unci banner

:: NEWS

Il Sindaco Falcomatà e il Vicesindaco Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti

Il Sindaco Falcomatà e il Vicesindaco Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti

“Vogliamo fare il punto sulla situazione rifiuti”. Parte da qui il videomessaggio settimanale del sindaco della Città di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà accompagnato, per l’occasione, dal vicesindaco con delega all'Ambiente...

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Una legge da riformare o da mantenere, ma con una applicazione più efficace e responsabile; una normativa da eliminare, rafforzando altri strumenti già esistenti: divide sempre il tema dello scioglimento...

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

A guardare le palme sul Ponte della Libertà ormai prossime all’aldilà per carenza d’acqua fanno sorridere i render dei nuovi progetti per piazze e parcheggi con tanto di prato all’inglese...

Basket, il titolo Under 16 di Calabria è tutto per l'Abacos Rende

Basket, il titolo Under 16 di Calabria è tutto per l'Abacos Rende

Il titolo regionale Under 16 di Calabria è tutto per la Caffè Aiello Abacos Accademia del Basket Rende. Il capolavoro del Professore Lorenzi si ripete: il maestro del basket silano,...

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Intensa giornata quella di ieri per i vigili del fuoco della sede distaccata di Siderno, impegnati dalle 17 circa e per parecchie ore per lo spegnimento di un incendio, sviluppatosi...

compra calabria

Sei qui: HomeStorieAlloggi popolari, la protesta dell'Osservatorio Disagio Abitativo arriva in Consiglio comunale

Alloggi popolari, la protesta dell'Osservatorio Disagio Abitativo arriva in Consiglio comunale

Pubblicato in Storie Venerdì, 24 Maggio 2019 16:27

Il Comune di Reggio Calabria, nonostante qualche iniziativa realizzata, continua a non garantire il diritto all'alloggio alle famiglie a reddito basso e senza una casa. Il settore degli alloggi popolari presenta gravissime carenze gestionali che dipendono dall'azione politica dell'Amministrazione. - L'Osservatorio sul disagio abitativo con un' importante partecipazione di famiglie ha denunciato, ancora una volta, nell'aula del Consiglio Comunale le diverse problematiche del settore ERP. Questa volta l'ha fatto mostrando ai consiglieri presenti otto cartelloni. Gli 11 milioni stornati.

Pur essendoci qualche centinaio le famiglie che hanno vinto il bando comunale 2005 e che sono in emergenza abitativa, l'Amministrazione comunale, nel 2016, ha stornato un finanziamento di 11 milioni di euro destinato a dare l'alloggio a circa 160 nuclei. Per correggere quest' azione cinquecentotrentaquattro reggine e reggini hanno firmato una Petizione che è stata presentata dall'Osservatorio sul disagio abitativo il 18 febbraio chiedendo al Comune il ripristino del finanziamento di 11 milioni per l'acquisto di alloggi . Il termine di 90 giorni previsto per la risposta alla Petizione è già scaduto, ma l'Amministrazione non ha ancora risposto. Non solo non si vuole implementare il patrimonio degli alloggi, come sarebbe necessario, ma non viene gestito neanche quello esistente. Difatti, il settore di Edilizia Residenziale Pubblica da tempo non realizza, con la necessaria efficacia, le verifiche sulla permanenza dei requisiti degli assegnatari dei 7000 alloggi popolari ( comunali ed Aterp) esistenti nel territorio comunale. Le verifiche sono previste dalla normativa vigente per recuperare e riassegnare gli alloggi non più abitati e per garantire la gestione legale delle assegnazioni. Nonostante quanto deciso dal Consiglio Comunale il 10 febbraio 2017, il Sindaco non ha ancora disposto che al settore ERP venga assegnato stabilmente un gruppo di vigili e di operatori informatici per effettuare quotidianamente le verifiche.

Tantomeno ha provveduto a chiedere alla Prefettura la costituzione di una task –force con le forze dell'ordine dello Stato . Questa azione di controllo con la relativa informatizzazione consentirebbe il recupero di decine di alloggi da assegnare alle famiglie vincitrici del bando 2005 ed a quelle in emergenza abitativa. Ma consentirebbe pure l'eliminazione dell'illegalità diffusa di cui gli alloggi erp sono oggetto, proprio a causa della mancanza di questa attività di controllo . Anche la gestione economica del settore ERP, indispensabile per garantire la necessaria efficienza strutturale del patrimonio, è del tutto assente. Negli ultimi quattro anni, mentre la gran parte degli alloggi comunali versa in gravissime condizioni strutturali, il Comune non ha garantito i livelli minini di manutenzione. Difatti, negli ultimi anni, i 3 milioni di euro entrati nelle casse comunali dai canoni e dalle vendite degli alloggi non sono stati spesi. Ma, secondo la normativa vigente, questi fondi sono vincolati al settore e dovrebbero essere spesi per garantire la necessaria manutenzione degli alloggi ERP. Per quanto riguarda la gestione delle emergenze abitative ( art 31 Lr 32/1996) il Comune, su sollecitazione dell'Osservatorio sul disagio abitativo, ha approvato il 25 gennaio 2018 un regolamento con la finalità di garantire trasparenza e velocità.

