Stampa questa pagina

I bimbi autistici reggini si raccontano a Palazzo San Giorgio

Pubblicato in Health&Food Sabato, 13 Aprile 2019 20:01

di Giusi Mauro - Proprio lo scorso 2 aprile, si è celebrata la Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’autismo. In quest’occasione, a Roma, sono state esposte le opere di un giovane artista autistico. Anche nella nostra città, a distanza di qualche giorno, sono state presentate alcune opere, oggetti, realizzati da alcuni bimbi affetti dalla sindrome di Asperger. La mostra, organizzata dall’associazione "Il volo delle farfalle – Evoluzione autismo" per sostenere i progetti e i bambini autistici. L’associazione è nata poco tempo fa, dalla forza di alcune mamme con figli affetti da autismo.

"Faremo vedere quello che sanno fare i nostri piccoli ma anche la loro voglia di essere accettati, valorizzati e, soprattutto, aiutati e non compianti – ha affermato la giovane mamma del piccolo Matteo nonché presidente dell'associazione Angela Villani –. L'autismo è una battaglia che possiamo vincere solo se partecipiamo tutti insieme con convinzione e voglia di cambiare le cose. Il nostro obiettivo è riuscire a creare per i tantissimi bimbi, un solido futuro garantendo in primis, cure quotidiane e strutture che aiutino concretamente il percorso di un soggetto affetto da autismo e la famiglia. Un sogno che può diventare una bella realtà". Così, è nata l’idea di mostrare alla città, quello che i propri figli erano in grado di realizzare. La mostra, grazie al sostegno del consigliere Giuseppe Sera in sinergia con l'Amministrazione comunale e la Città Metropolitana, vuole far conoscere una realtà sociale, una condizione di vita delicatissima che merita maggiore attenzione e sostegno. Inaugurata questo pomeriggio presso la Galleria di Palazzo San Giorgio, "Insieme per far volare tante farfalle" -questo il nome dell’iniziativa – sarà un’occasione per dimostrare il grande cuore solidale della comunità reggina che, per due giorni, potrà ammirare ed acquistare con un piccolo contributo, i lavori realizzati dai piccoli bimbi autistici. Tutto il ricavato della due giorni sarà devoluto all'associazione.

La solidarietà non è un atto di carità, ma un atto di unità tra alleati che combattono su terreni diversi verso gli stessi obiettivi. “Un evento – ha ribadito la Villari- per creare consapevolezza e conoscenza del mondo autistico. Un mondo parallelo che, non deve essere considerato come problema solo delle famiglie, ma che può essere condiviso e fatto conoscere in modo diverso”. Un mondo che si pensa essere lontano da noi e che, nonostante sia riconosciuto come malattia, ancora fatica ad essere pienamente accettato. Una delle tante battaglie affrontate da queste famiglie, riguarda proprio l’aspetto dell’assistenza sanitaria che, qui in Calabria, ancora è interamente a carico delle famiglie. Angela Villari, però, non si è fermata ai no ed ha aperto la strada a tutti quei genitori che, come lei, hanno un figlio con sindrome di Asperger. Ha vinto la prima causa per farsi riconoscere l’assistenza sanitaria gratuita. Una vittoria che non vince la guerra ma che segna un punto importante. La forza -ha detto Giuseppe Sera- di “queste mamme e famiglie nel volersi aprire ed affrontare queste problematiche in modo non convenzionale è ammirabile. Noi come amministrazione abbiamo voluto essere accanto a loro e camminare insieme per creare una società civile che sia corresponsabile dei problemi delle famiglie”. Di eguale pensiero è il vice sindaco della Città Metropolitana, Riccardo Mauro, che assicura impegno e sostegno concreto per “stare vicino alle famiglie”

Rc 13 aprile 2019

Letto 157 volte

Articoli correlati (da tag)