:: Evidenza

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Personale militare della Direzione Marittima - Guardia Costiera - di Reggio Calabria, ha posto sotto sequestro preventivo n° 14 impianti di depurazione acque reflue comunali...

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

«Sono soddisfatto dell’importate risultato ottenuto oggi con la presenza del commissario Massimo Scura in audizione alla Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato. È il...

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

"L'amore nutre": questo il primo saluto della Calabria passeggiando per i corridoi principali del padiglione del XII Salone del Gusto - Terra Madre dedicato alle...

compra calabria

Sei qui: HomeSTORIEAlberi monumentali d’Italia: confermate le maestose testimonianze dell’Aspromonte

Alberi monumentali d’Italia: confermate le maestose testimonianze dell’Aspromonte

Pubblicato in Storie Giovedì, 11 Gennaio 2018 12:05

Sono ben venticinque gli Alberi Monumentali che vegetano nel Parco dell’Aspromonte. Lo si evince dal primo elenco nazionale approvato dal Ministero delle Politiche Agricole e forestali.
Testimoni del lungo lavoro della natura, “portatori di un valore estetico, culturale e naturalistico”, gli Alberi Monumentali “accompagnano” la storia ed il sentimento delle popolazioni dell’Aspromonte e da sempre sono oggetto di studio da parte della comunità scientifica locale ed internazionale.

Il posizionamento nella classifica regionale è di tutto rispetto: circa il 30% degli Alberi Monumentali presenti in Calabria, infatti, hanno vita in Aspromonte che si conferma, ancora una volta, quale area di eccellente valenza biogeografica d’Italia.
Che lo si consideri isolato o facente parte di formazioni boschive naturali, l’albero secolare tipico, è considerato esempio di maestosità e longevità. A volte si tratta di vere e proprie rarità botaniche; altre ancora recano un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario o delle tradizioni locali.
“Dall’Olmo Campestre di San Lorenzo (su cui, recentemente, l’Ente Parco ha avviato una importante operazione di tutela) alla Quercia Ibrida di “Croce di Dio sia Lodato” a Samo, dal castagno di San Giorgio di Pietra Cappa al Tasso di Zervò (Santa Cristina), l’elenco dei nostri “edifici vegetali” è di grande rilievo scientifico – dichiara il Presidente Giuseppe Bombino - e conferma la valenza naturalistica dell’Aspromonte quale “rifugio” per le specie floristiche e faunistiche. Gli Alberi Monumentali consentono di diversificare le peculiarità del territorio e costituiscono punti di richiamo turistici ed escursionistici, nonché riferimento per attività formative e di educazione ambientale”.

Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte
v. i.

Rc 11 gennaio 2018

Letto 134 volte

Articoli correlati (da tag)

  • ParkBus 2018, il successo dell’Aspromonte. Ultima escursione “in notturna”

    Natura e Cultura, il connubio sul quale il Parco dell’Aspromonte, ormai da anni, ha scelto di puntare attraverso una strategia vincente, continua a contribuire alla crescita del territorio. L’edizione 2018 del ParkBus, iniziativa che parte dall’Ente Parco e coinvolge il Museo Archeologico di Reggio e l’Associazione delle Guide Ufficiali, collegando i due principali attrattori della nostra terra (il Museo coi sui Bronzi ed il Parco dell’Aspromonte con la sua biodiversità ed il suo Patrimonio Naturale), registra un grande successo sia in termini numerici che in entusiasmo.

  • Vergognoso atto di bracconaggio in Sicilia: il Parco dell’Aspromonte farà la sua parte

    Un importante progetto finanziato dall’Unione Europea, negli ultimi anni, sta cercando di assicurare un futuro al Capovaccaio, un piccolo avvoltoio che ha visto la sua popolazione italiana ridotta in pochi decenni a meno di diecicoppie, tra la Basilicata e la Sicilia. L’impegno delle Istituzioni, dei ricercatori e delle Forze dell’Ordine, con l’ausilio delle più moderne tecnologie, l’esperienza del lavorare in rete: eppure ancora una volta tutte queste energie messe in campo hanno dovuto registrare l’ennesimo vile atto di bracconaggio, che ha messo fine alla giovanissima vita di uno dei due capovaccai nati in cattività presso il CERM (Centro Rapaci Minacciati) di Semproniano (GR), curati e allevati con straordinaria competenza e rilasciati la settimana scorsa nel Materano in collaborazione con ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

  • Un sogno d'Aspromonte chiamato riconoscimento Global Geopark UNESCO

    di Tatiana Muraca / foto di Roberto Canzoneri) - 140 Geoparchi Mondiali UNESCO tuttora esistenti, situati in 38 Paesi del mondo, di cui 73 in Europa. Restringendo decisamente il campo, dall’Europa all’Italia (che ha 10 Geoparchi Mondiali), dall’Italia alla Calabria (che ha già un Geoparco Mondiale), dalla Calabria alla Città Metropolitana di Reggio, precisamente al Parco Nazionale dell’Aspromonte, la visione di insieme si potrebbe ulteriormente allargare. L’Aspromonte, difatti, concorre per questo ambìto riconoscimento; il massiccio montuoso dalle forme dolci, ma altresì severe, sviluppato in terrazze contrapposte, dove la vegetazione è molto ricca e varia, in cui la macchia mediterranea fa da padrona, attende il responso della Commissione Internazionale in merito all’attestazione di Geoparco, patrimonio dell’UNESCO.

  • Giovani di Samo: grazie al Presidente Bombino possiamo immaginare un avvenire in Aspromonte

    “La speranza è un sogno ad occhi aperti”, sosteneva Aristotele. Ed in questi anni, al Parco non solo abbiamo “sognato”, ma, grazie alla visione strategica del Presidente Giuseppe Bombino abbiamo iniziato ad osare. A crederci davvero.
    Costruendo il nostro futuro, con le mani dei giovani, la terra dei padri, la natura dei nostri luoghi. Gli odori del nostro futuro. Caro Presidente la ringraziamo: ci ha spinto a credere nelle nostre potenzialità, a fare squadra ed a guardare all’Aspromonte come bellezza da preservare e, al contempo, come luogo d’eccellenza nel quale ambire ad uno sviluppo socio-economico.

  • Parco Aspromonte, Consiglio Direttivo rinnova fiducia a Creazzo

    Si è svolto a Gambarie d’Aspromonte il primo Consiglio Direttivo dell’Ente Parco sotto la guida del Vice Presidente Domenico Creazzo, dopo la conclusione del quinquennio del prof. Giuseppe Bombino.
    Creazzo, Sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte dal 2012, per Statuto e per Legge svolgerà le funzioni del Presidente.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.