Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dall...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque gi...

Avviso variazione calendario di raccolta in occasione delle festività mariane

Informiamo i cittadini che in occasione delle festività Mariane, vi saranno delle variazioni nel calendario di raccolta solo per le seguenti zone: - Nella zona compresa tra il ponte Calopinace, via Po...

ADICONSUM: Packaging Riciclabile al 100%. Quali costi per i consumatori?

Tutti siamo concordi nel sostenere che la salvaguardia del pianeta, la green-economy, l’ecosostenibilità siano idee che è necessario applicare concretamente alla realtà di tutti i giorni. Politiche mi...

Ululone appenninico in Aspromonte: ultimo appuntamento con gli "Incontri di Natura" versione estiva

Si chiuderà sabato 24 agosto all’Osservatorio della Biodiversità di Cucullaro con inizio alle ore 17, il ciclo di “Incontri di Natura” versione estiva, promossi ed organizzati dall’Ente Parco Nazional...

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Sono ben ventuno i progetti presentati dal Parco Nazionale dell’Aspromonte al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, nell’ambito del maxi fondo di 85 milioni messo a disposi...

I 25 anni della Rosa dei Venti di Montalto

Sono trascorsi 25 anni da quando l’AB 212 – Prora 706, appartenente al 2° gruppo elicotteri della base Maristaeli di Catania, ha solcato il cielo di Montalto.Era toccato alla Marina Militare, a riconf...

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Mostra e Concerto per un sabato da protagonista. L’Aspromonte indossa l’abito elegante e si prepara ad un doppio appuntamento per il 17 agosto con la città di Reggio Calabria, dove esalterà il proprio...

Aspromonte, Identità e Colori in mostra “accessibile” al Castello Aragonese dal 17 al 31 agosto

Far conoscere i mille volti dell’Aspromonte, renderli apprezzabili agli occhi di tutti, rivolgendo una particolare attenzione anche all’accessibilità dei diversamente abili. “Aspromonte: identità e co...

Il Parco dell’Aspromonte e la divulgazione in montagna

Un nuovo modello divulgativo per il Parco dell’Aspromonte: gli “Incontri di Natura” appassionano e coinvolgono i tanti visitatori ed i turisti che in queste settimane trascorrono le proprie vacanze a...

Sei qui: HomeRubrichePets&GreenIl Comune di Roccella Jonica replica all'esposto delle associazioni ambientaliste riguardo al Jova Beach Party

Il Comune di Roccella Jonica replica all'esposto delle associazioni ambientaliste riguardo al Jova Beach Party

Pubblicato in Pets&Green Sabato, 27 Luglio 2019 12:28

Con nota del 25 luglio u.s. le Associazioni Altura, LIPU Calabria, Legambiente Calabria Onlus, Caretta Calabria Conservation e la Stazione Ornitologica Calabrese hanno presentato un esposto indirizzato, tra gli altri, al Comune di Roccella Ionica, finalizzato alla richiesta di urgente tutela per la tartaruga marina Caretta caretta e per le altre specie particolarmente protette presenti sul litorale di Roccella Ionica. L’esposto origina chiaramente e palesemente dalla nota inviata agli inizi di luglio anche al nostro Ente dal Sig. Augusto De Sanctis, nota della quale l’esposto riporta pedissequamente il contenuto letterale. E’ opportuno ricordare che la nota in questione fu altresì chiaramente presa in considerazione nella denuncia esposto proposta con le identiche motivazioni dall’On. D’Ippolito, deputato del Movimento 5 Stelle.

In sostanza da circa un mese si tenta, con le stesse infondate motivazioni, di bloccare la possibilità che il 10 agosto si svolga a Roccella un evento, il Jova Beach Party, la cui portata in termini di ritorno economico e di immagine per il nostro territorio è di straordinaria valenza.

Non vi è dubbio che si tratti di un evento del tutto particolare, un unicum nel panorama degli eventi musicali fino ad oggi organizzati in Italia. Ed il fatto che l’evento si svolga sulle spiagge porta naturalmente a giudizi diversi e contrapposti sulla sua opportunità.

Non intendiamo, quindi, con questa nota, cercare di convincere delle nostre idee le Associazioni firmatarie dell’esposto. Intendiamo, invece, sgombrare il campo da una serie di inesattezze ed insinuazioni che esso contiene e che danno l’impressione di voler avallare una certa leggerezza del nostro Ente nel rispetto delle normativa a tutela degli habitat naturali.

Accusa che ci offende profondamente e che alcune delle Associazioni firmatarie sanno essere irricevibile per un comune che ha fatto della tutela ambientale un paradigma del proprio sviluppo. Ma una cosa è la tutela ambientale, altra cosa è il fanatismo e altra ancora è il voler utilizzare un evento dal sicuro impatto mediatico per far accreditare la propria immagine di paladini contro chi vorrebbe attentare alla tutela dell’ambiente.

