Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Giorno 14 Ottobre 2019 rappresenta il punto di arrivo di una campagna estiva che ha raggruppato tanti apparati istituzionali e associativi della città a titolo gratuito e spinti solo da un amore verso...

Callipo porta il lavoro in carcere: 7 detenuti assunti a Vibo Valentia

E’ partito anche quest’anno l’importante progetto che Callipo, azienda calabrese con una storia di 106 anni nelle conserve ittiche di qualità, realizza con la casa circondariale di Vibo Valentia e che...

Avo, una storia di amore e gratuità lunga oltre trent’anni. Al via il corso gratuito per aspiranti volontari ospedalieri

L’associazione Volontari Ospedalieri Avo, attiva a Reggio Calabria dal 1987, rilancia la sua proposta di impegno civile e sociale da profondere nel luogo deputato alle cure del territorio, ossia il Gr...

Il più grande Pasticcere Sebastiano Caridi apre a Bologna

Il cibo incontra l'arte: succede a Bologna, a Palazzo Fava in via Manzoni 2, quando all'interno del Palazzo delle Esposizioni aprirà il nuovo locale di Sebastiano Caridi. L'inaugurazione in anteprima...

Il Kiwanis Club Juppiter Reggio Calabria dona tremila euro all'Hospice

Il Kiwanis Club Juppiter Reggio Calabria, presieduto da Angela Latella, ha conferito all'Hospice "Via delle Stelle" una donazione di tremila euro, frutto dell'attività di service svolta nell'anno soci...

La solidarietà di Atam e Accademia del Tempo Libero per l'Hospice: consegnato un assegno da sei mila euro

Mercoledì 9 ottobre si è tenuto l’evento conclusivo di “ATAM for Hospice” presso il Terminal Bus di Largo Botteghelle. L’Iniziativa avviatasi lo scorso 16 settembre con il concerto organizzato da ATAM...

A Reggio il congresso nazionale della Società Italiana di Reumatologia

Due giornate dedicate alla reumatologia, 11 e 12 ottobre, con interessanti tematiche che spazieranno dalla diagnosi alla terapia. Su questi argomenti, la Società Italiana di Reumatologia, ha incentrat...

La Calabria che piace, muove i primi passi la rete di imprese nelle eccellenze dell'enogastronomia

Muove i primi passi “La Calabria che piace” una rete di imprese calabrese nata nella locride che raggruppa nove realtà imprenditoriali, attive nel settore dell’enogastronomia d’eccellenza. Capofila de...

Prevenzione del cancro al seno: a Reggio Calabria il Castello Aragonese si illumina di rosa

L’assessore alle politiche sociali del comune di Reggio Calabria Lucia Anita Nucera, l’assessore alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale Irene Calabrò e il delegato alla Sanità Valerio Misefari i...

Diabete, presentato il progetto "Viaggio in Zuccherolandia"

In occasione della giornata nazionale del diabete, presso la sala “G. Levato” del Palazzo del Consiglio Regionale della Calabria, è stato presentato il progetto pilota “Viaggio in Zuccherolandia”.Obie...

Sei qui: HomeRubricheHealth&FoodIl consiglio dell’esperto: “Ustioni” da medusa, cosa fare?

Il consiglio dell’esperto: “Ustioni” da medusa, cosa fare?

Pubblicato in Health&Food Sabato, 20 Luglio 2019 08:20
Il consiglio dell’esperto: “Ustioni” da medusa, cosa fare? Foto di Pexels da Pixabay

Anche quest’anno, il tanto atteso bagno a mare, viene messo a repentaglio dalle meduse, creature marine dal caratteristico aspetto gelatinoso, a volte trasparenti e anche per questo insidiose, divenute ormai l’incubo dei bagnanti per le reazioni urticanti che provocano a contatto con la pelle. Mentre i media pubblicano le immagini di meduse sempre più grandi e il nostro mare è ormai invaso abbiamo chiesto alla dott.ssa Valeria Falcomatà, dermatologo, dirigente medico presso il Grande Ospedale Metropolitano, come comportarsi se si viene a contatto con una medusa.

Dott.ssa cosa accade alla nostra pelle quando entra in contatto con una medusa?
Dal punto di vista anatomico le meduse sono formate dall’ombrello, la bocca e i tentacoli. Questi ultimi posseggono nella parte inferiore degli organuli detti “cnidocisti” che rilasciano a contatto con la pelle un liquido contenente una tossina, che causa una risposta infiammatoria nel nostro organismo. I sintomi più comuni sono: immediata sensazione di intenso bruciore, comparsa di eritema e gonfiore nella zona di contatto, vescicole, fino nei casi più gravi alla formazione di vere e proprie bolle. Ovviamente le manifestazioni variano in rapporto alla sede colpita e all’estensione. Per avere queste reazioni cutanee non è necessario essere sfiorati dai tentacoli della medusa, perché basta entrare in contatto con il liquido urticante che libera attraverso i suoi filamenti.
Dott.ssa come ci si deve comportare in questi casi?
Individuare esattamente la zona colpita e sciacquarla abbondantemente con acqua di mare, in modo da diluire le tossine. Osservare con molta attenzione la cute per verificare che non siano rimasti attaccati parti dei tentacoli ed eventualmente rimuoverli con le mani o con una tessera di plastica rigida con delicatezza, aiutandosi con l’acqua di mare ed evitando di sfregare la parte perché acuiremmo la reazione infiammatoria. Dopo di che il rimedio più valido consiste nell’applicazione di un gel astringente al cloruro di alluminio in quanto blocca la progressione delle tossine e allevia velocemente il bruciore e il prurito. In mancanza di questo una valida alternativa è una crema a base di cortisone che è abbastanza efficace ma agisce più lentamente del cloruro di alluminio. Ovviamente chiamare subito il 118 qualora subentrino complicazioni come difficoltà respiratorie, pallore, sudorazione, vomito, vertigini perché alcune persone potrebbero possono sviluppare uno shock anafilattico.
Possiamo sfatare alcuni miti?
Si consiglia di evitare medicazioni estemporanee a base di ammoniaca, succo di limone, aceto e alcool perché alcuni di questi peggiorerebbero certamente la situazione, su altri, invece, non ci sono evidenze scientifiche a supporto. Evitare di strofinare la parte con pietre calde perché è vero che le tossine essendo termolabili si inattivano col calore, ma solo con temperature molto molto alte.
Nei giorni seguenti come ci si deve comportare?
A seconda della gravità reazione infiammatoria, è consigliabile recarsi dal proprio medico curante. Alcune reazioni sono vere e proprie ustioni e come tali vanno trattate. In ogni caso la zona colpita deve rimanere coperta e non esposta al sole fino a guarigione e successivamente va protetta con uno schermo solare alto per evitare un esito cicatriziale ipercromico, una macchia scura, per essere chiari.

Rc 20 luglio 2019

Letto 246 volte

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.