unci banner

:: Evidenza

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

E' ad Africo antico, nel cuore dell'Aspromonte, la splendida montagna selvaggia e incontaminata della Calabria che, alta, affaccia sul Mediterraneo, luogo di straordinaria bellezza, primordiale,...

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

Un documentario che, tra passato, presente e futuro, racconta le bellezze e le potenzialità del comprensorio di Catona, Arghillà e della Vallata del Gallico. E’...

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

È stato presentato stamane, presso la sede della Camera di Commercio di Reggio Calabria, il progetto pilota “Luci da dentro”, che vuole offrire ai detenuti...

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

compra calabria

Sei qui: HomeSTORIEDomenico “Dominick” Mele, eroicamente caduto durante la Prima Guerra Mondiale con la divisa statunitense

Domenico “Dominick” Mele, eroicamente caduto durante la Prima Guerra Mondiale con la divisa statunitense

Pubblicato in Storie Giovedì, 07 Dicembre 2017 10:39

Domenico Mele nacque, nel 1899, a Cardinale in provincia di Catanzaro da Francesco e Vittoria Cunsolo. Emigrò bambino, nel 1904, per gli Stati Uniti. La famiglia Mele si stabilì a Troy , Contea di Rensselaer, nello Stato di New York. Qui Domenico, oramai “Dominick”, studiò e imparò la nuova lingua. Iniziò a lavorare come “Iron Worker” in particolare nella costruzioni di grattaceli. A minare la serenità della famiglia calabrese arrivò, purtroppo, “la Grande Guerra”. A Dominick arrivò la “chiamata alle armi”. Nel luglio del 1917 fu inviato per addestramento a Fort Edward sempre nello Stato di New York. Gli fu data la “piastrina identificativa” numero 1204260.

Successivamente fu assegnato al 105° Fanteria, Compagnia E, inglobato nella 27° Divisione. Inviato in Francia combatté le più impegnative battagli. Poi, il 29 settembre del 1918, si rese necessario che un manipolo di uomini provasse ad aggirare lo sbarramento di fuoco tedesco. Missione rischiosissima alla quale, il giovane calabrese, offrì generosamente la sua ardimentosa persona. La missione servì a favorire l’avanzata del 105° Fanteria ma costò la vita a Domenico Mele e agli altri ragazzi. Oggi il giovane riposa nel “Somme American Cemetery” di Bony nel nord della Francia. Per la sua azione ricevette “alla memoria” la prestigiosa onorificenza della “Purple Heart” (decorazione delle forze armate assegnata in nome del Presidente degli Stati Uniti ai caduti con onore in battaglia). Nel 1930 il nome di Domenico Mele fu inserito nella “Italian Honor Roll” (Albo d’Oro).

Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Pescara 7 dicembre 2017

Letto 174 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Strorie di emigrazione: Giuseppe “Joe” D’Agostino, da Gerace Marina all'Illinois

    Giuseppe “Joe” D’Agostino nacque, il 9 maggio 1901, a Gerace Marina, in provincia di Reggio Calabria, da Vincenzo Domenico e Elisabetta Carmela Oppedisano. Il padre, “bracciante”, era nato a Portigliola nel 1873. La madre, “filatrice” era nata a Gerace Marina il 1874. I genitori di Giuseppe “Joe” si sposarono a Gerace Marina il 15 febbraio del 1894. Giuseppe “Joe” decise di emigrare, alla ricerca del “sogno americano”, nel 1929. Giunse ad “Ellis Island”, con la moglie Maria e la piccola Elisabetta (3 anni), sulla “Augustus” (il transatlantico, nel dicembre del 1926, ebbe come madrina del varo Edda Mussolini figlia del capo del governo italiano Benito Mussolini).

  • “Frank J.” Zappala’, grande avvocato e politico della Pennsylvania, era di Santo Stefano in Aspromonte

    Francesco “Frank J.” Zappala’ nacque, il 24 maggio 1897 a Santo Stefano in Aspromonte, provincia di Reggio Calabria, da Giuseppe (“barbiere del paese”) e Carmela Penna. La famiglia Zappala’ giunse ad “Ellis Island” nel 1908. Il piccolo Francesco, oramai per tutti “Frank J.”, mostrò, sin da subito, una vivace intelligenza. Fondamentale fu, per lui, l’incontro con tale Joseph King che intuitone le capacità lo spinse a studiare.

  • Joseph “Joe” Bagnara, grande ricercatore e biologo americano, era di origini reggine

    Joseph “Joe” Bagnara, grande ricercatore e biologo americano, era calabrese. I suo genitori erano nati a Delianuova e Brancaleone. Nel 2001 il Giappone, alla presenza dell’Imperatore Akihito, gli assegnò il prestigiosissimo “Order of the Sacred Treasure”
    Joseph “Joe” Bagnara (il vero cognome Abagnara) nacque, il 26 luglio 1929, a Rochester da Dominicantonio “Tony” e Fortuna “Fannie” Zumbo. Il padre di Joseph nacque a Delianuova (RC) l’11 novembre del 1895 mente la madre nacque a Brancaleone (RC) il 21 ottobre del 1907.

  • Nazarero Primerano, morì coraggiosamente in Francia durante Prima Guerra Mondiale, era calabrese

    Nazareno (su alcuni documenti Nazzareno) Primerano nacque, il 13 dicembre del 1895, a Serra San Bruno in provincia di Vibo Valentia da Salvatore e Angela Rosa Ariganello. Arrivò, nel 1913, ad “Ellis Island” a bordo della nave “Rochambeau” . Negli Stati Uniti andò a vivere nel “villaggio pioneristico” di Clermont, Contea di McKean, Pennsylvania. Qui Salvatore, il padre, era giunto nel 1900 dopo aver attraversato l’oceano a bordo della “Victoria” (fu registrato come ventottenne).

  • Salvatore Vistarchi, uomo d’affari ingiustamente internato nel “Petawawa Internment Camp”, era di Oppido

    Salvatore Vistarchi nacque, il 3 giugno 1901, a Oppido Mamertina, in Calabria in Italia. Lasciò il suo paese alla ricerca del “sogno americano” nel 1926. I suoi genitori rimasero in Italia. La madre un anno dopo la sua partenza morì. Giunse prima negli Stati Uniti ma poi, solo qualche tempo dopo, si recò in Canada. Uomo di notevole intelligenza e assai portato per gli affari. Divenuto padrone della lingua divenne un ricercato “businessman” .

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.