Ma veniamo ai fatti.

L’area interessata dai lavori per l’evento del 10 agosto non ricade nelle Rete Natura 2000 e per tali ragioni l’intervento proposto non è stato assoggettato a Valutazione di Incidenza Ambientale. Questa procedura, come è facile verificare, deve essere infatti attuata obbligatoriamente solo nel caso in cui il progetto di intervento possa avere incidenze significative su un sito della rete Natura 2000 o sulle aree immediatamente esterne ad un sito della rete Natura 2000. L’area interessata a Roccella non ricade in nessuna delle due casistiche, non essendo area in rete Natura 2000 né area confinante con altra area ricadente in rete Natura 2000. L’assenza della Valutazione di Incidenza Ambientale, quindi, lungi dal concretizzare una violazione di legge per come denunciato nell’esposto, è conseguenza diretta della corretta applicazione della normativa che disciplina la redazione della Valutazione stessa.

Giova a tal proposito evidenziare che, per le tappe dell’evento che si svolgono in Aree Natura 2000, l’organizzazione del concerto ha opportunamente chiesto di attivare la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale. Come è il caso della tappa di Policoro, per la quale la Regione Basilicata, con Decreto Dirigenziale 23AB.2019/D.00365 del 23/05/2019, ha rilasciato parere favorevole con prescrizioni. Consigliamo alle Associazioni firmatarie dell’esposto di leggere quel provvedimento – facilmente reperibile in rete – il cui dispositivo è un esempio di equilibrio tra tutela ambientale e utilizzo delle spiagge per altre finalità.

L’area interessata dai lavori per l’evento del 10 agosto è individuata nel Piano Comunale di Spiaggia come zona B5 Ambito turistico “Natura Village Roccella”, all’interno della quale è prevista la possibilità di allestire un complesso di strutture ed attrezzature integrate turistico-ricreative e balneari e che in esse si potrà prevedere una serie di allestimenti amovibili (chalet in legno, tensostrutture, ecc.) finalizzati ad intrattenere il “visitatore” e renderlo partecipe di eventi, concerti, spettacoli, sport, aree di relax e attività balneari e commerciali. Una destinazione d’uso di Piano del tutto compatibile con le attività in programma il 10 agosto.

Sul punto c’è, peraltro, da evidenziare che, durante l’iter di approvazione del Piano, il Comune di Roccella ha avviato la consultazione per la VAS (Valutazione Ambientale Strategica) inviando, via pec, specifico invito agli Enti competenti e alle Associazioni ambientaliste maggiormente rappresentative, tra cui LIPU CALABRIA e LEGAMBIENTE CALABRIA, firmatarie dell’esposto in oggetto. Né la LIPU CALABRIA, né LEGAMBIENTE CALABRIA hanno eccepito alcunché in relazione alla necessità di preservare la flora e la fauna esistenti in relazione alla destinazione d’uso dell’area oggi interessata dall’evento che, come si comprende benissimo, è destinata nel Piano ad attività del tutto similari, tipologicamente, a quelle in programma il 10 agosto.

Per l’area interessata dall’evento, quindi, non esiste alcuna qualificazione ufficiale circa la valenza delle sue caratteristiche naturalistiche e, quindi, nessuna conseguente qualificazione della stessa come area da sottoporre a particolari vincoli di tutela.

