unci banner

:: NEWS

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Sono ben ventuno i progetti presentati dal Parco Nazionale dell’Aspromonte al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, nell’ambito del maxi fondo di 85 milioni messo a...

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Uno sguardo nello sguardo. Un occhio attento che riesce a cogliere i cambiamenti dell’anima, traslazioni rispecchiate perfettamente nell’arte. Mentre la rassegna “Scilla jazz festival 2019” ha chiuso i battenti per...

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Una parata di stelle per il gran finale del Kaulonia Tarantella Festival 2019. La kermesse di musica e cultura etnica chiuderà i battenti martedì 20 agosto con grandi ospiti tra...

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

Dopo 'VOLIRI VOLARI', inno storico della Varia, la band palmese dei RAGAINERBA dedica ancora un altro pezzo dal titolo 'MBUTTATURI' dedicata proprio ai 200 portatori che nel giorno della Festa...

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Gli scrittori che vorranno partecipare alla settima edizione del concorso di narrativa “Italo Falcomatà” avranno un po’ di tempo in più per lavorare alla propria opera. Infatti, l’associazione “Dopolavoro ferroviario”,...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAToponomastica, il Collettivo La Strada risponde al presidente Cantarella con una proposta: 100 donne per Reggio

Toponomastica, il Collettivo La Strada risponde al presidente Cantarella con una proposta: 100 donne per Reggio

Pubblicato in POLITICA Martedì, 13 Agosto 2019 16:08

Ringraziamo il prof. Cantarella per la risposta immediata che ci ha fornito a seguito della pubblicazione del nostro comunicato che invocava maggiore presenza, nella nostra città, di una toponomastica al femminile. Che le istituzioni dimostrino apertura al confronto e disponibilità ad accogliere le istanze della società civile è un fatto molto positivo, quindi non possiamo che apprezzare le precisazioni del Presidente della Commissione Toponomastica. Ci scusiamo se abbiamo fornito dati inesatti, riportando gli unici reperibili sul portale ufficiale del Comune, e chiediamo al prof. Cantarella di segnalarci un sito web che riporti notizie aggiornate sul lavoro della Commissione Toponomastica, dal momento che il portale dell’Amministrazione Comunale e i siti di numerose testate locali che abbiamo consultato per le nostre ricerche si sono rivelati insufficienti.

