Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore al...

Riflettori accesi sulla patologia vascolare ischemica ed emorragica

“Update in patologia vascolare ischemica ed emorragica” è stato questo il tema affrontato nella terza giornata di studio promossa nell’ambito del programma “La neuroradiologia della Calabria” sviluppa...

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

È stato presentato nella Pinacoteca del Comune di Reggio Calabria il programma della prima edizione del Festival Olistico Morgana, organizzato dall’Associazione culturale Maradan, che si terrà dal 20...

Il supersucco antiossidante dalla Calabria alla Camera di Commercio di Bologna

Il “Tris Energy Juice” bio, prodotto dall’Azienda Agricola Patea di Brancaleone (RC) in sinergia con la filiera multiregionale del Goji Italiano, è stato presentato al recente SANA di Bologna ottenend...

Ristorazione e vegan: quali accorgimenti per i consumatori?

Negli ultimi anni il così detto pasto fuori casa è divenuto un fenomeno in costante aumento. I dati della FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) relativi al 2018 fanno emergere, infatti, come i...

Al Villaggio Scirubetta giornata per l'Hospice: "Il gusto della solidarietà"

“Seconda stella a destra questo è il cammino” era ed è la frase di una popolare canzone di Edoardo Bennato ma sembra anche essere ultimamente a Reggio Calabria uno di quei ritornelli che non ti togli...

L’Accademia di Belle Arti in supporto dell’Hospice Via delle Stelle

L’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria sposa la campagna di sensibilizzazione promossa per l’Hospice “Via delle Stelle”. In questo momento di difficoltà, l’ABARC – rappresentata dal direttore us...

Cardiochirurgia Grande Ospedale Metropolitano: ottantasettenne operato alla valvola mitrale senza trasfusioni di sangue

È stato dimesso nelle scorse settimane un paziente di 87 anni Testimone di Geova sottoposto ad un delicato intervento chirurgico di sostituzione della valvola mitrale con protesi biologica nella U.O.C...

Il ringraziamento della Rete Sociale per il sostegno nella campagna pro Hospice

Ennesimo gesto, ennesima tappa, ennesima risposta positiva dalla cittadinanza verso una struttura che dire nevralgica è poco: l’Hospice è importante per Reggio! E ad ennesima dimostrazione di tutto ci...

Torna l'appuntamento con il Festival del Gelato Artigianale Scirubetta

Dal 14 al 17 settembre 2019 torna a Reggio Calabria Scirubetta, il Festival del Gelato Artigianale. La prima edizione è stata un successo andato oltre ogni previsione con numeri da capogiro: 24 Maestr...

Sei qui: HomeRubricheHealth&FoodA Reggio Calabria, due giorni dedicati al trattamento multidisciplinare del Carcinoma mammario

A Reggio Calabria, due giorni dedicati al trattamento multidisciplinare del Carcinoma mammario

Pubblicato in Health&Food Lunedì, 25 Febbraio 2019 09:53

Venerdì 1 e Sabato 2 marzo presso Sala Ordine dei Medici di Reggio Calabria, si discuterà e si approfondirà il tema del trattamento multidisciplinare del ‘Carcinoma mammario’. La convention promossa e fortemente voluta dai coordinatori scientifici Prof. Mario Mesiti e Dott. Pietro Spadaro, oltre a racchiudere un altissimo valore formativo (saranno assegnati 8 crediti formativi), mira ad esaminare e sensibilizzare un approccio informativo rispetto a quella che, ancora oggi, rappresenta la prima causa di malattia nella donna (incide per il 30% delle neoplasie) e rappresenta la neoplasia più frequentemente diagnosticata in tutte le fasce di età della donna.

Un momento dedicato a tutti, non solo agli addetti ai lavori, ideato per cercare di offrire ai partecipanti una rassegna aggiornata dei mezzi di prevenzione e dei trattamenti integrati (chirurgia, oncologia medica, radioterapia) oggi a disposizione per la cura di questa neoplasia sempre più diffusa ma sempre più curabile.
Una mission di tutto rispetto quella del Prof. Mesiti e del Dott. Pietro Spadaro, la quale punta a stimolare una discussione ampia ed aperta a tutti gli specialisti del settore delle varie discipline coinvolte nella diagnosi e nella cura del carcinoma mammario.
L‘obiettivo è parlare con semplicità di ricerca e cura del cancro, proprio perchè l’oncologia e la ricerca sul cancro sono attualmente per la maggior parte dei cittadini un universo sconosciuto.
La parola ‘tumore’ ancora fa molta paura; entra dirompente nelle vicissitudini di chi è costretto ad affrontarlo, abbassandone la qualità della vita, per questo l’intento della ‘due-giorni’ voluta dai coordinatori scientifici, è quello di rendere comprensibile come si sviluppano le neoplasie e come è possibile affrontarle, anche attraverso una proposta e un’idea progettuale scientifica. Capire e conoscere saranno due strumenti formidabili per fronteggiare il ‘Carcinoma mammario’.


