Ristorazione e vegan: quali accorgimenti per i consumatori?

Negli ultimi anni il così detto pasto fuori casa è divenuto un fenomeno in costante aumento. I dati della FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) relativi al 2018 fanno emergere, infatti, come i...

Al Villaggio Scirubetta giornata per l'Hospice: "Il gusto della solidarietà"

“Seconda stella a destra questo è il cammino” era ed è la frase di una popolare canzone di Edoardo Bennato ma sembra anche essere ultimamente a Reggio Calabria uno di quei ritornelli che non ti togli...

L’Accademia di Belle Arti in supporto dell’Hospice Via delle Stelle

L’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria sposa la campagna di sensibilizzazione promossa per l’Hospice “Via delle Stelle”. In questo momento di difficoltà, l’ABARC – rappresentata dal direttore us...

Cardiochirurgia Grande Ospedale Metropolitano: ottantasettenne operato alla valvola mitrale senza trasfusioni di sangue

È stato dimesso nelle scorse settimane un paziente di 87 anni Testimone di Geova sottoposto ad un delicato intervento chirurgico di sostituzione della valvola mitrale con protesi biologica nella U.O.C...

Il ringraziamento della Rete Sociale per il sostegno nella campagna pro Hospice

Ennesimo gesto, ennesima tappa, ennesima risposta positiva dalla cittadinanza verso una struttura che dire nevralgica è poco: l’Hospice è importante per Reggio! E ad ennesima dimostrazione di tutto ci...

Torna l'appuntamento con il Festival del Gelato Artigianale Scirubetta

Dal 14 al 17 settembre 2019 torna a Reggio Calabria Scirubetta, il Festival del Gelato Artigianale. La prima edizione è stata un successo andato oltre ogni previsione con numeri da capogiro: 24 Maestr...

Dalle terre di Brancaleone il supersucco nutraceutico al SANA 2019

SANA 2019 è la fiera internazionale del biologico e dal 6 al 9 settembre a Bologna, diventa la vetrina ideale per le novità agroalimentari e per il mondo del food bio e salutistico nonché trampolino d...

Donazione degli organi: cresce la solidarietà in Calabria, maratona trapianti anche al G.O.M. di Reggio Calabria

Grande gara di solidarietà per la sanità calabrese: una maratona di tre giorni che ha coinvolto gli Ospedali “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, “Annunziata” di Cosenza ed il “Grande Ospedale Metropolita...

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Il caldo estivo, lunghe percorrenze per raggiungere casa dopo aver fatto la spesa e qualche disattenzione nel rispettare la catena del freddo possono essere causa di alterazione per i nostri alimenti....

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie positive ci si prepara ad af...

Sei qui: HomeRubricheHealth&FoodIl Flag dello Stretto allo Slow Fish di Genova: “La pesca al pesce spada in Calabria, tra tradizione e innovazione”

Il Flag dello Stretto allo Slow Fish di Genova: “La pesca al pesce spada in Calabria, tra tradizione e innovazione”

Pubblicato in Health&Food Martedì, 04 Giugno 2019 18:54

di Raffaella Bullo - Nella consueta cornice biennale di Slow Fish a Genova, il giornalista Filippo Teramo ha presentato nello stand dedicato alla Calabria il lungo cammino delle tecniche tradizionali di pesca al pesce spada affrontate dai pescatori dello Stretto nei secoli. Focus particolare è stato dato al territorio della Costa Viola e della Costa degli Dei, territorio di riferimento del FLAG – Gruppo di Azione Locale della Pesca - dello Stretto.
Un cammino lungo che vede uomini di mare e di terra collaborare alla caccia del pesce spada, prezioso e sacro da sempre per le popolazioni locali.

