unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICASiclari (FI): Decreto Calabria è dannoso, il governo lo revochi o paghi debito e sblocchi assunzioni

Siclari (FI): Decreto Calabria è dannoso, il governo lo revochi o paghi debito e sblocchi assunzioni

Pubblicato in POLITICA Martedì, 14 Maggio 2019 17:51

"Ritirate il decreto Decreto Calabria è uno strumento inutile e pericoloso per la vita dei calabresi. Per risolvere la situazione sanitaria della Regione e salvare 2 milioni di persone basta un miliardo di euro che ci impegniamo a restituire in 30 anni (al costo di un caffè al mese) ma in caso estremo se non volete prendere in considerazione questa soluzione sbloccate le assunzioni. Noi calabresi saremo costretti a pagare l'aumento delle addizionali IRAP E IRPEF oltre le altre tasse che aumenteranno automaticamente per il disavanzo di bilancio della gestione commissariale della sanità senza avere garantito un servizio sanitario degno di essere chiamato tale. Lo Stato ha la certezza che noi calabresi pagheremo il debito con le tasse che aumentano, ma noi abbiamo purtroppo anche la certezza che lo strumento commissariale non garantisce l'assistenza sanitaria.

Perché pagare adesso per avere assistenza forse tra 10 anni?Propongo di pagare adesso per avere assistenza subito, e questo può avvenire azzerando i vincoli del piano di rientro e del commissariamento".
Questo l'appello lanciato dal senatore azzurro Marco Siclari in una conferenza stampa a palazzo Madama organizzata da Forza Italia della quale si è fatto promotore contro il provvedimento del governo. Presente la capogruppo Anna Maria Bernini che apprezzando e rafforzando il lavoro svolto in Commissione Igiene e Sanità dal senatore Siclari ha definito un disastro un decreto nato da un'inchiesta giornalistica piuttosto che dalle molteplici segnalazioni istituzionali.
"Dobbiamo avere subito la possibilità di curarci e un super commissariamento dopo il fallimento totale di questi 12 anni sappiamo già che non potrà essere la soluzione - ha continuato SICLARI - Ed infatti nella relazione alla proposta di legge, il Governo scrive candidamente che: manca la continuità nell'erogazione delle prestazioni sanitarie afferenti ai livelli essenziali di assistenza e i limiti di spesa per le assunzioni di personale nell'ambito del Servizio sanitario nazionale hanno determinato il blocco del turn over e, quindi, la carenza del personale. Serve una risposta in termini di assistenza sanitaria termine che nel decreto rimane sconosciuto. Nel decreto salute del Governo non vi è traccia della parola "assistenza sanitaria", ha concluso il senatore azzurro.

Roma 14 maggio 2019

Letto 148 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Siclari (FI): ospedali chiusi? Dove'era Oliverio quando la Calabria protestava a Roma

    "Dov'era la Regione e la sinistra quando li invitavo a protestare prima che venisse approvato il Decreto Calabria dal Governo? Dov'era la Regione quando ho organizzato, per la prima volta nella storia della Calabria, una manifestazione a Montecitorio per protestare ed evitare l'approvazione del decreto che avrebbe affossato la sanità calabrese?".
    Il senatore forzista Marco SICLARI non ci sta ad assistere a manovre sulla sanità che sanno di campagna elettorale.

  • Crisi di Governo, Siclari e Cannizzaro intervengono sulle dichiarazioni di Morra

    "Il Crocifisso l'ho sempre portato sin da piccolo e credo lo porti anche Morra, il Senatore calabrese M5S che, come avete ascoltato in diretta TV, ha dichiarato che "La #Madonna e il Rosario in Calabria sono utilizzati per mandare messaggi alla 'ndranegherà". Sono certo, mi auguro di non essere smentito, che il Senatore (Presidente della Commissione Bicamerale Antimafia) non voleva affermare quanto ha dichiarato, oggi, in aula del Senato. Non ci credo e non voglio crederci!"
    È questa la considerazione amareggiata che il senatore forzista Marco SICLARI ha lasciato sui social dopo aver ascoltato in aula l'intervento del senatore 5stelle, anche lui calabrese, Morra.

  • Sanità, Siclari (FI): solidarietà ai medici aggrediti, l'emergenza in estate peggiora

    "L'emergenza sanitaria che la Calabria vive ormai da anni, in estate assume forme drammatiche. Il personale medico e sanitario non può supportare l'utenza enorme dei pazienti che arrivano nel periodo estivo. Già manca normalmente il personale, figuriamoci in estate. Così l'esasperazione dei pazienti finisce per essere riversata su chi, invece, non conosce riposo ed è in ospedale a dare assistenza come meglio può". Il senatore Forzista Marco SICLARI torna ad accendere i riflettori su quanto accade negli ospedali calabresi e, in particolare, esprime vicinanza ai medici che, loro malgrado, sono stati brutalmente aggrediti. Diversi i casi registrati che, per il senatore, non posso passare inosservati perché sintomo di una situazione di emergenza arrivata, ormai, all'esasperazione generale.
    "Esprimo profonda vicinanza e solidarietà ai colleghi medici e a tutto il personale sanitario, in attesa di un governo che possa approvare una vera Legge a tutela e difesa degli operatori sanitari", ha concluso il senatore azzurro.

  • Siclari (FI): in Calabria lo Stato è presente, grazie a tutti gli uomini come il Giudice Scopelliti

    «Porto i saluti del Presidente Elisabetta Casellati in questa giornata dedicata alla memoria del giudice Scopelliti che ha sacrificato la sua vita per questa terra. Ringrazio tutti gli uomini che rappresentano lo Stato e che quotidianamente, in modo incessante, lavorano per garantire sicurezza e che ci rendono orgogliosi di essere calabresi. Grazie al loro operato possiamo dire con fierezza che la Calabria è una terra sicura dove lo Stato è presente e dimostra, vincendo molte battaglie, che la 'ndrangheta può essere sconfitta e che i calabresi non sono soli. L'azione della procura e delle forze dell'ordine deve essere uno stimolo per i giovani a rimanere in Calabria a credere e investire il loro futuro in questa terra ricca di un potenziale inespresso. Lo stesso vale per gli imprenditori che guardando a questa fertile realtà non devono sentirsi soli, ma possono decidere di investire nella convinzione che in Calabria c'è lo Stato oltre a cittadini onesti e lavoratori».

  • Il senatore Siclari a Calabria In Campus per discutere di riscatto della Calabria

    «L'unica strada possibile per riscattare la nostra terra e riscoprire la nostra identità è dare la possibilità ai giovani di restare in Calabria e ciò può accadere solo creando occupazione. Per fare questo la nostra terra ha necessità di avere una classe politica dirigente qualificata e, per ottenerlo, serve che i partiti facciano una selezione accurata, candidando chi ha competenza ed esperienza per trovare soluzioni concrete ai problemi atavici del nostro territorio. Persone in grado di confrontarsi anche con gli esponenti del centro nord e portare al sud gli investimenti che mancano da sempre. L'ultimo grande investimento al Sud è stato fatto nel 2001 dal Governo Berlusconi con la Salerno/Reggio Calabria. Fino ad allora, lo Stato non ha investito nelle infrastrutture del Sud e non ha dato l'opportunità di sviluppare quell'enorme potenziale che porterebbe ricchezza e occupazione a tutto il Meridione».

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.