Persino di alcune delle intitolazioni segnalate a conclusione del comunicato di risposta non vi è, ad oggi, alcuna traccia nel web né, ci pare, effettivamente sul territorio, quindi vorremmo chiedere cortesemente al prof. Cantarella di indicare cosa è stato intitolato ad ognuna delle donne da lui citate. A una ricerca su Maps, ad esempio, alla digitazione “Simone” a Reggio Calabria appare subito Simone Furnari e, neanche a una ricerca più approfondita, la grande filosofa francese Simone Weil. Non che Maps costituisca uno strumento “filologico”, ma è pur sempre ormai lo “stradario” che il cittadino medio frequenta per conoscere istantaneamente la collocazione di una via o una piazza. Anche con questo dobbiamo relazionarci nella costruzione di un immaginario di parità di genere in un territorio.
L’apertura della Commissione Toponomastica è, quindi, da apprezzare. Tuttavia, in un clima di franco e sereno confronto, non possiamo che ravvisare come nell’intervento del prof. Cantarella ci sia il segno di quanto occorra ancora lavorare in questa città sui temi della questione femminile e della parità di genere. Lo dimostra il fatto che il Prof. Cantarella, stimato uomo di cultura, dichiarando di avere avvertito “la necessità di colmare questa oggettiva lacuna di strade o piazze od altri luoghi, intitolati a donne”, riesca a presentare come un successo la “deliberazione di ben 32 strade e piazze su un totale che, al momento, è di 338 nuove intitolazioni, con una percentuale, quindi, che è pari circa al 10% del totale”.
Certamente, il prof. Cantarella si renderà conto da solo di quanto questa sua risposta rischi involontariamente di avvalorare quegli schemi culturali che lui stesso, siamo certi, vuole attivamente contrastare. Quel “ben 32” associato a quasi il “10% del totale” rischia di apparire quasi come una concessione o come il raggiungimento di un buon risultato. Questi dati, invece, possono essere interpretati solo come le prime timide luci di un obiettivo che è ben lontano dall’essere raggiunto. Conosciamo la sensibilità del prof. Cantarella e dei componenti della Commissione e sappiamo che questa espressione non rende merito al lavoro culturale, sociale e politico che vorrebbero portare sul territorio e che, sinceramente, non si può assolutamente ritenere evaso nella destinazione di 32 intitolazioni su 338 e men che meno sul totale della toponomastica cittadina, dove questa sproporzione è molto più evidente. Una tendenza comunque al maschile che deve essere invertita al più presto, proprio per dare un segno di netto cambiamento. Confidiamo nel fatto che, alla luce di quanto finora esposto, lo stesso prof. Cantarella sia d’accordo con noi nel ritenere necessario e immediato un lavoro specifico e impegnativo sulla toponomastica al femminile, nell’evidenza di quanto sia radicale e profondo il lavoro che è necessario intraprendere, principalmente su di noi.
Riprendiamo il concetto cardine del nostro precedente comunicato: “Una città le cui strade prendono il nome da uomini e donne illustri con la stessa proporzione è senz’altro specchio di una società più giusta”. Come abbiamo evidenziato, non è purtroppo il caso di Reggio, della nostra città. La Commissione Toponomastica, sensibile al tema, non può mantenere questa sproporzione. Come abbiamo sempre apprezzato dagli interventi della Commissione, dare nomi alle strade non è un esercizio retorico, ma politico, sociale, culturale, civile.
Ringraziamo ancora per l’apertura al confronto sin qui dimostrata e vogliamo lanciare una proposta: iniziamo adesso, in ottica costruttiva e di collaborazione, a colmare questo divario, dedicando le prossime 100 intitolazioni esclusivamente a donne illustri.
“100 donne per Reggio” è la nostra proposta. Non arriveremo a colmare il divario, non sarà comunque sufficiente. Sarà solo un inizio, ma l’inizio – finalmente – di un percorso giusto ed equo per tutte e tutti noi, per la città nella quale viviamo, per la società che sogniamo e che vogliamo – e dobbiamo – lasciare a chi ci succederà. In questa attività proponiamo anche il contributo, se possibile, della Commissione Pari Opportunità del Comune, proprio in un clima di collaborazione e riconoscendo il lavoro svolto sulla questione femminile a Reggio Calabria.
Il collettivo La Strada si dichiara pronto a collaborare fin da subito, anche a segnalare altri collettivi e associazioni presenti in città attivi già da diverso tempo in questo settore e il cui coinvolgimento si rivela, pertanto, assolutamente necessario e prezioso.

Rc 13 agosto 2019

Letto 66 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Saverio Pazzano (Collettivo La Strada): "Riabitare Reggio"

    di Saverio Pazzano - Collettivo "La Strada" - Questi sono i giorni che ritorniamo. Perché alla fine noi reggini ritorniamo sempre: per le feste, per le vacanze, per una scusa qualsiasi. Ritorniamo e ripartiamo, perché alla fine Reggio è la città di chi deve sempre ripartire o di chi è in procinto di partire o di chi deve salutare qualcuno che sta per partire. È anche la città di chi resta, ma è come forestiero in una città malridotta e mal curata, tenuta in perenne stato cagionevole e quasi abbandonata.
    Questa è la principale generazione di Reggio. Una generazione non strettamente anagrafica, ma di coloro che si interrogano sulle ragioni del restare e dell’andare, per sé, per i propri figli, sul senso di esilio che si prova a vivere a Reggio. Esiliati, confinati tra la retorica del “restare” alimentata dai politicanti vecchi e giovani, e tra il suo esatto contrario dell’andare e basta, perché si deve, perché qui è tutto perduto. Reggio è la città in cui trova spesso compimento quella che Corrado Alvaro definisce la più grave disperazione: “il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

