unci banner

:: NEWS

Brunori SAS torna con un nuovo tour. Il 5 aprile concerto al PalaCalafiore

Brunori SAS torna con un nuovo tour. Il 5 aprile concerto al PalaCalafiore

Farà tappa anche al PalaCalafiore di Reggio Calabria il tour 2020 di Brunori SAS. Lo rende noto la Esse Emme Musica che organizza il concerto del cantautore calabrese in programma...

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

È stato presentato nella Pinacoteca del Comune di Reggio Calabria il programma della prima edizione del Festival Olistico Morgana, organizzato dall’Associazione culturale Maradan, che si terrà dal 20 al 22...

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Mercoledì 18 Settembre l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, si renderà promotrice di un incontro formativo-informativo sugli strumenti dell’Art bonus e del Fundraising a supporto degli interventi di recupero e valorizzazione...

Palazzo San Giorgio offre il Cero votivo alla Madonna della Consolazione, patrona della città

Palazzo San Giorgio offre il Cero votivo alla Madonna della Consolazione, patrona della città

Palazzo San Giorgio rinnova l'offerta del Cero votivo alla Madonna della Consolazione, Patrona della Città. Queste le parole del sindaco Giuseppe Falcomatà: Eccellenza reverendissima, Reverendo Capitolo Metropolitano, porgo a voi...

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà l’aveva presentata a inizio giugno, nella Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio, come un contenitore ricco di grandi appuntamenti nazionali e internazionali...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASezione "R. Sardiello" PRI: RimboschiAmo Reggio

Sezione "R. Sardiello" PRI: RimboschiAmo Reggio

Pubblicato in POLITICA Domenica, 25 Agosto 2019 19:14

Anche questa estate 2019 è stata caratterizzata dal divagare di numerosi incendi che hanno colpito tutto il territorio metropolitano.
Le nostre colline sono ormai completamente spoglie e scarsamente rappresentative di quella “macchia mediterranea” simbolo del territorio calabro che, ricordiamo, è comunque caratterizzato da un forte rischio idrogeologico. Inoltre, va sempre rammentato che siamo noi i veri antagonisti della natura, causa dei continui cambiamenti climatici, innegabili e sotto gli occhi e la pelle di tutti.

Il risparmio energetico, la tutela del patrimonio territoriale come anche la tutela del manto boschivo, sono argomenti che non possono cadere in secondo piano tra i cittadini, nelle scuole e, soprattutto, devono essere centrali nell’azione di chi amministra la cosa pubblica dal momento in cui tali attività fungono da volano per uno sviluppo economico, turistico e sociale. Non va mai scordato che il nostro territorio ricade dentro un Parco Nazionale, ossia quello dell’Aspromonte, che non può non essere considerato come risorsa primaria.
Nel 2017, in India, in dodici ore sono state piantati 66 milioni di nuovi alberi da circa un milione e mezzo di volontari. Non pensiamo di raggiungere un record simile, ma fatte le dovute proporzioni Reggio potrebbe essere finalmente un esempio positivo da imitare in tutto il territorio nazionale ed europeo.
L’idea di rimboschimento proposta dai repubblicani reggini, è volta a sopperire la necessaria difesa del suolo, la diminuzione degli inquinanti, delle temperature e in modo particolare punta alla riduzione del rischio idrogeologico, tema quest’ultimo che li ha visti protagonisti in numerosi studi, dibattiti e a cui sono stati dedicati interi libri. Con tale proposta rilanciamo inoltre la creazione di un “giardino dei frutti perduti”, un arboreto caratterizzato da piante officinali e alberi del territorio, adibito con aree pic-nic e sentieri escursionistici, da lasciare in eredità alle future generazioni.
Per quanto riguarda la copertura finanziaria, con il D.P.C.M. 27 febbraio 2019 "Assegnazione delle risorse finanziarie di cui all'articolo 1, comma 1028, della legge 30 dicembre 2018, n.145" sono stati assegnati alla Città Metropolitana di Reggio Calabria ben 27 milioni per la mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico nonché all'aumento del livello di resilienza delle strutture e infrastrutture colpite dagli eventi calamitosi. I repubblicani si augurano che gli attuali amministratori non perdano anche quest’occasione per dare una svolta concreta su una tematica, quale l’ambiente, le cui scelte odierne determineranno la vita dei nostri prossimi.
Partito Repubblicano Italiano
Sezione “R. Sardiello” – Reggio Calabria