Più che di caccia vera e propria si trattava di un vero duello tra uomo e natura quello che si svolgeva con il luntre, l’antica imbarcazione con uomini ai remi, il falerotu, l’uomo sull’antenna ad avvistare il pesce con l’aiuto dei contadini da terra con la loro cantilena, e il lanzaturi con il ferru. Una pesca tradizionale e selettiva che continua ancora oggi grazie all’innovazione. Con il motore, l’antenna più alta e la passarella passiamo a un’imbarcazione moderna, chiamata feluca o passarella, senza abbandonare lo spirito arcaico del duello che avviene nelle acque tra Scilla e Cariddi per i quattro mesi estivi dell’anno.
Il padrone di casa Antonio Alvaro, Presidente del FLAG dello Stretto, sottolineando la sacralità, il perdono e il rispetto che i pescatori hanno sempre riservato per il pesce spada, rimarca la sostenibilità di questa tecnica di pesca atta alla conservazione della specie. Di fronte alla situazione degli stock ittici sempre più sovrasfruttati e a una pesca sempre più esasperata da tecniche infallibili, il dott Alvaro aggiunge come questa sia la missione che la Comunità Europea ha voluto dare proprio ai FLAG. “Il futuro dipende da noi stessi. Siamo noi che dobbiamo tutelare i nostri mari, le nostre coste”. La sostenibilità, la conservazione di una risorsa preziosa possono essere le chiavi di svolta in una zona che soffre molte difficoltà legate all’occupazione e all’abbandono delle attività della pesca. “Se l’attività della pesca non è remunerativa il giovane tende ad abbandonarla”. Sta tutto qui l’obiettivo comunitario dei FLAG, che nasce proprio in collaborazione con tutti gli attori della pesca e della zona dello Stretto: integrare la sostenibilità naturale ed economica ristrutturando e amalgamando le attività della costa, dalla pesca al turismo.
Ma la pesca al pesce spada non è esente da storture. È una caccia dove, secondo il regista Mimmo Calopresti, “non bisogna barare”. Perché nonostante tutto è la vita e la sopravvivenza della Calabria che vede ancora oggi troppi giovani partire per raggiungere migliori condizioni lavorative.
“Se vuoi proteggere una cosa, la devi conoscere nel dettaglio” rimarca il Prof. Silvio Greco, Presidente del Consiglio scientifico di Slow Fish, sull’importanza del ruolo della ricerca scientifica sul pesce spada. “Il pescatore dipende dalla grattata, la croce che il pescatore segna sulla guancia del pesce pescato, marchia la sacralità tra la vita e la morte, riconosce il suo straordinario valore perché su questo valore dipende la sua famiglia”. La pesca con la feluca è la più selettiva in assoluto perché “vedi quello che stai ammazzando”. L’altro tema impellente in termini ambientali che tocca il pesce spada è la quantità di contaminanti che accumula dalla rete trofica. Nelle loro carni troviamo una lunghissima lista di nuovi contaminanti, oltre al famoso mercurio, tra i quali i PCB, gli ftalati, i ritardanti di fiamma che sono prodotti dall’uomo, ai quali si aggiunge l’enorme quantità di plastica che si trova in mare.
“Per salvare il pesce spada bisogna enfatizzare i sistemi di pesca tradizionali”, continua il prof. Greco, “aumentando le feluche, diminuendo i palangari e affrontando seriamente la questione della legalità”, perché chi per primo soffrirà delle illegalità è il pescatore stesso.
Per salvare e valorizzare il pesce spada si deve passare attraverso la valorizzazione e la protezione del suo ecosistema marino.
Il pesce spada e la sua pesca tradizionale nello Stretto devono e possono diventare il simbolo forte di un recupero ambientale che potrebbe andare ben oltre lo Stretto stesso.

RC 4 giugno 2019

Letto 224 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Mare Nostrum: rassegna per la promozione delle tradizioni identitarie della pesca a Bagnara Calabra

    La pesca è il comparto più identitario ed esclusivo della cultura calabrese e rappresenta uno dei settori su cui la Regione Calabria, attraverso l’opera dei FLAG (prima GAC), sta investendo per ampliare il suo valore economico e occupazionale. Con progettualità diversificate che vanno dalla valorizzazione della pesca tradizionale, all’innovazione ed all’ampliamento e diversificazione delle attività, creando sinergie e interazioni con il turismo (ittiturismo e pescaturismo), la cultura, l’artigianato.

