Agraria, il tartufo protagonista delle Giornata Micologiche 2018

E’ il tartufo calabrese il protagonista assoluto dell’edizione 2018 delle Giornata Micologiche alla facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea. Puntuale i funghi dei nostri boschi con l’arrivo de...

Capodoglio trovato spiaggiato sul litorale di Spropoli

Un cetaceo di grosse dimensioni, circa 15 metri, è stato trovato spiaggiato sul litorale di Spropoli questa mattina da alcuni bagnanti. La Guardia Costiera di Saline è intervenuta sul posto con un suo...

Vergognoso atto di bracconaggio in Sicilia: il Parco dell’Aspromonte farà la sua parte

Un importante progetto finanziato dall’Unione Europea, negli ultimi anni, sta cercando di assicurare un futuro al Capovaccaio, un piccolo avvoltoio che ha visto la sua popolazione italiana ridotta in...

Un trampolino di lancio al centro del Mediterraneo: l'Aspromonte!

Le migrazioni sono cosa naturale e normale da sempre, noi ne sappiamo qualcosa. Viviamo una montagna che di questi “passaggi” ne vede e ne ha vissuti per migliaia di anni e spesso ne porta le tracce....

Un sogno d'Aspromonte chiamato riconoscimento Global Geopark UNESCO

di Tatiana Muraca / foto di Roberto Canzoneri) - 140 Geoparchi Mondiali UNESCO tuttora esistenti, situati in 38 Paesi del mondo, di cui 73 in Europa. Restringendo decisamente il campo, dall’Europa all...

La migrazione dei rapaci nel Parco...e al Museo

Oltre 7.500 i rapaci che, negli ultimi giorni, hanno “sorvolato” le cime d’Aspromonte. Entra nel clou, infatti, l’attività di monitoraggio della migrazione autunnale degli uccelli rapaci e delle cicog...

Brancaleone, festa grande in spiaggia per il ritorno in mare della tartaruga Nazzareno

di Francesca Laurendi. Per due lunghi mesi Nazzareno è stato coccolato dai volontari del Centro Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone dove è stato portato in condizioni estreme a giugno scorso. È...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale calabrese sorge un piccolo ospedale dove...

“Antichi alberi, antiche vie”. Samo, la continuità e la montagna

Sono molti, oggi, quelli che partono. Alcuni scappano, altri vanno via lentamente e col cuore spezzato. Noi restiamo. Per fortuna, per condizione, per testardaggine o forse perché abbiamo saputo cogli...

Una passione chiamata Caretta Caretta: tutti in spiaggia aspettando le tartarughine

Una passione chiamata Carettta Caretta. C’era davvero tanta gente anche ieri sera al nido di Condofuri aspettando di veder fare capolino le tartarughine direzione mare aperto. Famiglie, bambini, ragaz...

Sei qui: HomeRubrichePets&Green“Antichi alberi, antiche vie”. Samo, la continuità e la montagna

“Antichi alberi, antiche vie”. Samo, la continuità e la montagna

Pubblicato in Pets&Green Giovedì, 09 Agosto 2018 16:19

Sono molti, oggi, quelli che partono. Alcuni scappano, altri vanno via lentamente e col cuore spezzato. Noi restiamo. Per fortuna, per condizione, per testardaggine o forse perché abbiamo saputo cogliere delle opportunità. Noi siamo aspromontani e quest'appartenenza la sentiamo forte. Esiste una continuità tra l'Aspromonte e le sue genti sana e forte, ma non sempre, che forma un legame visibile nel bene e nel male.

Esiste un luogo, in Aspromonte, ove legami e continuità sono l'evidenza stessa ed il senso di quel territorio. Stiamo parlando di Samo e vogliamo presentarlo così, con le parole di Vito Teti: “Il nuovo abitato di Samo e gli antichi ruderi di Precacore sono contigui. Si osservano come per controllarsi, per non separarsi. Dall’abitato di Samo i ruderi di Precacore appaiono come una sorta d rimorso, di memento mori, come il luogo di fondazione e della memoria. Dalla collina con i ruderi le case di Samo appaiono una sorta di continuità della vita.”

Samo e l’antico abitato di Precacore, un legame che forse non sarà mai sopito, al quale noi, da guide, dobbiamo aggiungerne almeno un altro, cercando di rimanere umilmente ed immeritatamente sul solco tracciato dal Professor Teti.

Si tratta del legame tra Samo e la montagna, protagonista della prossima escursione tematica del PARKBUS 2018, iniziativa promossa dall'Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte in collaborazione col Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e l’Associazione Guide del Parco Nazionale dell’Aspromonte, in programma per sabato 11 agosto.

Giunti nelle splendide vette di Samo con gli ecobus dell’Ente Parco, cammineremo a piedi verso Monte Perre ove il paesaggio si allarga e ti avvolge, grandi rapaci volteggeranno sulle nostre teste e la fiumara risplenderà ai nostri piedi. Querce secolari ci saluteranno, appena arrivi in vista di Puntone Galera, da dove potremo iniziare a vedere il selvaggio Aspromonte, arroccato su se stesso, per difendersi chissà da cosa o da chi. Proprio lì potremo comprendere come Samo, e il borgo antico di Precacore, siano uno dei simboli più evidenti delle continuità tra uomo e natura, antico e moderno, antropizzato e selvaggio.
Un'unica “strada” collega tutto questo.


