La riflessione per la Giornata Europea dei Parchi: intensificare il rapporto tra Parco d’Aspromonte e sistema scolastico reggino

Non vi è dubbio che in questo inizio di nuovo secolo il Parco nazionale d’Aspromonte ha subito una involuzione nell’immaginario collettivo. Non sto qui certo a far polemiche sul perché ci sia stata un...

Legambiente si prende cura delle spiagge della Piana

Il prossimo 25 maggio, alla Tonnara di Palmi, culminerà la campagna di sensibilizzazione targata Legambiente approdata sui litorali della costa tirrenica della Piana, a Gioia Tauro il 18 maggio, e a S...

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo. Per la Festa...

Codacons: banca dati con il dna dei cani per multare gli incivili

Nelle antiche società contadine gli escrementi degli animali rappresentavano qualcosa di molto prezioso tanto che, ancora oggi, qualcuno continua a ritiene che calpestarli porti fortuna. Magra consola...

“Segni, impronte e armonie d’Aspromonte”, nuovo progetto di educazione ambientale del Parco

Un “eco progetto” innovativo con l’intento di far conoscere la biodiversità dell’Aspromonte ed educare all’importanza della tutela degli ecosistemi, coinvolgendo attivamente la collettività nel proces...

Il mondo misterioso dei pipistrelli agli “Incontri di Natura” del Parco

Gli “Incontri di Natura” giungono a metà percorso: il ciclo di eventi promossi e organizzati dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Ca...

Movìmundi - A Path for Gaia: prosegue verso Roccella Jonica il cammino iniziato il 3 maggio a Locri

Venerdì 10 maggio 2019. «Movìmundi è un grido collettivo al femminile… ma è il grido di tutti!». Con queste parole Arturo Rocca, presidente dell’“Osservatorio Ambientale – Diritto per la Vita”, conclu...

Afrodite non ce l'ha fatta! E' morta la tartaruga marina che aveva commosso l'Italia intera!

"E' arrivata la notizia che mai avremmo voluto darvi. Purtroppo Afrodite non ce l'ha fatta! La tartaruga marina che ha toccato il cuore di tutta Italia, soccorsa il 17 marzo a Reggio Calabria dal pers...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Dal Falco pecchiaiolo alla Tortora selvatica, dalla Balia dal collare al Verzellino: 66 specie censite, alcune di grande valore conservazionistico, per creare una check-list degli uccelli nidificanti...

Rondini e rondoni di scena agli “Incontri di Natura” del Parco Aspromonte

Secondo appuntamento con gli “Incontri di Natura” questa settimana a Reggio Calabria: giovedì 11 aprile il ciclo di conferenze organizzate dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, insieme al Touring...

Sei qui: HomeRubrichePets&GreenContinua il percorso del Geoparco Aspromonte verso l’Unesco

Continua il percorso del Geoparco Aspromonte verso l’Unesco

Pubblicato in Pets&Green Mercoledì, 27 Febbraio 2019 12:25

Il percorso verso l’ingresso nella rete Mondiale dei Geoparchi, con la candidatura avanzata dal Parco Nazionale dell’Aspromonte alla Commissione Internazionale UNESCO, prosegue senza sosta.
Dopo la visita dei Commissari Unesco avvenuta nei mesi scorsi, dal report della riunione del “Consiglio Unesco Global Geopark” emergono valutazioni positive sulla qualità della proposta di candidatura presentata dall’Aspromonte, con la richiesta di integrazioni documentali su aspetti prettamente scientifici e geologici sui siti di rilevanza internazionale, ed una serie di raccomandazioni già evidenziate nel corso della visita dei Commissari e a cui l’Ente sta già lavorando.

