unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAUSB: incontro in Prefettura sulle problematiche dei lavoratori stranieri

USB: incontro in Prefettura sulle problematiche dei lavoratori stranieri

Pubblicato in POLITICA Sabato, 24 Agosto 2019 12:24

Nella giornata di ieri, 23 agosto, una delegazione di USB ha incontrato nei locali della Prefettura di Reggio Calabria responsabili degli uffici immigrazione della stessa Prefettura e della Questura, al fine di discutere alcune problematiche emerse dal lavoro politico e sindacale che viene realizzato sulla Piana di Gioia Tauro, soprattutto attraverso le attività dello Sportello dei diritti Soumaila Sacko. Negli ultimi mesi, infatti, è emerso che a sempre più cittadini stranieri – in massima parte lavoratori – titolari di forme di protezione (internazionale, umanitaria e sussidiaria) viene di fatto negato il diritto al rinnovo del permesso di soggiorno in assenza di una certificazione di residenza o di domicilio che viene loro richiesta presso gli uffici immigrazione del territorio.

Durante l'incontro è stato ribadito da parte della delegazione Usb come la normativa vigente (a partire dal Testo Unico sull'Immigrazione) non vincoli il rinnovo del permesso al possesso di una residenza o di un domicilio. Come del resto recenti sentenze dimostrano, il diritto all'ingresso e alla permanenza sul territorio nazionale – sancito dal riconoscimento di forme di protezione – non può essere in alcun modo vincolato dal possesso di altri documenti. Né appare giuridicamente motivato che il rinnovo del permesso di soggiorno debba essere preceduto dall'iscrizione anagrafica attraverso il ricorso al pur prezioso istituto della residenza fittizia, immaginato per consentire l'erogazione di servizi fondamentali anche a chi è privo di fissa dimora o abitazione.

Negare il permesso di soggiorno a cittadini che risiedono in siti o campi della Piana (come Testa dell'Acqua o Contrada Russo), verso cui il flusso è peraltro aumentato in seguito all'operazione bluff dello sgombero della baraccopoli di San Ferdinando voluto a favore di telecamere dal ministro Salvini, rappresenta un'azione dannosa nei confronti sia di quelle persone che del territorio stesso.

Negli ultimi mesi, il mutamento del quadro giuridico e normativo italiano in materia di migrazione ha generato incertezza presso molti uffici comunali e di polizia, producendo stalli burocratici a fare le spese dei quali sono – come sempre – i soggetti migranti e lavoratori.

Infatti, il mancato rinnovo del permesso a beneficiari di forme di protezione non fa altro che produrre marginalità e irregolarità sul territorio: in assenza del permesso di soggiorno, diviene impossibile accedere a rapporti di lavoro regolarmente contrattualizzati e affittare una casa. In poche parole, l'ostacolo al rinnovo del permesso, che stiamo riscontrando presso alcuni uffici del territorio, costituisce una pratica discrezionale che ostacola la regolarizzazione di cittadini e lavoratori presenti nella provincia.

Non si tratta di semplici inadempienze ma di criticità strutturali il cui superamento richiede la collaborazione tra parti sociali, associazioni e istituzioni.

Abbiamo riscontrato la disponibilità e l'apertura dei rappresentanti della Prefettura affinché tale problematica possa essere oggetto di un intervento volto a sgombrare il campo da dubbi che, ripetiamo, producono la proliferazione di condizioni di irregolarità e precarietà.

Dal canto nostro continueremo le nostre attività per la difesa dei diritti dei lavoratori e del territorio, a partire da martedì 27 agosto quando riaprirà, dopo la pausa estiva, presso il Municipio di San Ferdinando lo Sportello dei diritti Soumaila Sacko che, ricordiamo, è aperto per tutte e tutti gli abitanti della Piana.

Reggio Calabria, 24.08.2019


USB – Federazione provinciale di Reggio Calabria

Letto 79 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L’USB incontra Cotticelli sulle strutture psichiatriche reggine

    Nella giornata di ieri una delegazione dell’USB ha incontrato il Generale Cotticelli, Commissario straordinario alla Sanità in Calabria. L’atteso incontro era stato richiesto a seguito della definizione della nuova Rete territoriale di assistenza psichiatrica riabilitativa residenziale per il territorio di competenza dell’ASP 5, atto che ha destato forti perplessità tra i lavoratori del settore, soprattutto per l’indicazione del fabbisogno di posti letto, già praticamente soddisfatto e che non tiene conto delle reali esigenze del territorio della provincia reggina.

  • USB: la politica non può restare sorda alle problematiche delle strutture psichiatriche reggine

    Giovedì 1 agosto dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.
    La situazione di crisi in cui versano le strutture psichiatriche reggine continua così come crescono le preoccupazioni dei lavoratori del settore. Sebbene la chiusura della fase di accreditamento, il cui termine è stato fissato per la fine dell’anno, rappresenta la possibilità di andare finalmente verso un rapporto certo tra Asp e cooperative, il taglio dei posti letto sancito con l’approvazione della nuova Rete territoriale determinerà un’importante riduzione dei posti di lavoro, oltre che della qualità dei servizi erogati. A queste inquietudini si aggiunge l’ennesimo ritardo nei pagamenti, fermi allo scorso marzo.

  • Hospice Via delle Stelle: garantire lavoratori e livelli assistenziali

    È stata una risposta univoca e inequivocabile quella registrata ieri nel corso della conferenza stampa, indetta dalla Fondazione "Via delle stelle", da parte della cittadinanza reggina. Troppo forte il timore di perdere la possibilità di poter continuare ad usufruire dell'eccellente Servizio di Cure Palliative Specialistiche, garantito dall'Equipe dedicata multidisciplinare - formata per erogare cure palliative oncologiche e non - che in questi 12 anni ha preso in carico persone affette da patologie a prognosi infausta e loro familiari, nei 4 setting assistenziali (hospice, day hospice, ambulatorio e assistenza domiciliare).

  • L’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

    Martedì 11 giugno si aprirà a Locri il processo a Mimmo Lucano e altre 26 persone. L’accusa, a vario titolo, è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Un processo, questo, che rappresenta l’ultima tappa di un percorso, iniziato qualche anno fa, teso a demolire e demonizzare il “modello Riace”, la particolare esperienza di accoglienza e integrazione a profughi e migranti che ha reso il piccolo borgo calabrese famoso in tutto il mondo.
    Ma se è normale che le istituzioni preposte controllino le regolari procedure per la gestione dei fondi pubblici - e nel caso di irregolarità si comportino di conseguenza - quello che è anormale in questa vicenda sono le modalità con cui si è sviluppata e diffusa:

  • Soumaila Sacko un anno dopo: il ricordo e le proposte di USB per non dimenticare

    Ci sono morti impossibili da dimenticare, nonostante tutto, nonostante tutti. Lo è quella di Soumaila Sacko, il bracciante e sindacalista USB ammazzato il 2 giugno dello scorso anno a San Calogero (VV), mentre raccoglieva vecchie lamiere nella ex fornace “La Tranquilla”, sequestrata da anni e considerata una delle discariche più pericolose d’Europa.
    A distanza di un anno sono state perciò la commozione e la rabbia a caratterizzare l’iniziativa che l’Unione Sindacale di Base ha voluto per ricordare Soumaila. Commozione e rabbia ancora più forti oggi, quasi tre mesi dopo che le ruspe elettorali di Salvini hanno spianato a San Ferdinando (RC) la baraccopoli in cui Soumaila fu tra i primi ad avviare il processo di sindacalizzazione dei braccianti agricoli della Piana di Gioia Tauro.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.