Francia. All’interno dei conflitti in Medio Oriente, Öcalan è la voce che propone la via della democrazia popolare e diretta come percorso per costruire una pace duratura. L’isolamento a lui imposto dal governo turco è sentito come imposto ad un popolo intero attraverso la sua persona: isolare Öcalan significa isolare colui che ha dato origine e forza al movimento di liberazione del popolo curdo, significa isolare colui che ha ideato il confederalismo democratico, allontanando da queste idee chi in tutto il mondo le vuole mettere in pratica. Significa anche un attacco diretto alla rivoluzione del Rojava, in Siria del Nord, fondata sulla convivenza pacifica dei popoli, sul loro autogoverno democratico, sulla liberazione delle donne e l’uguaglianza dei generi, sull’ecologia radicale, e sotto la costante minaccia delle potenze regionali e globali.
Lo sciopero della fame iniziato da Leyla Güven ci riguarda tutte e tutti: portare solidarietà a questa protesta significa combattere il fascismo di Erdoğan in Turchia, ma significa anche agire in ogni parte del mondo per costruire assieme un’alternativa sociale e globale alle disuguaglianze ed allo sfruttamento. Un regime quello turco con cui Europa ed Italia sono compromesse (la Turchia di Erdogan riceve fondi dall’Unione Europea per chiudere la via dei Balcani ai migranti) e fanno affari (la Turchia acquista armi e software dalla nostra Finmeccanica/Leonardo).
E dunque i nostri media rimangono in silenzio – ma come si può rimanere in silenzio di fronte a 7000 persone in sciopero della fame a oltranza? Il CPT (Comitato europeo per la Prevenzione della Tortura) non interviene concretamente, né lo fanno le istituzioni nazionali ed europee. Addirittura Amnesty International, che si proclama così indipendente e in difesa dei diritti umani, resta in silenzio.
In Italia inoltre si stanno mettendo sotto accusa coloro che hanno sostenuto attivamente la rivoluzione del Rojava, combattendo nelle milizie popolari contro lo Stato Islamico; tra Torino e Nuoro sei persone rischiano la misura di sorveglianza speciale (che comporta una grave limitazione delle libertà personali, prime tra tutte quelle di movimento e di riunione), in quanto ritenute socialmente pericolose, non perché hanno commesso crimini, ma perché hanno pubblicamente dichiarato la loro partecipazione e sostegno alla rivoluzione siriana. Ma l’Italia non è solo il paese che vende elicotteri da guerra alla Turchia e mette sotto processo la solidarietà internazionale, è anche il paese d’origine di Lorenzo Orsetti, partigiano d’oggi che per la rivoluzione confederale in Siria ha combattuto fino al 18 marzo, giorno in cui è caduto insieme ai suoi compagni in una delle ultime battaglie contro l’ISIS. Ascoltare e diffondere la voce di chi è in sciopero oggi è uno dei tanti modi con cui vogliamo prenderci la responsabilità della sua memoria e dell’importante compito per cui ha vissuto e che ci ha lasciato in eredità: sentire che ogni popolo che lotta per la libertà è il nostro popolo, scegliere da che parte stare ovunque ci troviamo.
Aderiscono alle giornate:
• Casa delle donne di Milano
• Zazie nel Metro (Roma)
• CISDA Comitato Italiano in Solidarietà alle Donne Afgane
• Milanoinmovimento
• LUME laboratorio universitario metropolitano
• Csoa lambretta Milano
• Casc lambrate Milano
• Csoa ZAM Milano
• RSM rete studenti Milano
• Armata pirata 161
• Rete Kurdistan Sardegna
• Asce (Associazione Sarda Contro l’Emarginazione)
• Sa Domu (Cagliari)
• Casa del Popolo-Gallura, Olbia, Sardegna
• Comitato Kurdistan ” Aysel Kurupinar ” di Firenze
• ASSEMBLEA BENI COMUNI / DIRITTI di Firenze
• IFE – Italia
• Le Mafalde
• MFPR (Movimento Femminista Proletario Rivoluzionario)
• lavoratrici Slai Cobas per il sindacato di classe
• exOPG – je so pazz, Napoli
• Casa delle donne lucha y siesta
• Arci Solidarietà e Sviluppo nuoro
• “Rete Unitaria Antifascista Sulcis-Iglesiente” – Sulcis-Iglesiente, Sardegna
• Anpi Nuoro “l’umanità al potere”
• centro sociale Askatasuna
• InfoAut
• Mensa occupata Napoli
• Studentato Autorganizzato Orso
• LOA Acrobax Project
• Non Una Di Meno -Bologna
• Rete Radiè Resch -Cagliari
• Laboratorio CRASH, Bologna
• CUA Bologna
• spazio pubblico autogestito XM24, Bologna
• circolo anarchico Berneri, Bologna
• Centro sociale Labàs, Bologna
• Centro sociale TPO, Bologna
• Ya Basta Bologna
• Spazio libero autogestito VAG
• Ponte donna
• Non Una Di Meno – Castelli Romani
• Collettivo Studenti Federico II (Napoli)
• CSOA Officina 99
• Lab. Occ. Ska
• Mala Servanen Jin – Pisa
• Amazora, collettivo di autodifesa femminista – Bologna
• Fronte popolare SiCobas – Messina
• Iniziativa Antagonista Metropolitana Firenze
• CPA – Firenze
• Csoa Angelina Cartella Reggio Calabria
• Ex Caserma Rossani occupata – Bari
• Mamme in piazza per il diritto al dissenso
• Camminando a passo lento (Torino)
• Rete Kurdistan Cosenza
• Azadi (Cosenza)
• Rialzo (Cosenza)
• Sparrow (Spazio precario autogestito) Rende
• Cobas lavoro privato Cosenza
• Compagne e compagni di Genova
• Associazione muffa (Macerata)
• USB Bologna
• Lo Yeti (Roma)
• Mamme per Roma Città Aperta
• Biblioteca popolare-comitati di quartiere (Taranto)
• Non Una Di Meno – Napoli
• Non Una Di Meno – Lago di Garda