La relazione dei coordinatori scientifici Prof. Mario Mesiti e Dott. Pietro Spadaro

Complessivamente emerge che il carcinoma mammario colpisce mediamente una donna su otto: nel 41% dei casi prima dei 49 anni, nel 35% tra i 50 e i 69 anni e nel 21% nella fascia di età dopo i 70 anni (dati AIRTUM). Ogni anno nel mondo si registrano circa 1.000.000 di nuovi casi ed oltre 400.000 decessi per tale patologia. In Italia NEL 2016 sono stati diagnosticati circa 50.000 nuovi casi di carcinomi della mammella femminile e ben 500 nuovi casi di carcinomi della mammella maschile, pertanto il totale di donne affette supera i 450.000 casi (AIOM 2017). Fortunatamente comunque nonostante l’alta incidenza, negli ultimi anni stiamo assistendo a un grosso cambiamento della storia naturale di questa malattia.
Infatti, i miglioramenti diagnostici consentono oggi diagnosi sempre più precoci ed allo stesso tempo le maggiori conoscenze biologiche e biomolecolari hanno messo a disposizione trattamenti medici sia adiuvanti sia in fase avanzata sempre più efficaci tali da consentire un reale calo della mortalità ed al tempo stesso in alcuni casi la “cronicizzazione” della malattia. Dal punto di vista diagnostico, l’avvento della mammografia digitale integrata da tomosintesi, assieme ad una maggiore capacità diagnostica ecografica, unitamente ai sistemi di prelievo istologico mirato (microbiopsia stereotassica), hanno reso possibile una diagnosi ancora più precoce che, sappiamo, spesso si traduce in terapie post-chirurgiche meno aggressive ed in una sopravvivenza più favorevole.
Anche la chirurgia è progredita integrandosi con la chirurgia plastica per cui è stato coniato un nuovo termine: chirurgia oncoplastica per meglio identificare le procedure chirurgiche in questo settore. Inoltre la biopsia del linfonodo sentinella si è ulteriormente aggiornata con i risultati di nuovi studi clinici che consentono di poter evitare la linfoadenectomia anche nelle pazienti con metastasi parcellari nel linfonodo sentinella. Importanti passi avanti nella terapia medica di questa neoplasia sono stati fatti con l’avvento di nuovi farmaci e con strategie innovative di cura, mediante anche la razionalizzazione di schemi terapeutici già noti “dose-dense”. In questo campo, avremo l’onore ed il piacere di avere come Relatori via Skype il prof. Giuseppe Gullo del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, il prof. Giuseppe Curigliano Direttore Sviluppo Nuovi farmaci e Terapia innovative presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano ed il Prof. Corrado Tinterri direttore della Breast Unit dell’Istituto Umanitas di Rozzano - di Milano.
Proprio le terapie innovative, le maggiori conoscenze sul ruolo del sistema immunitario nei meccanismi di risposta agli anticorpi monoclonali e nei meccanismi di tolleranza con cui il tumore evade il sistema immune e l’identificazione di determinanti molecolari predittivi di risposta o tossicità ai nuovi farmaci “target oriented” nel contesto di un programma di medicina personalizzata saranno al centro delle presentazioni scientifiche. In ultimo particolare attenzione alla malattia metastatica oggi ancora più aggredibile di ieri ma che necessita anche di terapie di supporto e di terapia antalgica. Anche la radioterapia
negli ultimi anni ha avuto ed ha un ruolo considerevole sia nel trattamento post-chirurgico, specialmente dopo chirurgia ricostruttiva e sia nei tumori a bassa aggressività biologica, per i quali vengono applicati nuovi protocolli così come nel completamento del trattamento dell’ascella soprattutto nei casi di metastasi parcellari del linfonodo sentinella, ed infine come trattamento integrato nel carcinoma mammario metastatico.
Una sessione sarà dedicata ai tumori in stadio molto iniziale ed alle forme non invasive, peraltro sempre più frequenti con il miglioramento delle tecniche di diagnostica. Sia il carcinoma duttale sia quello lobulare si possono presentare nella forma non invasiva cioè in situ (DCIS e LCIS). La caratteristica peculiare di queste forme é la proliferazione di cellule epiteliali che hanno subito una trasformazione neoplastica all'interno del dotto (DCIS) o del lobulo (LCIS) senza invasione della membrana basale, quindi senza segni di infiltrazione di vasi sanguigni e linfatici, pertanto non vi è potenzialità metastatica. Ma vi è Il rischio in queste forme di evoluzione in una forma infiltrante oggi stimato intorno al 35-50%. Infatti, un carcinoma in situ diviene infiltrante in un terzo dei casi nell’arco 5 a 10 anni. Tali forme registrano una incidenza che è notevolmente aumentata negli ultimi anni in relazione alla maggiore diffusione ed adesione ai programmi di screening mammografico rappresentando circa il 20-30% di tutte le diagnosi nei programmi di screening con un notevole incremento di diagnosi (dal 5% al 20%). L’atteggiamento terapeutico moderno si sta in parte modificando così come nei casi di recidive locali con un lungo intervallo libero di malattia. Infine, l’avvento di nuove conoscenze sulla biologia molecolare delle diverse tipologie di carcinoma mammario e lo sviluppo di nuovi farmaci ad azione biologica mirata hanno determinato una vera e propria rivoluzione nel trattamento medico oncologico di tale patologia.
Ci si propone di dare un aggiornamento su quegli aspetti più innovativi della ricerca biologica e clinica che possono, o potranno, essere traslati nell’attività assistenziale di pratica clinica quotidiana. Si tratteranno pertanto le terapie innovative con farmaci di recente impiego, quali gli inibitori PARP, m-Tor, Kinasi, PI3K, T-DM1 etc. etc. ed anche delle nuove frontiere dei farmaci che modulano la risposta immunitaria (anti PD-1/PD-L-1), ma anche della rimodulazione di farmaci già noti come i Sali di platino e di alcuni ormoni ed altro ancora come per esempio l’Oncogenomica. Un altro argomento importante che verrà trattato riguarda la tossicità nei trattamenti farmacologici. Come prima accennato, le terapie innovative presentano tipologie di tossicità differenti rispetto ai farmaci già in uso da alcuni anni. Pertanto è importante portare all'attenzione dei partecipanti sia le diverse tipologie di tossicità che i diversi trattamenti da attuare per prevenirla.

