unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeMultimediaVideoIl centrodestra in Consiglio comunale chiede l'ispezione ministeriale nel nome della trasparenza

Il centrodestra in Consiglio comunale chiede l'ispezione ministeriale nel nome della trasparenza

Pubblicato in Video Giovedì, 07 Febbraio 2019 13:34

Il centrodestra in Consiglio comunale chiede l'intervento dei propri parlamentari per chiedere l'ispezione ministeriale a Palazzo San Giorgio. Il motivo spiega Massimo Ripepi, le mancate risposte alle diverse interrogazioni cui in questi anni l'amministrazione non ha mai risposto.

comunicato stampa:

Il Sindaco Giuseppe Falcomatà non ha i titoli per parlare di legalità e trasparenza, la sua amministrazione ha dimostrato in questi quattro anni di esserne la totale negazione. Il tanto sbandierato palazzo di cristallo è diventato sin da subito nero come il carbone. Grandissima partecipazione ed entusiasmo alla conferenza stampa voluta da Massimo Ripepi che ringrazia i colleghi e tutti i rappresentanti dei partiti del centrodestra intervenuti per sostenere l'unità della coalizione che deve vincere per resuscitare una meravigliosa città per il momento è morta.
La questione trasparenza infuoca nuovamente i toni che si levano dai banchi della minoranza consiliare, compatta e unita nelle sue sigle di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, UDC, Movimento Nazionale per la sovranità, ReggioFutura, Stanza101 e ReggioViva. Presenti infatti Paola Lemma per l'UDC, Ernesto Siclari e Franco Germanò per il MNS, Peppe Sergi per Reggio Futura, Antonio Virduci e Giuseppe Fontana di stanza 101, assente ma presente idealmente il Presidente di ReggioViva Paolo Zagami.
Un fronte comune e compatto che ha un unico obiettivo: mandare via Falcomatà e il suo carrozzone ormai deragliato.
Se fino a qualche giorno fa l’amministrazione era impegnata a disquisire su un presunto (e fantasioso) “rigurgito fascista” nel vano tentativo di confondere le acque e distogliere l’attenzione dalle questioni spinose, dovrà invece presto fare i conti con Il Ministero di Economie e Finanze al quale i consiglieri d’opposizione, per mezzo di una interpellanza presentata dai parlamentari reggini e calabresi, si rivolgeranno per chiedere una ispezione, ai sensi del dettame previsto dal dlgs 165/2001 (art.60), congiunta dalla Ragioneria di Stato-Ispettorato Generale di Finanza e dal Dipartimento Funzione Pubblica_ Ispettorato Funzione Pubblica al Comune di Reggio.
Troppe zone d’ombra nella gestione Falcomatà&Co e troppe interrogazioni rimaste inevase, ben l’80%, troppi silenzi che lasciano presagire una condotta non proprio cristallina nell’amministrazione della cosa pubblica avvalorata anche da una crisi di cassa e dall’incapacità di far fronte ai debiti a garanzia dei servizi.
Su questi buchi neri i rappresentanti di centro destra chiedono una verifica amministrativo-contabile in particolare riferimento ad episodi gravi ed emblematici che hanno costellato gli ultimi 3 anni e che nulla hanno a che vedere con la fantomatica legalità millantata dal sindaco quale cavallo di battaglia della sua campagna elettorale.