Rc 25 agosto 2019

Letto 90 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Il cordoglio di Francesco Nucara (PRI) per la scomparsa di Paolo Pollichieni

    Francesco Nucara esprime il suo cordoglio per la scomparsa di Paolo Pollichieni, voce libera in un panorama della civiltà calabrese dove le opinioni è più facile nasconderle che esprimerle. Non sempre ho condiviso le sue battaglie, pur essendogli amico personale e pur avendo io stesso fruito della sua amicizia e della sua generosità quando ho voluto, per il tramite del suo giornale, le mie idee sui tanti problemi che affliggono la nostra Calabria. Il rispetto delle opinioni era reciproco anche se non sempre coincidente. Certamente non gli ha mai fatto velo l'amicizia per modificare i suoi urticanti servizi giornalistici. Caro Paolo di sicuro mancherai alla tua famiglia e anche ai tuoi amici, ma è certo che dalla mancanza dei tuoi servizi giornalistici, bè soffrirà la Calabria. Ciao Paolo.

  • Giordano (PRI): le periferie restano sempre più escluse

    Il concetto di periferia va molto di moda in politica oggi, soprattutto perché fa comodo evocarlo.
    Tirarne fuori l’immagine, troppo spesso abusandone, svela come i modi con cui ci si rapporta a questo importante tema è l’opposto di ciò che dovrebbe essere. Troppo spesso vediamo che nelle periferie ci si va solo per prendere voti, o con la presunzione di portare opportunità e speranze.

  • Giordano (PRI): La Città deve scendere in piazza, il commissariamento sarebbe un disastro

    Lo abbiamo detto nel settembre del 2012, quando si paventava di sciogliere il Comune di Reggio Calabria, cosa avvenuta il 9 ottobre dello stesso anno per “contiguità” con organizzazioni mafiose. Quella scelta umiliante dell’allora Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, ha massacrato la nostra città. L’arrivo dei commissari, quindi del burocrate che sostituisce il politico, ha ridimensionato la vita dei reggini: economicamente con l’aumento smisurato delle imposte; in termini di servizi al cittadino, sempre minori e di pessima qualità; e soprattutto moralmente. Da quello sciagurato evento del lontano 2012 la città non si è più rialzata, nonostante quello scioglimento non era per dissesto finanziario, cosa che accadrebbe oggi, ma per “contiguità mafiosa” (e non per infiltrazioni).

  • I Repubblicani reggini come da tradizione al Cippo di Garibaldi in Aspromonte

    Come ogni anno, anche quest’anno i repubblicani reggini, secondo una tradizione ereditata dai fondatori del P.R.I. calabrese Francesco Antonio Leuzzi e Gaetano Sardiello, si sono recati al Cippo di Garibaldi per onorare la memoria del paladino dell’Unità d’Italia, ferito dai militari savoiardi nel 1862. Sotto l’albero in cu Garibaldi fu appoggiato dopo il ferimento, si è tenuto il discorso commemorativo del giovane segretario repubblicano Demetrio Giordano: “i nostri attuali governanti pentastellati e leghisti stanno portando nuovamente divisioni tra il popolo, in cento sette diverse che reciprocamente si maledicono” – ha sostenuto Giordano – “ci stanno educando alla cattiveria, alla distinzione tra razze e tra ceti. La scuola, la scuola e ancora la scuola, è questa la via maestra, ed è questo il pensiero che i repubblicani devono portare tra la gente”.

  • Giordano (PRI) su dimissioni Abenavoli (società in house Castore)

    Mentre il P.R.I. reggino continua a predicare una gestione programmatica per la città, si assiste ad una lenta disintegrazione della stessa, accompagnata da una gestione amministrativa negligente e assuefatta da nulluismo.
    Dopo le dichiarazioni di Saverio Abenavoli crolla un altro tassello della costruzione della città ideale del sindaco Falcomatà. Costruzione già fatiscente e lacunosa in partenza, che non è mai stata chiara a nessuno, annunciata in pompa magna dal Sindaco nell’insegna della trasparenza, ma così trasparente da non riuscir a veder nulla. Parlo del tassello delle Società di House “Castore e Polluce” al cui cugino Abenavoli, Falcomatà nel 2015 ne aveva dato l’amministrazione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.