unci banner

:: NEWS

Misiti (M5S): Lo smisurato numero di “denunce” ai sanitari in costante e spaventoso aumento stanno fortemente demotivando le professionalità

Misiti (M5S): Lo smisurato numero di “denunce” ai sanitari in costante e spaventoso aumento stanno fortemente demotivando le professionalità

Sono più di 35000 le azioni legali che, ogni anno, vengono intraprese da pazienti che denunciano operatori della sanità, in particolare medici, per presunti casi di malasanità. Il dato che...

Un murale per l’ufficio postale di Delianuova. Inaugurata la seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme nel Territorio”

Un murale per l’ufficio postale di Delianuova. Inaugurata la seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme nel...

Reggio Calabria, 18 giugno 2019 – L’ufficio postale di Delianuova (Rc) vestirà nuovi colori: le sue pareti esterne sono state dipinte con un murale, ideato e realizzato per Poste Italiane...

Avis OdV Comunale Reggio Calabria festeggia "in famiglia"  la Giornata del Donatore

Avis OdV Comunale Reggio Calabria festeggia "in famiglia" la Giornata del Donatore

La commozione della memoria di un luogo significativo adesso divenuto largo dei Volontari del Sangue, i colori di un'aiuola adottata per il bene comuni e per la Città sul Lungomare...

Il SUL interviene per la questione del servizio di parcheggio degli Ospedali Riuniti

Il SUL interviene per la questione del servizio di parcheggio degli Ospedali Riuniti

Il SUL reggino ha richiesto all’Azienda Ospedaliera reggina e all’Azienda Traffic un incontro per affrontare le problematiche relative al servizio di parcheggio degli Ospedali Riuniti cittadini, i cui dipendenti sono...

Operazione “Balboa”: disarticolata associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina

Operazione “Balboa”: disarticolata associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza – con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAVia della Seta, Giannuzzi (Blu Calabria): Governo ha deciso di affondare la Calabria con l’esclusione del porto di Gioia Tauro

Via della Seta, Giannuzzi (Blu Calabria): Governo ha deciso di affondare la Calabria con l’esclusione del porto di Gioia Tauro

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 18 Marzo 2019 08:11

Da sei anni parlare di Cina, significa parlare esplicitamente o meno, della “Nuova via della seta“. Il “Belt and Road Initiative”, cioè il grande progetto, oppure sarebbe meglio dire il “Sistema" con cui Pechino punta a rilanciare il connubio infrastrutturale e commerciale della grande massa continentale eurasiatica e a realizzare una nuova architettura economico-commerciale. La nuova via della seta conoscerà numerosi ostacoli durante la sua realizzazione. Infatti, la Cina sta sviluppando una strategia che comporterà il cambiamento degli equilibri internazionali e a vederla da un’altra angolazione sono i Paesi che da essa avrebbero meno da beneficiare, Stati Uniti in primis.

Il governo italiano è pronto a firmare il memorandum d’intesa per aderire alle nuove vie della seta e la nostra nazione sarebbe il primo membro del G7 a entrare nel progetto infrastruttural-commerciale di Pechino. Accordo sgradito agli Stati Uniti che hanno subito esternato la propria contrarietà mettendo in dubbio l’effetto benefico dell’iniziativa per il Belpaese. Il Mediterraneo diventa sempre più strategico e la sua centralità non si esaurisce nell’Hub del Pireo. Il porto di Gioia Tauro con 2,8 milioni di container movimentati nel 2016 è primo in Italia e sesto nel Mediterraneo dopo gli scali spagnoli di Algeciras, Valencia e Malaga, Tangeri in Marocco e il Pireo in Grecia Anche se nel 2018 il porto di Gioia Tauro ha perso un volume di traffico del 6% a causa di una diatriba interna tra le due società concessionarie delle attività del terminal container.
Lo scalo di Gioia Tauro è più vicino dei porti spagnoli e del Marocco per il trasporto delle merci provenienti da Oriente che attraversano il canale di Suez per arrivare nel Mediterraneo ed è anche meno decentrato di Atene rispetto al cuore dell’Europa. Da Gioia Tauro si raggiunge Berlino, attraversando il Brennero, con un percorso di 2.100 km, mentre da Atene aggirando la Serbia come prevedono i corridoi ferroviari, occorrono 2600 km con un aggravio di spese aggiuntive.
Tuttavia il Governo ha scelto di non considerare la posizione strategica del porto di Gioia tauro nel cuore del Mediterraneo a vantaggio dei porti del Nord. In Italia c’è una «chiara ripartizione funzionale» tra il Nord che ha porti di tipo «gateway», dove cioè i container vengono spostati sui treni e raggiungono i mercati di destinazione. Mentre il Sud Italia ha soprattutto porti di puro «trans-shipment», cioè dove i container si trasferiscono su navi più piccole, un’attività con «prospettive modeste». Gioia Tauro, in effetti, se resta solo uno scalo di trasbordo merci è destinato al declino. Però la Calabria, al contrario di Malta o della Sardegna dove ci sono scali importanti di trans-shipment, è una penisola e potrebbe essere collegata alla rete ferroviaria europea adeguando gli standard del trasporto merci ai due parametri-chiave: lunghezza dei treni-portacontainer di 750 metri e sagome dei vagoni definite PC80. Gioia Tauro e la Calabria non devono essere escluse da questa nuova architettura economica. Non è possibile escludere la Rotterdam del Mediterraneo a favore dei porti del Nord.
Infatti il Governo non investe né sul porto di Gioia Tauro né sulla rete ferroviaria calabrese. In relazione a quanto espresso è chiaro che dalla decisione del Governo dipende il futuro della Calabria.
Dott.ssa Innocenza Giannuzzi
presidente dei Consorzi Blu Calabria e Agricoop Italia