Rc 10 maggio 2019

Letto 224 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Martedì 28 maggio al Cartella nuovo appuntamento con la Rete Jin

    Il 25 novembre dello scorso anno, nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nel nord est della Siria in Rojava è stato inaugurato Jinwar, un piccolo villaggio costruito e abitato da donne della regione, curde, arabe, yazide, con figli o senza, vedove di guerra e non, di età molto diverse, ma con un sogno in comune: vivere un’esperienza di vita collettiva tra donne, senza l’oppressione patriarcale dei padri o dei mariti. Queste donne sono riuscite a costruire un’economia cooperativa autorganizzata e una comunità ecologica basata su modelli familiari gestiti in maniera assembleare.

  • Le iniziative per il 25 aprile 2019 al csoa Cartella

    Il 25 Aprile non è solo una ricorrenza “doverosa”, come una rata da saldare alla storia, un obolo per darsi una ripulita alla coscienza. Il significato sta nel far propri quei principi e renderli parte di una quotidianità, di un percorso, di una prassi. Il 25 Aprile oggi continua a significare lotta e accettazione di nuove sfide, contro antichi mali che si presentano con nuove vesti. La segregazione sociale del diverso, l’odio per gli ultimi, l’indifferenza verso chi perisce ma ha la sfortuna di vivere altrove, lontano da occhi che non siano quelli delle telecamere. L’espropriazione del potere di decidere delle proprie vite e del futuro del territorio nel quale si vive, diventa un fatto accettato in nome di diktat ineludibili che arrivano da un altrove non ben definito: ce lo chiede il mercato, ce lo chiede l’Europa, ce lo chiede la NATO.

  • L'Osservatorio sul disagio abitativo esprime solidarietà al Csoa "Cartella"

    Reggio Calabria. L'Osservatorio sul disagio abitativo esprime solidarietà al C.S.O.A "A. Cartella" per gli atti di vandalismo subiti nei giorni scorsi al parco di Gallico. Il Centro sociale Cartella, componente dell'Osservatorio, è da anni attivo sul territorio con azioni di sensibilizzazione e di lotta per la salvaguardia ambientale e la promozione dei diritti sociali, e già in passato ha

  • Reggio Calabria, Csoa Cartella: domani concerto della band Nimby

    Reggio Calabria. Venerdì 11 maggio la band calabrese Nimby si esibirà live al Csoa Cartella di Reggio Calabria - Via Quarnaro, Gallico (Reggio Calabria) - dalle ore 22:00. La band formata da Tommaso La Vecchia (voce, chitarra, synth), Aldo Ferrara (chitarra, cori), Francesco La Vecchia (chitarra, cori), Stefano Lo Iacono (basso, cori), Simone Matarese (batteria) e Raffele De

  • CSOA Cartella, i risultati della raccolta farmaci per la popolazione del Rojava

    Martedì 5 dicembre sono stati finalmente spediti alla volta di Roma, presso il Centro socioculturale curdo Ararat, tre pacchi (di cui due extralarge) pieni di medicine e piccoli dispositivi medici, arrivati al CSOA Angelina Cartella nel corso di due mesi di raccolta, grazie alla collaborazione di tante persone e di tante realtà associative, farmacie e medici del nostro territorio: oltre agli

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.