Ma, fino ad oggi, il regolamento non è stato applicato e quindi si è continuato a gestire le emergenze con poca trasparenza e senza un'apposita graduatoria. La norma regionale sulla mobilità degli alloggi ERP del 1996, dopo 23 anni, continua a non essere applicata dal Comune e dall'Aterp e quindi centinaia di richieste di cambio alloggio risultano inevase negando il pieno diritto alla casa di moltissime famiglie assegnatarie . Il progetto di superamento del ghetto dell'Ex Polveriera, avviato nel mese di aprile 2018 portando alla sistemazione in dislocazione di 17 nuclei familiari, da 8 mesi è inspiegabilmente bloccato. Nel ghetto sono rimaste 15 famiglie che sono costrette ad abitare tra le macerie delle baracche demolite, nelle quali sono presenti delle lastre di eternit frantumate. Tra le situazioni di grave emergenza abitativa c'è da considerare anche quella delle persone senza fissa dimora. Nel periodo invernale, il Comune ha aperto un dormitorio pubblico offrendo un posto letto ad un gruppo di persone. Ma nel mese di marzo lo ha chiuso rimandando sulla strada le persone che aveva accolto. E' quindi urgente che l'Amministrazione riapra un dormitorio pubblico per offrire nuovamente e per tutto l'anno un posto letto a queste persone.

Reggio Calabria, 24 maggio 2019

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino –Cristina Delfino

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 117 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Ex Polveriera, progetto equa dislocazione fermo da settembre e c'è una situazione di emergenza sanitaria

    Il  progetto di superamento della baraccopoli dell'Ex Polveriera avviato nel mese di aprile 2018 con il titolo "Dall'emergenza abitativa alla legalità percepibile",  è fermo dal mese di  settembre 2018. Diciassette famiglie sono state dislocate ma ad oggi ancora quindici famiglie sono presenti nella baraccopoli, in condizioni di emergenza sanitaria. Il gruppo di lavoro comunale impegnato nel progetto ha ottenuto dei buoni risultati ma ha deciso di fermarsi a metà dell'opera. Da ottobre 2018 è stata delegata la continuazione del progetto al nuovo dirigente comunale del settore ERP, D. Piccione. Purtroppo non è stato garantito al Dirigente il sostegno necessrio, pur sapendo che avrebbe dovuto affrontare i complessi problemi del settore alloggi popolari. Difatti non si è data continuità all'azione attuata lo scorso anno.

  • Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

    Il signor Sgrò ha 55 anni ed è affetto da una gravissima obesità e altre patologie correlate, tra le quali gravi problemi motori e respiratori. Ha bisogno di frequenti controlli medici e ricoveri ospedalieri ma proprio la struttura dell'alloggio popolare, assegnatogli dal Comune, non gli consente di uscire liberamente da casa. L'alloggio popolare si trova infatti al terzo piano e il signor Sgró non può utilizzare l'ascensore in quanto non adeguato alle sue condizioni fisiche. Nell'ultimo periodo, il signor Sgrò ha potuto effettuare con difficoltà e sempre più raramente le visite necessarie. La moglie ha fatto il possibile, chiedendo la collaborazione di persone disponibili a trasportare il marito di peso, lungo le scale, fino a piano terra.

  • Petizione popolare 11 milioni per nuovi alloggi popolari da assegnare, Osservatorio Disagio Abirativo: Giunta e Consiglio non decidono

    Ancora nessuna decisione in merito alla petizione popolare per il ripristino del finanziamento di 11 milioni di euro del Decreto Reggio per l'acquisto e l'assegnazione di nuovi alloggi popolari. Lo scorso 18 febbraio, 534 cittadine/i hanno chiesto di rivedere la decisione del Consiglio Comunale con la quale nel 2016 venne rimodulato a favore di altre voci il cospicuo finanziamento. Ma dopo 110 giorni la Giunta ed il Consiglio non si sono ancora espressi. Lo scorso 22 maggio, il dirigente del settore Grandi Opere, programmazione e "Decreto Reggio", Antonino Cristiano, con una lettera trasmessa al Sindaco ed al Presidente del Consiglio comunale, ha espresso parere tecnico favorevole alla Petizione. La necessaria rimodulazione dei fondi stanziati con il "Decreto Reggio" per ripristinare il capitolo di spesa di 11 milioni per l'acquisizione di nuovi alloggi popolari è quindi possibile.

  • Osservatorio Disagio Abitativo: la negazione del cambio alloggio nega il diritto alla casa adeguata ed alle cure mediche

    Angelo ha 72 anni e gravi problemi di salute e motori. Anni fa gli fu assegnato un alloggio popolare che da tempo, per motivi strutturali, non garantisce condizioni a misura delle sue esigenze vitali. L'alloggio popolare è divenuto una vera e propria "gabbia" che gli impedisce le cure indispensabili per la sua sopravvivenza. Angelo e la sua famiglia, secondo la normativa vigente, avrebbero diritto al cambio dell'alloggio ed è per questo che nel corso degli anni hanno presentato più volte regolare domanda. Ma sia il Comune che l'Aterp non hanno, ad oggi, mai dato una risposta.

  • Alloggi popolari: la maggioranza chiede maggiori risorse per implementare il patrimonio disponibile

    Si è tenuta questa mattina a Palazzo San Giorgio, una riunione dei consiglieri di maggioranza alla presenza del Sindaco Giuseppe Falcomatà. Tra i vari temi affrontati, inerenti le attività amministrative in corso, la necessità di implementare la disponibilità del patrimonio di alloggi di edilizia residenziale pubblica per rispondere alla crescente domanda abitativa dei cittadini, in particolar modo delle fasce più deboli della popolazione. Al riguardo, d'intesa con il sindaco Falcomatà e con il nuovo delegato all'edilizia residenziale Giuseppe Sera, i Consiglieri di maggioranza hanno condiviso l'esigenza di richiedere al Settore competente, una rimodulazione dei fondi destinati all'emergenza abitativa, con l'obiettivo di svincolare maggiori somme da indirizzare sulle manutenzioni straordinarie del patrimonio esistente e sull'allargamento dello stesso, chiedendo un apposito studio al Dirigente delegato.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.