RC 25 febbraio 2019

Letto 213 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Riflettori accesi sulla patologia vascolare ischemica ed emorragica

    “Update in patologia vascolare ischemica ed emorragica” è stato questo il tema affrontato nella terza giornata di studio promossa nell’ambito del programma “La neuroradiologia della Calabria” sviluppato lungo l’arco del 2019, dall’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Reggio Calabria.
    Ad introdurre i lavori ed a portare i saluti istituzionali del presidente dell’Ordine dei Medici, Pasquale Veneziano, assente per concomitanti impegni, è stato il coordinatore della Commissione formazione ed aggiornamento, Antonino Zema.

  • Medici sotto tiro: altre due intimidazioni

    Un altro triste e amaro capitolo di una lunga saga in cui la storia è sempre la stessa e vede come vittima designata un medico della provincia di Reggio Calabria. Questa volta, i delinquenti di turno hanno colpito, con vigliaccheria, due colleghi stimati e sempre disponibili verso il paziente, Guido Zavettieri, specialista ortopedico, dipendente Asp, di Melito Porto Salvo e Saverio Cambareri, medico di medicina generale, di Gioia Tauro. In entrambi casi, i criminali hanno incendiato e distrutto le autovetture di proprietà dei due camici bianchi.
    Messaggi minatori di inaudita gravità che ci rammentano, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che fare il medico, a queste latitudini, significa essere in trincea in un senso che viaggia sempre più verso la letteralità del termine. Lavorare in queste condizioni, nel compito delicato di tutelare la vita e la salute del cittadino, è, dunque, quasi impossibile.

  • Domenica appuntamento con il Giuramento d’Ippocrate

    Si rinnova il tradizionale appuntamento annuale con il Giuramento d’Ippocrate per i giovani medici e dentisti reggini. Domenica prossima, 23 giugno, infatti, a partire dalle ore 9,30 presso l’Auditorium dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Reggio Calabria, è in programma la solenne cerimonia del Giuramento d’Ippocrate durante il quale verrà consegnato il codice deontologico a tutti i giovani medici-chirurghi ed odontoiatri, di nuova iscrizione, che si apprestano ad intraprendere un cammino professionale teso alla tutela della salute e della vita del paziente.

  • Falcomatà alla consegna delle borse di studio dell’Ordine dei Medici: “E’ la bella immagine della Calabria”

    Un’occasione per condividere un risultato che vede Reggio Calabria “fare scuola” al resto del paese dimostrando, ancora una volta, il talento, le capacità e una straordinaria voglia di emergere. Sabato 7 giugno 2019 si è tenuta, presso la sede dell’Ordine dei Medici di Reggio Calabria la cerimonia di premiazione del percorso di biomedicina ideato e sperimentato dal liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria scuola capofila di rete a livello nazionale del progetto e dall’Ordine dei Medici. Il percorso nato otto anni fa è stato esteso a tutti i Licei Scientifici e Classici d’Italia grazie ad un accordo tra il MIUR, Direzione Generale degli Ordinamenti Scolastici e la Fnomceo, Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

  • Nuovo bando per borse di studio all’Ordine dei Medici dedicate ai giovani iscritti

    Ci sarà tempo fino al 31 maggio prossimo per partecipare al bando per il conseguimento di alcune borse di studio promosse dall’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Reggio Calabria. Il bando prevede due borse di studio per gli iscritti all’Albo dei Medici Chirurghi ed una borsa di studio per gli iscritti all’Albo degli Odontoiatri di importo pari a mille euro cadauna. Potranno partecipare al bando coloro che si sono laureati nell’anno accademico 2017/2018 e iscritti all’Albo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Reggio Calabria dal 1 giugno 2018 e sino alla data di scadenza del presente bando.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.