Primo nido Caretta Caretta in Calabria, Oliverio: "Bella notizia"

Nei giorni scorsi è stato localizzato e rinvenuto sulla costa reggina, nell’ambito del pattugliamento del tratto di costa compreso tra Melito Porto Salvo e Bianco il primo nido in Italia di tartarughe...

La festa per i 25 anni dell'Aspromonte accende le Luci sul Parco

Le Luci in Aspromonte hanno ufficialmente acceso la nuova stagione estiva 2019 sul Parco dell'Aspromonte. Un momento di Festa per i 25 anni dell'Ente che ha visto coinvolte diverse associazioni del te...

“Luci sul Parco”, tra sport, natura e biodiversità: il 15 giugno è la giornata dell’Aspromonte

La Natura sarà pregevole cornice di una giornata ricca di attività e passione. E’ il giorno dell’Aspromonte in festa, con le “Luci sul Parco” che si “accenderanno” metaforicamente domani, Sabato 15 gi...

Sabato 15 giugno alla ricerca di specie aliene nel Parco Nazionale dell’Aspromonte

Un bioblitz nel Parco Nazionale dell’Aspromonte, una esperienza che vedrà i partecipanti protagonisti attivi di una ricerca sul campo di specie aliene che minacciano la biodiversità dell’area protetta...

Anche un Oceano inizia con una sola goccia d'acqua

Gli Oceani, sempre più “innaturalmente” caldi, sempre più vuoti di pesci e sempre più invasi dalla plastica, hanno bisogno di noi. “Gender e Oceans” è il titolo, per il 2019, della Giornata Mondiale,...

Trek Days al sentiero del Tracciolino di Palmi

Si chiude con un responso molto positivo la giornata Trek Days al tracciolino, che ieri mattina, domenica 9 giugno, ha inaugurato ufficialmente la stagione delle escursioni sul meraviglioso sentiero c...

Gambarie, il 15 giugno l’apertura del nuovo “playground Aspromonte” di basket e dello spazio Sport

Praticare sport fa bene. All’area aperta ancor di più, è scientificamente provato. Allenarsi, divertirsi e giocare in una cornice unica come quella di un Parco Nazionale rende il tutto magico ed indim...

“Luci sul Parco”, l’Aspromonte in festa il 15 giugno a Gambarie

Condividere, coinvolgere, sensibilizzare. Il Parco dell’Aspromonte, in occasione del suo 25esimo anniversario, “accende le luci” sui valori naturalistici, scientifici, estetici, culturali, educativi e...

Il Centro Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone annuncia ufficialmente la sua riapertura

Il lungo e burrascoso periodo stop, durato circa 8 mesi, nei quali il Centro Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone ha rischiato la sua chiusura definitiva, oggi, alla presenza delle principali Ist...

Torna la magia alla Villa Comunale: sei nuovi nati al laghetto, aspettando gli altri arrivi

Una magia che si ripete ogni fine Primavera. E così anche in questo 2019 alla Villa Comunale è festa per l'arrivo di sei nuovi piccoli nel laghetto centrale. Attesa per la schiusa di altre uova mentre...

Sei qui: HomeRubrichePets&GreenLa riflessione per la Giornata Europea dei Parchi: intensificare il rapporto tra Parco d’Aspromonte e sistema scolastico reggino

La riflessione per la Giornata Europea dei Parchi: intensificare il rapporto tra Parco d’Aspromonte e sistema scolastico reggino

Pubblicato in Pets&Green Giovedì, 23 Maggio 2019 08:10

Non vi è dubbio che in questo inizio di nuovo secolo il Parco nazionale d’Aspromonte ha subito una involuzione nell’immaginario collettivo. Non sto qui certo a far polemiche sul perché ci sia stata una scarsa percezione dell’importanza della presenza di un parco, il nostro parco, sul territorio e del mancato sviluppo delle enormi potenzialità delle sue risorse.
Da uomo di scuola, però,non posso non evidenziare come lo sviluppo di una coscienza ambientale costituisca la carta vincente per la crescita del consenso necessario alle politiche per le aree protette.
I luoghi in cui attuare il processo formativo degli studenti, ma anche degli insegnanti, sono sicuramente quelli del Parco e per diversi buoni motivi.

