unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomeSPORTIl Questore emette 6 provvedimenti di D.A.SPO dopo l'incontro A.C. Locri 1909 - A.S. Marsala Calcio

Il Questore emette 6 provvedimenti di D.A.SPO dopo l'incontro A.C. Locri 1909 - A.S. Marsala Calcio

Pubblicato in SPORT Lunedì, 15 Aprile 2019 09:51

Non si è fatta attendere la risposta del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo i deprecabili episodi del 3 marzo scorso occorsi durante la partita disputata presso lo stadio comunale di Locri (RC) tra la squadra della “A.C. Locri 1909” e quella della “A.S. Marsala Calcio” valida per il campionato di Serie “D”. In data 5 aprile u.s. sono stati emessi 6 provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di altrettanti sostenitori della “A.C. Locri 1909”, responsabili a vario titolo sia di un fitto lancio di oggetti e di bottiglie d’acqua all’indirizzo della terna arbitrale e dei giocatori della squadra ospite, sia del tentati-vo d’ingresso negli spogliatoi al termine dell’incontro, al fine di venire in contatto con i predetti giocatori. Nello specifico gli stessi hanno forzato il cancello di ingresso ripetutamente con calci, pugni e spintoni e, subito dopo, hanno danneggiato e frantumato il pannello in plexiglass che ricopre l’inferriata del suddetto cancello.

Soltanto il pronto intervento del personale della Polizia di Stato e dei Militari dell’Arma e della Guardia di Finanza, impiegati in servizio di ordine pubblico, riusciva ad evitare l’accesso di detti tifosi, contrastando la forte spinta opposta su detto cancello dagli ultras.
Nei confronti dei responsabili del lancio di oggetti e bottiglie in campo, C.G. cl.’85, C.F. cl.’60 e O.A. cl.’86, il provvedimento di D.A.SPO. è stato emesso per la durata di anni tre.
Nei confronti delle persone responsabili di aver forzato, al termine della partita, il cancello di ingresso agli spogliatoi, C.G. cl.’76, M.V. cl.’89 e T.R. cl.’78, il provvedimento di D.A.SPO. è sta-to emesso per la durata di anni due, ad eccezione del primo, C.G. cl.’76, già destinatario di un provvedimento di D.A.SPO. emesso il 01.03.96 dal Questore della Provincia di Crotone, per il quale l’odierno provvedimento è stato emesso per la durata di anni cinque.
Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione, mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali sia impegnata, a qualsiasi titolo, la “A.C. Locri 1909”, presso gli Uffici di Polizia territorialmente competenti.
Il provvedimento è stato convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.
La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vi-vere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedi-menti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza, al fine di garantire a tutti gli spettatori la piena fruibilità in sicurezza dello stadio.

Reggio Calabria, 15 aprile 2019

Letto 140 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sbarco a Roccella nella notte, fermati due presunti scafisti di nazionalità ucraina

    Nuovo successo contro la tratta di esseri umani ed i favoreggiatori dell’immigrazione clandestina.
    Nella serata di ieri è stato segnalato l’avvicinamento alla costa di Brancaleone di un veliero con numerosi cittadini extracomunitari a bordo. Venivano immediatamente predisposti servizi interforze diretti dalla Questura volti a prevenire un possibile sbarco non autorizzato. Contemporaneamente, veniva segnalato un cittadino iracheno che era approdato sulla costa e tentava di allontanarsi dalla spiaggia. Prontamente rintracciato dal dispositivo di sicurezza si accertava che si era allontanato dal veliero a bordo di un gommone unitamente a due cittadini dell’est Europa, presumibilmente gli scafisti, per il rintraccio dei quali venivano attivate immediate attività.

  • Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

    La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, nella giornata odierna ha eseguito nei confronti di un 38enne di Reggio Calabria, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia ai danni della sua ex compagna.
    Le indagini - coordinate dal Procuratore Aggiunto Gerardo DOMINIJANNI e dal Sostituto Procuratore Nicola DE CARIA - hanno consentito di far luce su una triste vicenda familiare caratterizzata da abituali episodi di maltrattamenti in famiglia con ripetute ingiurie e minacce di morte proferite personalmente dall’uomo o mediante l’invio di messaggi di testo alla madre di suo figlio durante la loro relazione, cagionandole penose condizioni di vita, lesive dell’integrità morale e del decoro della medesima.

  • Bovalino, al supermercato o a casa invece che in ufficio a lavorare

    A conclusione di mirata attività investigativa espletata dalla Polizia di Stato, il personale del Commissariato di P.S. Bovalino ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della sospensione dell’esercizio del pubblico ufficio per dodici mesi, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Locri su richiesta di quella Procura della Repubblica, nei confronti di 3 soggetti, su un totale di 6 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di truffa aggravata e continuata, falsa attestazione della presenza in servizio e peculato d’uso continuato.

  • Arghillà, 31enne ai domiciliari per possesso di droga

    L’attività di controllo del territorio dell’Ufficio Volanti, svolti nell’ambito del protocollo operativo chiamato “Fata Morgana” che ha quale obiettivo l’intensificazione dell’attività di controllo delle aree ad alta densità criminale della zona nord della città, ulteriormente intensificata su disposizione del Questore di Reggio Calabria con particolare riguardo al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha fatto registrare in città l’ennesimo risultato.
    Nel corso dei servizi il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha arrestato, in via Scopelliti, zona Arghillà nord, in flagranza di reato un 31enne.

  • Roccella, fermati due presunti scafisti ucraini per lo sbarco dei 74 migranti

    Tempestivo e risolutivo l’intervento degli Agenti della Polizia di Stato della Sezione Criminalità straniera e prostituzione della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Siderno, che in poche ore hanno individuato i presunti scafisti dell’imbarcazione che trasportava 74 cittadini extracomunitari, condotti nelle acque territoriali di questa provincia nel pomeriggio di sabato, grazie al soccorso della Guardia Costiera che ne ha curato lo sbarco presso il porto di Roccella Jonica dove sono state effettuate le incombenze legate allo sbarco secondo le direttive della Prefettura di Reggio Calabria ed in stretta e proficua collaborazione con i militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.