Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale...

Al via in Piazza Italia la due giorni dei Biologi Nutrizionisti: consulenze gratuite per i cittadini

Piazza Italia presa d’assalto per la due giorni all’insegna della corretta alimentazione e del consumo a basso impatto ambientale. Oggi e domani (domenica 19 maggio 2019) dalle 10:00 alle 19:00, in oc...

A Rizziconi si discute di: Naturopatia, Bioterapia Nutrizionale, Salute e Benessere

Il benessere psicofisico come nucleo poliedrico per le discipline delle scienze naturopatiche e nutrizionali è il tema che il Gruppo Micologico Ambientale e Culturale “D. Gioffrè” di Rizziconi (RC), c...

Sabato 18 e domenica 19 a Reggio Calabria due giorni dedicati alla nutrizione con la Giornata Nazionale del Biologo Nutrizionista

Due giorni all’insegna della corretta alimentazione e del consumo a basso impatto ambientale. Sabato 18 maggio e domenica 19, dalle 10:00 alle 19:00, in occasione della Giornata Nazionale del Biologo...

DOC Vegano per le Cantine Statti di Lamezia Terme

Storia ed innovazione vanno di pari passo per le Cantine Statti, storica azienda di Lamezia Terme (Cz) che affonda le radici nel territorio fin dal sec. XVII. Dalla passione per il vino e l’attenzione...

La bioagricoltura sociale nel Mezzogiorno, ad Agraria il seminario con Salvatore Cacciola e Marco Potitò

Martedì 7 maggio si è svolto il secondo seminario del ciclo “RETI: Racconti di Esperienze Territori e Imprese”, promosso dalla Biblioteca del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Re...

Anche a Reggio e provincia la settimana mondiale della Tiroide

La settimana mondiale della tiroide, quest’anno si svolgerà dal 20 al 26 maggio, sostenuta da quasi tutti i centri di cura specialistici d'Italia e del Mondo,con lo slogan "Amo la mia tiroide e faccio...

Conclusa la missione umanitaria a Betlemme per i medici dell'Istituto Nazionale Azzurro

È rientrata l'equipe medica dell'Istituto Nazionale Azzurro guidata dal Presidente Cav. Lorenzo Festicini, dalla Missione Umanitaria in campo medico nella città di Betlemme. L'equipe formata da Medici...

Nefrologi e medici di medicina generale a confronto

“Aspetti metabolici della malattia renale cronica: confronto tra medico di medicina generale e nefrologo”: è stato questo il tema di un’interessante giornata formativa promossa dall’Ordine dei Medici...

Wine and Travel Italy: missione Calabria

Valorizzare le produzioni del settore enologico calabrese attraverso azioni mirate, promuovendo al tempo stesso il territorio regionale come nuova destinazione del turismo enogastronomico, è l’obietti...

Sei qui: HomeRubricheHealth&FoodHikikomori: via ad una nuova frontiera per la scuola

Hikikomori: via ad una nuova frontiera per la scuola

Pubblicato in Health&Food Mercoledì, 17 Aprile 2019 09:01

Hikikomori letteralmente significa “stare in disparte” e identifica quei giovani che, per fattori personali, familiari, per effetto delle crescenti pressioni esercitate dalla scuola, dalla famiglia, dai coetanei e dalla collettività, spesso non riconoscendosi nei nuovi modelli sociali, attuano una forma di ritiro volontario. All’isolamento (assenza di relazioni con i coetanei, abbandono di attività ludico-ricreative, incapacità di recarsi all’esterno del proprio domicilio, inversione del ritmo sonno-veglia) si associa quasi sempre l’abbandono scolastico. Proprio sul tema dell’abbandono scolastico è intervenuta l’associazione “Hikikomori Italia Genitori Onlus” (associazione di genitori che si sono ritrovati a dover affrontare il problema del ritiro sociale dei propri ragazzi) promuovendo numerose iniziative in tutta Italia: in Piemonte è stato sottoscritto un protocollo con l’USR e la Regione per fornire alcune linee guida atte a garantire la possibilità anche per i giovani ritirati di continuare ad esercitare il proprio diritto allo studio.