Il primo è che l’educazione ambientale si fa, non si insegna,
Gli alberi, gli animali, le rocce, i fiori non si possono solo insegnare: bisogna viverci in mezzo. Bisogna odorarli, guardarli, toccarli quanto è possibile, bisogna imparare a riconoscerli a sapere come vivono e di cosa hanno bisogno.
Anche la differenza tra una attività compatibile e una che non lo è bisogna imparare a vederla, e cosa vuol dire gestire un parco e quanto costa.
Il secondo motivo è che il parco costituisce il laboratorio privilegiato per attività di didattica e di divulgazione ambientale, il luogo nel quale la tutela dell’ambiente, la comprensione degli equilibri naturali, l’importanza di un approccio globale all’ambiente possono essere toccati con mano.
Un terzo motivo sta nella necessità di qualificare l’area protetta rendendola centro di attività produttive e culturali compatibili con l’ambiente e nello stesso tempo in grado di garantire un reddito alle popolazioni locali.
Questa condizione è indispensabile per aumentare il consenso delle popolazioni locali.
Il parco è un sistema territoriale, in cui dentro ci stanno valori naturalistici, ambientali, culturali, della tradizione artigianale, della cucina, etc, cioè tutto l’insieme che rende questa zona particolare, che le dà una identità.
Bene le popolazioni che rientrano nel Parco d’Aspromonte avvertono questa forte identità. Le comunità scolastiche la avvertono?
Noi siamo uno strano Paese perché abbiamo difficoltà a riconoscerci in una unica identità. Nella scuola ciò non penetra con facilità, magari l’identità nazionale passa attraverso Dante e i grandi della letteratura, ma manca il resto. La scuola non comunica il senso dell’appartenenza ad una identità più ricca, articolata e storicamente radicata di quanto non sia in grado di rappresentare, sia pure nella sua qualità, la letteratura. E qui il Parco ha una sua potenzialità. Perché esso si costruisce intorno ad alcuni parametri di qualità che già riguardano l’identità del territorio. E questo è un altro elemento da tenere presente nel rapporto tra parco e sistema formativo.
Ora se la partecipazione è una dimensione indispensabile alla qualità dei parchi, anche il rapporto con le scuole deve cambiare.
Per le scuole che in particolare insistono nel Parco sembra importante recuperare la cultura della cura, ma come attenzione al vicino,a ciò che è mio in quanto res publica, cosa di tutti.
Educare al cambiamento cambiando vuol dire costruire contesti educativi in cui l’azione sia parte integrante del percorso educativo. Ripulire insieme alla propria classe una pertinenza esterna alla scuola, sia esso un incolto, un giardino abbandonato, è una azione che rimane nella memoria del ragazzo, continua nel tempo a fare cultura. Quindi i percorsi che si devono costruire sul territorio, nel Parco, non sono solo di tipo informativo, scientifico, cognitivo, ma devono consentire ai ragazzi di fare esperienza in prima persona.
Per le scuole nel Parco serve consapevolezza interna. Queste scuole non possono costruire il loro curricolo come una scuola di periferia urbana, sarebbe il fallimento dell’autonomia. Il parco deve entrare nel DNA di quella scuola, altrimenti sarà difficile convincere i ragazzi dell’utilità (ecologica, sociale, culturale, economica) del Parco.
Questa consapevolezza passa attraverso la formazione degli insegnanti e attraverso la costruzione di una adeguata motivazione. In questo modo la scuola può diventare un soggetto attivo a condizione che sviluppi percorsi che affrontino i problemi del territorio che facciano ricerca sul territorio. Così operando le scuole del Parco nel parco diventano una sorta di agenzia di promozione nel parco e per le scuole ad esso esterne.