L’area, peraltro, per come correttamente evidenziato nell’esposto, ricade tra le zone di potenziale nidificazione della Tartaruga Caretta caretta presenti in Calabria. Ma a differenza di quanto affermato dalle Associazioni che hanno promosso l’esposto, non è vero che non risultano essere state effettuate ricerche preventive mirate alla identificazione di siti di nidificazione della Caretta caretta nell’area scelta per la manifestazione. Infatti:
● il Centro di Recupero Tartarughe Marine M.A.R.E. Calabria di Montepaone (accreditato dalla Regione Calabria con DDG n. 992 del 09/02/2010) e che l’ISPRA indica come centro autorizzato per attività di recupero, trasporto, detenzione, manipolazione ai fini sanitari/riabilitativi, marcatura con targhette metalliche ai fini di monitoraggio sanitario e/o ecologico e successivo rilascio di tartarughe marine rinvenute sulla fascia costiera della provincia di Catanzaro e di Reggio Calabria (da Monasterace fino a Roccella Ionica), ha intrapreso dal maggio 2091 una attività di monitoraggio dell’Area interessata ai fini della individuazione dell’ eventuale presenza di Caretta caretta. Tale monitoraggio ha dato esito negativo, nel senso che sulla specifica area non è stata individuata alcuna evidenza di presenza di tracce di entrata o uscita degli animali nel periodo sensibile. I biologi, come sempre fatto, nel caso in cui avessero individuato tali tracce o probabili nidi avrebbero provveduto ad avvertire anche il servizio CITES di Reggio Calabria e le organizzazioni deputate a intervenire per il solo monitoraggio dei nidi. Solo successivamente alla assunzione di specifiche informazioni a riguardo dalla Associazione Calabria M.A.R.E., i competenti uffici comunali hanno proceduto ad autorizzare la movimentazione meccanica della sabbia dell’arenile che non ha, comunque, interessato la fascia comunemente utilizzata per la riproduzione della Caretta caretta. Tra l’altro, nel caso rarissimo di presenza sulla spiaggia di esemplari della suddetta specie in difficoltà o in procinto di nidificazione nei giorni dell’evento, il personale altamente qualificato della M.A.R.E. Calabria adotterà tutte le misure previste dalle normative vigenti, per tutelare la salute e il benessere dell’esemplare e della specie.
● nei giorni scorsi, peraltro, agenti dei Carabinieri Forestali si sono recati sul posto su incarico dell’ Autorità Giudiziaria per verificare la fondatezza delle segnalazioni circa la presenza, nell’area, di nidi di Caretta caretta e risulterebbe che anche questa verifica abbia dato esito negativo.
In merito alla presenza di nidi di Fratino o di Corriere Piccolo, nell’esposto presentato dalle Associazioni si evidenzia come quest’anno, per quanto a loro conoscenza, proprio nell’area interessata, sia stato rinvenuto un nido di Corriere piccolo Charadrius dubius, specie protetta dalla Legge nazionale 157/1992. Sul punto, spiace constatare come un evento di questa portata, realizzatosi in un non precisato periodo di quest’anno, sia stato taciuto fino ad oggi dalla LIPU CALABRIA alle autorità ed alle istituzioni competenti. Di tale ritrovamento, infatti, non risulta essere stato informato alcun ufficio del nostro Ente né tantomeno, si ha modo di ritenere, la Guardia Costiera o i Carabinieri Forestali. E spiace ancora di più che chi ha effettuato il ritrovamento non abbia seguito una delle sei regole dettate dalla LIPU per proteggere i nidi di uccelli in spiaggia: proteggere il nido con metodologie consolidate, atteso che nessuna protezione o segnalazione della presenza del nido presuntivamente ritrovato è presente in spiaggia nella zona interessata dall’evento.

Le Associazioni che hanno presentato l’esposto chiedono, tra l’altro, che sia verificata la sussistenza di tutti i requisiti di sicurezza previsti per i partecipanti, questo alla luce anche della decisione del Prefetto di Chieti che, per tali giustificate motivazioni, ha di fatto sospeso l’analogo concerto originariamente previsto sul litorale di Vasto il 17 agosto p.v. Tale richiesta, che evidentemente non coinvolge direttamente il nostro Ente, ci pare quantomeno irriguardosa nei confronti dei soggetti deputati alla verifica dei requisiti di sicurezza per la manifestazione in programma il 10 agosto che, per la sua portata, interessa la competenza della Commissione Provinciale per i Pubblici Spettacoli presso la Prefettura di Reggio Calabria.

Al contrario di quanto insinuato dalle Associazioni firmatarie dell’esposto, noi siamo più che certi che gli uffici della Prefettura di Reggio non abbiano bisogno di alcun richiamo alla attenzione che il caso in esame comporta e valuteranno con estremo rigore la sussistenza delle condizioni di sicurezza per lo svolgimento della manifestazione, pervenendo alle decisioni più idonee per salvaguardare le pubblica incolumità.

Rimanendo ai fatti, c’è da evidenziare come l’intervento proposto sull’area interessata dai lavori per l’evento del 10 agosto risulta di limitata portata, sotto l’aspetto temporale, in quanto circoscritto solo ai giorni necessari per la preparazione dell’area all’evento, per lo svolgimento del concerto ed il ripristino dell’area alle condizioni ex ante. Lo svolgimento dell’evento prevede l’utilizzo esclusivo di strutture mobili e facilmente rimuovibili. L’area dell’evento, come detto, non risulta interessare direttamente aree rientranti nella rete Natura 2000, in essa non vi è evidenza della esistenza attuale di nidificazioni di Caretta caretta e l’evidenza della nidificazione di Fratino è del tutto da accertare. Il cronoprogramma dei lavori risulta limitato a pochi giorni senza la previsione di opere e/o attrezzature da utilizzare di particolare complessità e l’intervento, in considerazione dell’ubicazione della manifestazione, non riteniamo che possa ragionevolmente provocare modificazioni, disturbi, frammentazioni e/o sottrazioni di habitat ritenuti significativi ai sensi della vigente normativa in materia.