La valutazione generale della candidatura del Geoparco Aspromonte soddisfa l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte e rende giusto merito all’impegno profuso, visti anche i tempi brevissimi tra la proposta e l’accettazione della candidatura e la rapidità con cui sono state poste in essere tutte le attività correlate.
Nel resoconto del Consiglio Unesco Global Geopark, infatti, si elogia l’ottima integrazione tra il “patrimonio naturale, culturale e intangibile del Geoparco Aspromonte”, con particolare riferimento alle attività di geovalorizzazione e di geoturismo. Il Consiglio Unesco ha valutato positivamente anche la “buona visibilità” dell’Aspromonte Geopark ed il “coinvolgimento degli stakeholders, delle guide ufficiali e delle comunità locali” nel progetto Geoparco.
La candidatura, nata nel luglio 2016, continua ad evolversi in termini positivi, inducendo ad un assoluto ottimismo sulla possibilità di entrare a far parte della rete mondiale Unesco.
L’Ufficio Geoparco dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte è già impegnato ad integrare in tempi ristretti la documentazione richiesta, proseguendo, al contempo, con le attività pianificate per la promozione e la geovalorizzazione. Si susseguono, infatti, gli eventi di formazione e informazione, i progetti di educazione ambientale e di animazione volti a consolidare la consapevolezza e il coinvolgimento delle comunità in un percorso di identità territoriale senza precedenti, così come proseguono i sopralluoghi e le verifiche sui Geositi già censiti e su quelli che, prossimamente, verranno integrati nella Rete esistente al fine di inglobare luoghi di strategica rilevanza geologica.
Dalla complessa natura geologica e geomorfologica dell’Aspromonte, nasce un Geoparco con una elevata concentrazione di siti di interesse; difatti tra i 91 geositi complessivamente individuati, 8 hanno caratteristiche tali da poter essere considerati di rilevanza internazionale: numeri che la “struttura” dell’Aspromonte Geopark vuole assolutamente ampliare.
L’azione dell’Ente Parco è tesa a salvaguardare e valorizzare uno degli ambienti più particolari del patrimonio naturale del Mediterraneo, caratterizzato da un’estrema diversità paesaggistica e geoambientale e dalla presenza di interessanti ed uniche realtà storico-culturali.
Contemporaneamente sono in fase di ultimazione gli interventi specifici per migliorare la fruibilità del Geoparco, nelle aree geografiche omogenee indentificate nel Dossier di candidatura: Cuore del Parco, Area della Piana di Gioia, Area dello stretto, Area Grecanica ed Area della Locride, mediante la sistemazione di percorsi e sentieri, interventi manutentivi alle vie di accesso o nelle aree di sosta prossime o limitrofe ai geositi, e l’implementazione della tabellonistica informativa, in italiano e in inglese.
Per rafforzare l’incontro del capitale naturale e culturale del nostro territorio è inoltre in fase di realizzazione la “Finestra sul Geoparco Super-Abile” presso il Parco Ludico Tecnologico Ambientale di Ecolandia, finalizzata alla creazione di un punto informativo e divulgativo stabile del Geoparco.
Nei prossimi mesi proseguirà incessantemente l’impegno dell’Ente Parco verso un significativo e prestigioso riconoscimento per l’Aspromonte, così come l’attività di sensibilizzazione e coinvolgimento della comunità, attraverso nuovi Forum specifici dedicati al Geoparco, le cui date saranno disponibili a breve.


Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte
v.i.

Rc 27 febbraio 2019

Letto 127 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Incontro Natura dedicato al ritorno del Capriolo in Aspromonte

    Prosegue a Reggio Calabria il ciclo di conferenze organizzato dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea.
    Agli “Incontri di Natura”, giunti al sesto appuntamento, giovedì 23 Maggio si parlerà di uno degli animali più interessanti dell’Aspromonte, il Capriolo.
    Si tratta di un mammifero di grande valore conservazionistico, perché il Parco ospita la sottospecie tipica italiana, mentre al Nord Italia e sulle Alpi è presente soltanto il Capriolo europeo. Proprio l’Ente Parco, con un eccellente progetto di reintroduzione tra il 2008 e il 2011, lo ha riportato sulla nostra montagna dopo un lungo periodo di assenza.

  • “Segni, impronte e armonie d’Aspromonte”, nuovo progetto di educazione ambientale del Parco

    Un “eco progetto” innovativo con l’intento di far conoscere la biodiversità dell’Aspromonte ed educare all’importanza della tutela degli ecosistemi, coinvolgendo attivamente la collettività nel processo di salvaguardia e di rispetto dell’ambiente.
    “Segni, impronte e armonie di un Aspromonte che educa” è il nuovo progetto di educazione ambientale a cura del Parco Nazionale dell’Aspromonte e selezionato tra i soggetti beneficiari del finanziamento promosso dalla Regione Calabria nell’ambito del Por 2014-2020 Piano di Azione 6.5.A.1 “Azioni previste nei Prioritized Action Framework (PAF) e nei Piani di gestione della Rete Natura 2000”.

  • Il mondo misterioso dei pipistrelli agli “Incontri di Natura” del Parco

    Gli “Incontri di Natura” giungono a metà percorso: il ciclo di eventi promossi e organizzati dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea, arriva al suo sesto appuntamento. Giovedì 16 maggio, a Reggio Calabria, sono di scena i pipistrelli, i Chirotteri (in termini scientifici).
    Creature indubbiamente misteriose, mammiferi volanti, animali che vivono nell’oscurità: queste originali caratteristiche hanno attirato da sempre l’uomo, che ha poi trasferito sui pipistrelli, come spesso accade, tutte le proprie fantasie.

  • Il recupero ambientale tema degli “Incontri di Natura” del Parco Aspromonte

    Quarto “Incontro di Natura” questa settimana a Reggio Calabria: giovedì 9 maggio il ciclo di conferenze organizzate dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea, affronta un tema interessante per chi si occupa di gestione del territorio.
    Sarà il direttore del Parco, Sergio Tralongo, a relazionare sul recupero ambientale, ossia sulle tecniche utilizzate per ripristinare aree degradate da azioni umane poco attente al rispetto degli equilibri naturali.

  • Creazzo: “Gentilezza e politica gentile: i valori guidino il nostro agire”

    “La gentilezza quale sentimento che anima l’agire quotidiano. Un impegno nel solco di valori che formano l’animo umano, ne scalfiscono la fisionomia etica e morale, ne guidano i passi ed i respiri.
    E questi valori costituiscono il nostro essere. Non sono barattabili e non sono effimera presenza o appartenenza: sono i valori del rispetto verso l’altro ed il prossimo, verso la dignità della persona. Solidarietà e vicinanza ai più bisognosi, ai più deboli. Tutto questo è “gentilezza”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.