  • Precisazioni del Presidente della Commissione Toponomastica Giuseppe Cantarella su toponomastica femminile

    Il Presidente della Commissione Toponomastica, professore Giuseppe Cantarella, in relazione al comunicato de Il Collettivo La Strada, pubblicato su alcune testate di stampa locale, ritiene utile inoltrare alcune precisazioni: Fin dall’insediamento di questa Commissione Toponomastica, avvenuto il 14 Giugno del 2016, si è avvertita la necessità di colmare questa oggettiva lacuna di strade o piazze od altri luoghi, intitolati a donne. La Commissione ha avviato pertanto importanti e proficue interlocuzioni con associazioni che si occupano anche di questa questione, ricevendo utili suggerimenti e sviluppando interessanti confronti, formulando poi delle proposte che hanno consentito alla Giunta Municipale di pervenire alla deliberazione di ben 32 strade e piazze intitolate a donne, (compresa la Rotonda 8 Marzo), su di un totale che, al momento, è di 338 nuove intitolazioni, con una percentuale, quindi, che è pari circa al 10 % .

  • Reggio e la Via dell’Emancipazione: proposte del collettivo La Strada per una toponomastica al femminile

    La toponomastica è importante. L’intitolazione di vie, strade e piazze racconta moltissimo della storia di una città, della sua cultura, delle battaglie civili e delle scelte politiche che l’hanno portata a diventare quello che oggi è. La toponomastica rende i luoghi evocativi, sensibilizza – o almeno, ci prova – chi quei luoghi li abita e li vive nella quotidianità.
    Intervenire sulla toponomastica è un’operazione essenzialmente politica; Reggio Calabria, in questo, non fa eccezione. Nell’anno 2016 il Comune ha nominato una Commissione Toponomastica – attribuendole un “ruolo consultivo sulla denominazione delle strade della città” – composta da tre consiglieri comunali e sei personalità esperte in diversi campi del sapere (storia, architettura, scienze naturali ecc.) per un totale di nove membri – sette uomini e due donne.

  • Collettivo La Strada: ma il Comune di Reggio vigila sulla tassa di soggiorno?

    A Reggio si parla sempre di turismo. Sul turismo si sono costruite intere stagioni politiche, "Reggio città turistica" sarebbe il ritornello più riuscito di un ipotetico Festivalbar locale. A Reggio la stagione turistica è sempre da venire, anche per quest'anno sarà l'anno prossimo. In una recente e molto partecipata assemblea sul Turismo a Reggio abbiamo incontrato eccellenze ed operatori virtuosi, abbiamo appreso molto e abbiamo avuto conferma di ciò che, da profani, già sapevamo: a Reggio manca la ben che più semplice strategia turistica, la più piccola e organica programmazione. Nell'improvvisazione più completa sta agli operatori barcamenarsi, cercando di coprire le falle di un sistema farraginoso. Dai trasporti, all'acqua, ai più banali punti di informazione sembra mancare tutto.
    Già a chiunque arrivi in aeroporto o in stazione é chiaro come il Comune non vigili affatto sul rispetto delle tariffe dei Taxi, praticamente inaccessibili a chi non abbia stipendi da emiro. Non è un buon biglietto da visita…

  • A Reggio Calabria una piazza per Andrea Camilleri

    L’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà, attraverso la Commissione Toponomastica, presidente Giuseppe Cantarella, ha aderito alla petizione - rilanciata su scala nazionale dall’associazione Articolo21 e pubblicata sul sito internet charge.org - per intitolare una piazza allo scrittore Andrea Camilleri, nominato nel 2003 Grande ufficiale al Merito della Repubblica. Proprio questo riconoscimento, consentirebbe di agire in deroga alla norma che vuole l’intitolazione di strade o piazze a persone decedute da almeno dieci anni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.