Ma, soprattutto, l’evento si svolgerà nel pieno rispetto delle normative di settore e previa assunzione di tutti i nulla osta ed i pareri previsti per legge.

Perché in mancanza dei requisiti previsti per legge, a Roccella non potrebbe tenersi alcun evento, fosse un concerto di Jovanotti o dei Rolling Stones. Perché a Roccella le norme, così come tutte le opinioni, si rispettano sempre.

Ci auguriamo che queste precisazioni contribuiscano a rasserenare il clima attorno all’evento del 10 agosto che rappresenta una grande sfida per la nostra città. E a Roccella di solito le sfide le vinciamo.


Roccella Jonica, 27 luglio 2019.


Il Sindaco
Dott. Vittorio Zito

Letto 153 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

    Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno per la prima volta una intera mattinata fuori di casa. Per i bambini e le bambine della prima elementare, per i ragazzi e le ragazze della prima media e per gli adolescenti e le adolescenti degli istituti superiori sarà l’inizio di un nuovo tratto di strada da percorrere con nuovi amici. Per gli altri sarà un altro primo giorno di scuola di cui fare esperienza e sarà anche questo diverso dagli altri, perché diverso sarà lo stato d’animo che li accompagnerà e perché tutti saranno un anno più grandi.

  • Trinummus: la commedia delle tre monete, in scena a Roccella Ionica e a Locri

    La XXIX Stagione Teatrale della Locride 2019-2020 messa a punto dal Centro Teatrale Meridionale, diretto da Domenico Pantano, prosegue nel percorso di riscoperta dei capolavori del teatro classico. In scena, questa volta, venatura ironica e straripante comicità plautina con “Trinummus, la commedia delle tre monete” che racconta la storia di un giovane scialacquatore, che viene salvato, tramite un benevolo raggiro, da un vecchio amico del padre e dall’immancabile servo parassita che ammette di rubare i soldi al padrone e di voler mangiare e divertirsi alle spalle altrui.

  • Domani la presentazione del nuovo Amministratore Unico della società di gestione del porto di Roccella

    Lo scorso 19 luglio il Dott. Giorgio Sotira ha presentato alla stampa e ai cittadini i principali indicatori relativi all’operatività della Porto delle Grazie S.r.l., congedandosi così dall’incarico di Amministratore Unico della società. Incarico che ha ricoperto dal febbraio del 2016 e che ha lasciato a seguito della sua nomina a Vice Presidente esecutivo di Civita Holding.
    Il 22 luglio abbiamo, quindi, pubblicato l’avviso pubblico per la raccolta delle candidature per la nomina ad Amministratore Unico della Porto delle Grazie, dandogli la massima visibilità. Allo spirare del termine per la presentazione delle candidature, il Responsabile dell’Area Affari Generali mi ha trasmesso l’elenco delle presentazioni pervenute e i curricula dei candidati.

  • Jova Beach Party a Roccella Jonica: la soddisfazione e i ringraziamenti del Sindaco

    E’ stata una serata indimenticabile quella regalata da Jovanotti ad oltre 25.000 spettatori lo scorso 10 agosto a Roccella Jonica, dove ha fatto tappa il suo “Jova Beach Party”. Un successo straordinario, frutto di un impegno corale che ha garantito che tutto si svolgesse in totale tranquillità.
    Voglio per questo ringraziare il Signor Prefetto di Reggio Calabria, Dott. Mariani, il Signor Questore, Dott. Vallone, il Primo Dirigente del Commissariato di Siderno, Dott. Cannarella, responsabile del coordinamento delle attività di tutela dell’ordine pubblico, i Dirigenti, gli Ufficiali e gli Agenti della Polizia di Stato, della Polizia Stradale, della Polizia Ferroviaria, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza impegnati nei servizi di tutela dell’ordine pubblico.

  • Jova Beach Party del 10 agosto a Roccella Jonica: le disposizioni del Comune per il transito veicolare nella cittadina

    Il prossimo 10 agosto si terrà a Roccella il concerto di Lorenzo Jovanotti. Si tratta di un evento di grandissima portata che attirerà nella nostra cittadina circa 30.000 persone e che perciò impegnerà una imponente macchina organizzativa per la tutela della sicurezza e della incolumità pubblica. E’ una grande occasione per aumentare la visibilità di Roccella e che avrà delle evidenti ripercussioni favorevoli sul suo indotto economico. Ovviamente nel giorno del concerto e nei giorni immediatamente precedenti e successivi potranno esserci dei disagi per chi risiede o trascorre le sue vacanze a Roccella. Lavoreremo per limitare al minimo le difficoltà che potranno insorgere e proprio per questo vogliamo dare alcune indicazioni utili a garantire le migliori condizioni di sicurezza.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.