Il documento ha consentito poi di avviare anche presso il MIUR un apposito tavolo tecnico per la definizione di linee guida nazionali. Il documento recita testualmente: “Nel rispetto dell’autonomia di ciascuna istituzione scolastica, gli insegnanti devono attivare interventi mirati e utilizzare strategie adeguate ed efficaci, finalizzati alla “presa in carico educativa, pedagogica e didattica” dell’allievo/a…….anche attraverso il PDP, la scuola potrà mettere in campo tutte le forme di deroga (sulle assenze) e di personalizzazione della progettazione didattica (fino all’individuazione di alcuni obiettivi minimi, se necessario) e della valutazione, secondo quanto previsto dalle disposizioni sui Bisogni Educativi Speciali (BES)….. Co-progettare obiettivi e strategie personalizzate di lavoro e di verifica e
valutazione; modulare e personalizzare i tempi, i luoghi e le strategie didattiche e valutative (a distanza; a domicilio; in “spazi scolastici protetti”…)….Attivazione di un percorso di Istruzione Domiciliare “autonomo”, deliberato dalla scuola, in assenza di richiesta di medico ospedaliero e senza rimborsi dal MIUR. Utilizzo delle tecnologie per l’inclusione: E-learning; collegamenti via Skype; videolezioni…”
A Reggio Calabria, seguendo la strada già avviata in altre parti d’Italia e grazie alla presenza dell’associazione Hikikomori Italia genitori Onlus, con il supporto delle psicologhe dell’associazione e della cooperativa sociale “Libero Nocera”, ma soprattutto grazie alla sensibilità dimostrata dalla dirigente e dal corpo docente dell’Istituto Tecnico Industriale “Panella – Vallauri” si sta sperimentando un nuovo metodo di studio per permettere ai ragazzi che si trovano in una condizione di ritiro sociale di ottenere una valutazione e non perdere l’anno scolastico. Si tratta di una buona prassi che sarà presentata anche al tavolo del Ministero affinchè diventi un modello replicabile in tutto il territorio nazionale.
Il modello sperimentale si basa sull’utilizzo di una piattaforma digitale “Padlet” e offre gratuitamente ai docenti e agli studenti, tramite una semplice registrazione, la possibilità di effettuare uno scambio di documenti, immagini, link, video ecc. Permette, inoltre, di scaricare sul proprio dispositivo il contenuto del proprio muro virtuale in diversi possibili formati tra cui PDF o immagine. Nello specifico si sono concordati con i rispettivi docenti delle attività/moduli che i ragazzi ricevono settimanalmente su questa piattaforma, con una parte teorica con la relativa spiegazione ed una serie di esercitazioni pratiche sul modulo corrispondente. Gli insegnanti controllano le verifiche al fine di valutare l’acquisizione delle conoscenze sul modulo ed inviano tramite una valutazione dei feedback al ragazzo, inoltre restano sempre a loro disposizione per qualunque chiarimento tramite la loro e-mail, su cui gli allievi possono chiedere tutte le spiegazioni che ritengono necessarie. In questo modo ogni settimana i docenti inviano nuovi moduli con relative verifiche e i ragazzi possono svolgere direttamente da casa propria i compiti, restituendoli ai professori, per una valutazione nelle singole discipline, attraverso uno scambio digitale. Viene, inoltre, garantita la privacy che questi ragazzi chiedono attraverso degli account personali, con un
relativo username e password dei quali sono in possesso sono l’allievo e gli insegnanti, sospendendo in questa fase il confronto, relativo alla prestazione/performance sul compito in presenza dei pari, motivo che in questi ragazzi genera una notevole ansia.
La sperimentazione al momento sta dando buoni risultati: i ragazzi, dopo anni di ritiro, stanno riprendendo a studiare e a svolgere regolarmente i compiti assegnati. L’obiettivo ovviamente sarà quello di riportarli lentamente a scuola ma ad oggi è indubbio che il progetto ha consentito di perseguire un risultato ancora più grande: restituire a giovani ritirati la propria identità di studente, accrescendo la fiducia in se stessi e consentendogli, anche solo attraverso uno schermo, di ricominciare a guardare fuori senza paura.

Rc 17 aprile 2019

Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Disagio giovanile: convenzione tra “Hikikomori Italia Genitori onlus” e “Libero Nocera”

    Nasce ed è già operativo a Reggio Calabria un nuovo progetto per sensibilizzare le scuole, le istituzioni, l’opinione pubblica, i professionisti sul nuovo disagio giovanile del ritiro sociale (Hikikomori) e per affiancare i ragazzi e le famiglie con percorsi di sostegno. Hikikomori è una parola giapponese che significa letteralmente “stare in disparte”. È utilizzato per

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.