Reggio Cal. 23 maggio 2019

Guido Leone
già Dirigente tecnico USR Calabria

Letto 68 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Esami di Maturità 2019: a Reggio e provincia al via con circa 5.900 candidati

    Finite le lezioni si sono aperte le porte delle vacanze per la gran parte dei settantanovemila studenti delle scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia. A sospirare ancora saranno i quasi diecimila piccoli allievi della scuola dell’infanzia che termineranno le loro attività educative a fine mese. Mentre i 5.400 ragazzini delle scuole medie inferiori della provincia di Reggio Calabria hanno iniziato a conquistarsi la loro minimaturità , nelle scuole superiori lunedì 17 giugno si insedieranno le commissioni per gli esami di Stato che quest’anno interesseranno circa 5.900 candidati .Entra nel vivo, dunque, nella prossima settimana la maturità 2019. Parliamo della maximaturità, quella degli studenti che hanno completato l’iter degli studi superiori e che da mercoledì 19, inizio degli esami ,esordiranno con la cosiddetta madre di tutte le prove, quella d’italiano.

  • Lezioni al capolinea: 5.400 allievi pronti per l’esame di terza media

    Con la chiusura dell’anno scolastico fissata per sabato 8 giugno arrivano le vacanze lunghe per li 79.000 allievi delle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Reggio Calabria . L’ultima campanella sta ,dunque, per suonare ma non per i quasi diecimila allievi della scuola dell’infanzia che termineranno le loro attività educative sabato 29 giugno.
    Poi sarà vacanza per i più fino al 16 settembre 2019 inizio del nuovo anno scolastico, tre mesi pieni lontani da compiti,interrogazioni e libri. Però,non per tutti sarà così . Per i ragazzi di terza media la fine delle lezioni di fatto è sinonimo di esami di Stato. Per i quattordicenni le vere vacanze scatteranno il 30 giugno, ultimo giorno utile fissato dal Ministero della P.I. per gli esami di Stato. I diciottenni, invece, saranno alle prese con gli esami almeno fino a metà luglio.

  • San Giorgio Morgeto, un deferimento all'Autorità Giudiziaria per abusivismo edilizio nel Parco

    Ieri pomeriggio, nell’ambito di un servizio di controllo straordinario del territorio, coordinato dal Reparto Carabinieri Parco Nazionale d’Aspromonte di Reggio Calabria e finalizzato alla repressione dei reati ambientali, i militari della Stazione Parco di San Giorgio Morgeto hanno deferito in stato di libertà un 35enne disoccupato e residente a Molochio, senza da pregiudizi di polizia, poiché in località “Monte Trepitò - Catorella”, di Molochio, all’interno del perimetro del Parco ha realizzato abusivamente una platea in calcestruzzo di circa 42 metri quadrati con due muri perimetrali in blocchi di cemento con pilastri, un forno ed un barbecue, il tutto in assenza di qualsivoglia titolo autorizzativo

  • Anche in Calabria il 9 maggio si celebra la Festa dell’Europa

    Il 9 maggio 2019 si festeggia la Giornata dell’Europa e quest’anno segna il 69°della Dichiarazione Schuman da cui nacque la Comunità europea. La costruzione politica dell’Europa non é stata fin qui e non sarà certamente per il futuro il risultato dell’egemonia politica,economica o militare di qualche potenza dominante. La costruzione dell'Europa può e deve essere il risultato di una capacità di condivisione di regole e principi e di una cultura politica democratica partecipata.
    Certo, la crisi economica di questi ultimi anni, nel mezzo di una tempesta iniziata altrove, ha messo alla prova la determinazione comune.

  • Canolo: abusivismo edilizio all’interno del Parco Aspromonte, un deferimento

    Nei giorni scorsi, nell’ambito dei controlli agroalimentari coordinati dal Reparto Carabinieri Parco Nazionale Aspromonte di Reggio Calabria, i Carabinieri della Stazione Parco di Gerace, assieme ai militari della Stazione Carabinieri di Agnana Calabra, hanno deferito in stato di libertà un 66enne pensionato originario di Canolo, , poiché in località “Canolo Nuova”, agro dello stesso Comune, all’interno del perimetro del Parco, ha realizzato una struttura in muratura e lamiera, adibita a ricovero animali, in un terreno di proprietà comunale e senza le prescritte autorizzazioni. Il manufatto è stato sottoposto a sequestro e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.