Massimo Ripepi, consigliere comunale e coordinatore di Fratelli d'Italia per la Città Metropolitana, snocciola il percorso ad ostacoli di una città mortificata da 4 anni “dall’amministrazione più scarsa della storia”: il caso Avvocatura Civica riguardo la quale alcun controllo è stato effettuato sui requisiti degli avvocati iscritti in albi speciali, il sovradimensionamento del fondo dirigenti come accertato nel 2011 e che per tutta risposta ha avuto la costituzione di un arbitrato a tutela delle posizioni dirigenziali (“perché sarebbero stati fatti dei prelievi dai salari dei dipendenti e non da quelli dei dirigenti?”), la nomina del Direttore Generale ricaduta su un funzionario e non su dirigenti più titolati. Quesiti puntualmente lasciati a giacere nel dimenticatoio E poi la grave inesistenza di servizi e gli innumerevoli disagi vissuti dai reggini quotidianamente tra i quali la manutenzione stradale, il verde pubblico, l’approvvigionamento idrico nelle case.
A continuare il lungo elenco vi è anche Antonio Pizzimenti (neocapogruppo consiliare FDI) preoccupato per la sconsacrazione del consiglio comunale, non più tempio della democrazia, ma mero ufficio dove ci si limita a firmare carte e “a fare i compitini” che di fatto ha azzerato il dibattito, visto che l’Amministrazione temporeggia e “risponde solo occasionalmente alle attività ispettive dei consiglieri comunali”-sottolineaPizzimenti in qualità di presidente della Commissione trasparenza e garanzia, “ci vengono raccontate favolette. E le risposte fornite alle interrogazioni sono pure insoddisfacenti, ogni proposta cdx viene cestinata perché proveniente dai banchi dell’opposizione salvo poi tornare indietro (vedi vendita Miramare)”.
Una città nel degrado e che tutti i consiglieri presenti sono concordi nell’elencare le incompiute della gestione Falcomatà: dal tapis roulant fermo/ funzionante senza una logica di vero servizio alla cittadinanza, all’acqua del Menta tanto decantata che ha trovato invece una rete idrica impreparata e colabrodo, dalla raccolta differenziata “a macchia” alle periferie abbandonate e totalmente distaccate dalla realtà cittadina, dalla manutenzione stradale divenuta un miraggio al caso della Società Castore (per la quale sono stati impiegati 4 anni per il concorso e ancora è tutto fermo, con l’assunzione-non si conosce la tipologia di contratto- di 40 dipendenti di cui solo la metà operai).
Continua la capogruppo consiliare di Forza Italia Mary Caracciolo entusiasta della affollata partecipazione di cittadini alla conferenza stampa, dimostrazione che la democrazia è stata azzerata dalla maggioranza, e ricorda come sia stato sprecato un consiglio comunale sulla condotta di Luigi Dattola anziché discutere del ciclo rifiuti. La consigliera forzista rincara la dose e si chiede come possano essere garantiti alcuni servizi essenziali se i lavoratori non vengono pagati: gli operai Avr hanno ricevuto la tredicesima a gennaio e per gli arretrati se ne parlerà a marzo, per non parlare dei circa 160 assistenti educativi che non percepiscono salario da settembre. “I soldi sono stati messi a bilancio ma manca la liquidità, ma a dicembre c’erano. E poi perché è stato previsto solo il pagamento di una sola mensilità?”.
Toni forti anche da Pasquale Imbalzano (FI) che sottolinea come ogni giorno i cittadini chiedano servizi efficienti, si chiede “una città normale”, il ripristino della vivibilità, e solleva dubbi su un caso grave-anche questo seguito da una interrogazione rimasta “appesa”: perché dei fondi Pac abbiano beneficiato alcuni istituti per l’infanzia piuttosto che altri Imbalzano non esclude “possa avere risvolti sulla cronaca giudiziaria”.
Tutti dubbi e quesiti pienamente condivisi anche da Luigi Dattola, secondo il quale l’amministrazione è incapace di garantire i servizi minimi come l’illuminazione e la segnaletica pubblica.
Conclude Emiliano Imbalzano espressione della Lega in Consiglio comunale che fa riferimento al dettame dell’art.43 del Tuel e alla sempre più lampante mortificazione del lavoro dei consiglieri comunali che tramite interrogazione esercitano un diritto della collettività ad avere risposte serie e trasparenti dell’operato dell’amministrazione.

Ufficio Stampa
Massimo Ripepi
Fratelli d’Italia

Rc 7 febbraio 2019

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.