Rc 18 marzo 2019

Letto 162 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Operazione “Balboa”: disarticolata associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza – con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Capo Giovanni Bombardieri – stanno dando esecuzione nelle province di Roma, Reggio Calabria e Sassari ad una Ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dei sodali di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina operante sotto l’egida della cosca di ‘ndrangheta “Bellocco” di Rosarno.

  • Sequestrati al Porto di Gioia Tauro 53 chili di cocaina nascosti in un carico di frutta esotica

    Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane – Ufficio Antifrode di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia - hanno individuato e sequestrato 53 Kg di cocaina purissima nello scalo portuale calabrese.
    Attraverso una complessa attività di indagine eseguita tramite analisi di rischi e riscontri fattuali su oltre 1.200 contenitori provenienti dal continente americano, gli uomini della Guardia di Finanza, con il supporto di unità cinofile e grazie ai sofisticati scanner in dotazione all’Agenzia delle Dogane, sono riusciti ad individuare quello in cui era stato occultato lo stupefacente.

  • Lettera aperta del SUL al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

    Egregio Sig. Presidente, Lei ha deciso di tenere il Consiglio dei Ministri nella nostra Regione ed a Reggio Calabria, scegliendo, così, di lanciare un messaggio di attenzione al Sud ed alla Calabria. Già nelle settimane precedenti abbiamo assistito all’intervento del Governo per facilitare la definizione delle questioni societarie relative al Porto di Gioia Tauro, premessa indispensabile per l’auspicato rilancio di questa importante e strategica struttura.
    Tuttavia, pur nella considerazione positiva che ne abbiamo dato e nella speranza che si sia trovata la soluzione perché il Porto torni a movimentare i traffici di pochi anni or sono, converrà con noi che si tratta di una scelta difensiva. Che non vogliamo certo sminuire perché il valore della difesa del posto di lavoro e dell’economia esistente è parte fondamentale del nostro lavoro e della stessa ragione della nostra esistenza e sarebbe ingiusto verso chi si prodiga in questa direzione.

  • Giannuzzi (Agricoop/Blu Calabria): "La crisi degli Agrumi Calabresi"

    E' di pochi giorni fa la denuncia, durante la riunione della Direzione generale Agricoltura della Commissione Europea, da parte dell'Ava Asaja, associazione valenziana degli Agricoltori, inerente gli accordi firmati tra UE e Paesi Terzi, che ha prodotto un effetto devastante sul settore agrumicolo in Europa.  I numeri parlano chiaro: + 40% l'aumento delle importazioni in 6 anni. Nello specifico i dati del Ministero dell'Agricoltura Iberico dichiarano un incremento degli acquisti: dall'Egitto +88,8%, dal Marocco +112,8% e dal Sud Africa del 26%.

  • Porto Gioia Tauro, Russo: Roma spenda i 150 milioni da UE

    “Ben vengano gli accordi industriali tra le compagnie su cui non credo si debba intervenire. Questo è il mercato. Ma credo ci sia un nodo strategico che da tre anni ripetiamo in tutti i tavoli romani, parlando sempre la stessa lingua, dal 2015 a oggi: l'Europa ha dato risorse da destinare al Porto di Gioia Tauro, pari a 150 milioni e queste risorse, visto che è un porto internazionale, sono state date a Roma che le deve spendere”.
    Lo ha detto il Vicepresidente della Regione Calabria con delega al Porto di GioiaTauro, Francesco Russo, a margine di un convegno ch si è svolto oggi nella Cittadella regionale sul sistema di pagamenti degli enti locali.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.