  • Flag dello Stretto: a Gioia Tauro l’Incontro con i pescatori e le imprese del settore

    Il FLAG dello Stretto incontra i pescatori e le imprese del settore per presentare i bandi europei per le Misure FEAMP. L’incontro si terrà sabato 27 aprile a Gioia Tauro presso la sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso “Lavoratori del Mare” in piazza del Marinaio alle ore 17.
    All’incontro interverranno il presidente del FLAG dello Stretto, Antonio Alvaro, che illustrerà le opportunità dei bandi europei per la pesca. A descrivere invece le finalità progettuali ammissibili sarà il direttore del FLAG dello Stretto, Fortunato Cozzupoli, nella sua presentazione dei bandi per le Misure FEAMP. Prevista la partecipazione di Giacomo Giovinazzo, direttore generale del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria.

  • Pubblicati i Bandi per rafforzare il ruolo della comunità di pescatori nello sviluppo locale e per la rifunzionalizzazione dei porti

    Il FLAG dello Stretto comunica che sono stati pubblicati i Bandi per il settore della pesca rivolti a rafforzare il ruolo della comunità di pescatori nello sviluppo locale e nella governance delle risorse di pesca locali e delle attività marittime. Dopo la recente sottoscrizione delle Convenzioni con i beneficiari dei primi Bandi emanati nel corso del 2018, si concretizza di fatto la realizzazione di interventi qualificanti che permetteranno l’ammodernamento delle attrezzature e la diversificazione delle attività di pesca con anche la creazione di nuove opportunità lavorative qualificate. Gli interventi previsti, infatti, riguarderanno la commercializzazione e la trasformazione dei prodotti ittici svolti direttamente dai pescatori, oltre ad alcuni interventi legati all'ittiturismo ed alla pescaturismo.

  • Avviato l’iter per una partecipazione pianificata per l’Area Marina Protetta della Costa Viola

    Costruttivo, partecipato ed aperto confronto quello che si è svolto venerdì 25 gennaio a Bagnara Calabra, sulla costituenda Area Marina Protetta della Costa Viola. Incontro promosso e coordinato dal Flag dello Stretto, presieduto da Antonio Alvaro, e dal costituendo Comitato Area Marina Protetta Costa Viola. Ai lavori sono intervenuti il sindaco di Bagnara Calabra, Gregorio Frosina, il sindaco di Villa San Giovanni, Giovanni Siclari ed il sindaco di Seminara Carmelo Arfuso mentre il sindaco di Palmi, Giuseppe Ranuccio, assente perché influenzato, ha fatto giungere i suoi saluti. Intervenuti anche il Direttore del Dipartimento di Agraria, Giuseppe Zimbalatti con Fortunato Alfredo Ascioti.

  • Flag dello Stretto: pubblicato il Bando a valere sulla Misura 1.43 – Azione 2.2 Obiettivo "E"

    Il FLAG dello Stretto comunica che è stato pubblicato il Bando a valere sulla Misura 1.43 – Azione 2.2 Obiettivo “E” volto a progetti che intendano rafforzare il ruolo della comunità di pescatori nello sviluppo locale e nella governance delle risorse di pesca locali e delle attività marittime. L’Azione 2.2, inoltre, è destinata in particolare a quegli Enti che intendano proporre progetti per la rifunzionalizzazione dei porti destinati alle attività di pesca ricadenti nell’area territoriale di attuazione individuata nella strategia di Sviluppo Locale del “FLAG dello Stretto” approvata della Regione Calabria e che comprende i Comuni di Bagnara Calabra, Briatico, Gioia Tauro, Joppolo, Melito di Porto Salvo, Montebello Ionico, Motta San Giovanni, Nicotera, Palmi, Parghelia, Pizzo, Reggio Calabria, Ricadi, San Ferdinando, Scilla, Seminara, Tropea, Vibo Valentia, Villa San Giovanni e Zambrone.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.