Non siamo la perfezione ed oggi abbiamo la presunzione di dire che neanche la desideriamo, perché vogliamo raccontare una storia che sia la nostra, semplicemente autentica. Per poterla raccontare siamo dovuti restare, insieme ai ragazzi di Samo che ci accompagneranno durante tutta la giornata, facendoci degustare i prodotti tipici del loro territorio, che resistono con la stanchezza e l'amore negli occhi, resilienti preziosi.

I luoghi, questi si, sono perfetti, senza colpe e ricolmi di una purezza che dobbiamo sempre ambire a raggiungere, anche se mai riusciremo a farlo. Sarà questa la storia che racconteremo ai visitatori che hanno scelto di camminare in Aspromonte con noi, recente e passata, con la continuità che merita.

Abbiamo voluto scrivere molte parole per darne senso a poche altre: grazie Samo, grazie Aspromonte, per le opportunità che ci hai dato e che abbiamo saputo cogliere; scusa Samo, scusa Aspromonte, per quelle invece che ci hai dato e non abbiamo saputo ancora vedere. Noi ce la stiamo mettendo comunque tutta!

ASSOCIAZIONE
GUIDE UFFICIALI
DEL PARCO NAZIONALE
DELL'ASPROMONTE

Samo 9 agosto 2018

Letto 70 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Un trampolino di lancio al centro del Mediterraneo: l'Aspromonte!

    Le migrazioni sono cosa naturale e normale da sempre, noi ne sappiamo qualcosa. Viviamo una montagna che di questi “passaggi” ne vede e ne ha vissuti per migliaia di anni e spesso ne porta le tracce. Tra tutti, però, oggi vogliamo soffermarci su uno in particolare, che solo pochi altri posti in Europa possono vantare: la migrazione degli uccelli. L'Aspromonte rappresenta uno dei “colli di bottiglia” dal quale, ogni anno, transitano migliaia di esemplari di molte specie differenti, alcune delle quali di particolare pregio dal punto di vista della conservazione. Un vero e proprio paradiso per esperti o semplici appassionati, oltre che occasione di arricchimento per tutti, che ormai sempre più frequentano il nostro Parco per fare attività di osservazione.

  • Giovani di Samo: grazie al Presidente Bombino possiamo immaginare un avvenire in Aspromonte

    “La speranza è un sogno ad occhi aperti”, sosteneva Aristotele. Ed in questi anni, al Parco non solo abbiamo “sognato”, ma, grazie alla visione strategica del Presidente Giuseppe Bombino abbiamo iniziato ad osare. A crederci davvero.
    Costruendo il nostro futuro, con le mani dei giovani, la terra dei padri, la natura dei nostri luoghi. Gli odori del nostro futuro. Caro Presidente la ringraziamo: ci ha spinto a credere nelle nostre potenzialità, a fare squadra ed a guardare all’Aspromonte come bellezza da preservare e, al contempo, come luogo d’eccellenza nel quale ambire ad uno sviluppo socio-economico.

  • Un viaggio lungo 2 milioni di anni: alla scoperta delle cascate Mundu e Galasia a Molochio

    Quando iniziarono a parlarci della rete mondiale dei geoparchi UNESCO, fummo colpiti da sentimenti contrastanti: da una parte lo stupore e dell'altra la soddisfazione nel poter vedere la nostra bellezza finalmente riconosciuta.
    L'Aspromonte che riemerge e si risolleva, con una prospettiva mondiale. Una prospettiva magnifica, al di là di tutto.
    Ma come spesso accade è la montagna stessa a fornirci l'esempio più appropriato. L'Aspromonte che vuole sollevarsi moralmente e culturalmente, lo ha già fatto!

  • San Giorgio Morgeto: la prospettiva

    La mano corre veloce flettendo strisce di castagno, una dietro l'altra. L'occhio non riesce a seguire lo schema e quasi non comprende la nascita del cesto. Le rare volte che la flessione si scopre frattura lo sguardo dell'artigiano si solleva, forse invocando o imprecando. Questa è una delle immagini che è possibile vedere a San Giorgio Morgeto, noi ci andremo domani 24 agosto col PARKBUS 2018, progetto promosso dall'Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte in collaborazione col Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e l’Associazione Guide del Parco Nazionale dell’Aspromonte.

  • Polsi: il cammino ed il cambiamento

    Un passo dopo l'altro. Così ci hanno insegnato a superare i sentieri difficili e la stanchezza, le prime guide aspromontane, abitanti di paesi che qualcuno definisce con appellativi altisonanti: San Luca, Platì, Africo, Roghudi, Cardeto, per citarne alcuni. Erano e sono il genius loci, di quei luoghi. L'Aspromonte, piaccia o no, sta camminando un passo per volta verso il cambiamento, tra mille difficoltà. Se dovessimo trovare una metafora, sta in un cammino storico della nostra montagna: il sentiero che dal Montalto conduce a Polsi.

    Il primo passo vede la Calabria succinta tra Ionio e Tirreno, al cospetto del camminatore. Una prospettiva grande e luminosa. Il percorso poco dopo cambia, una gran discesa porta all'ombra delle faggete, il cielo quasi non si vede, ma la strada è ancora ampia e facile. Poi cambia ancora fino a farti rimpiangere il bosco fitto, ma lo sguardo che si allarga sul vallone della Madonna ripaga il caldo ed il dolore alle ginocchia. La vegetazione avvolge, non sempre con gentilezza, ma siamo noi ad essere di troppo. In vista del Santuario, sulla testa di una frana non si prova tanto paura quanto affidamento, alla montagna o alla Madonna, in base alle sensibilità di ognuno. L'ultimo contrafforte accompagna il camminatore fino a Polsi. La meta è stata raggiunta e non suggeriamo risposte.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.