unci banner

:: Evidenza

Domenica donazione sangue: raccolta straordinaria presso Avis di Reggio e presidio Morelli

Domenica donazione sangue: raccolta straordinaria presso Avis di Reggio e presidio Morelli

Domenica 17 dicembre porte aperte presso il centro raccolta sangue dell’Avis comunale di Reggio Calabria, sezione “Evelina Plutino Giuffrè”. Si tratta della terza e ultima...

Pedina e minaccia di morte l’ex compagna: le Volanti arrestano stalker

Pedina e minaccia di morte l’ex compagna: le Volanti arrestano stalker

Nei giorni scorsi personale della Polizia di Stato ha eseguito l’arresto in flagranza di reato di uno stalker. Nel dettaglio, personale della Polizia di Stato...

Il questore Grassi premia Giada con l'attestato di Poliziotta honoris causa

Il questore Grassi premia Giada con l'attestato di Poliziotta honoris causa

Oggi, il questore della Provincia di Reggio Calabria Raffaele Grassi ha incontrato nei propri uffici Giada Geraci che ogni venerdì e per l’intera durata del...

Nuovo “Ospedale Metropolitano”: stipula concessione terreni area Morelli tra Comune e G.O.M.

Nuovo “Ospedale Metropolitano”: stipula concessione terreni area Morelli tra Comune e G.O.M.

Questa mattina, nell’Ufficio Patrimonio del Centro Direzionale del Comune di Reggio Calabria, si è giunti alla firma del contratto di concessione dei terreni del Presidio...

Asi Calabria Nuoto: grande successo per la prima tappa winter

Asi Calabria Nuoto: grande successo per la prima tappa winter

Solito clima di festa e grande giornata di competizione per il collaudato Trofeo Furfaro. Nove società per 300 atleti che si sfidano in vasca per...

Dichiarazioni Ceccardi: nota congiunta dei presidenti degli Ordini dei Medici della Regione

Dichiarazioni Ceccardi: nota congiunta dei presidenti degli Ordini dei Medici della Regione

I Presidenti degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri delle 5 Province Calabresi esprimono il loro sdegno per le inaccettabili e farneticanti tesi espresse...

L’assessore Nucera presenta il piano per tutelare la cultura grecanica

L’assessore Nucera presenta il piano per tutelare la cultura grecanica

Accogliere le altre culture è importante ma, ancor più importante, è non perdere la propria. Sulla base di questo principio l’assessorato al Welfare e Minoranze...

Italia Nostra alla riscoperta delle radici culturali della Città Metropolitana

Italia Nostra alla riscoperta delle radici culturali della Città Metropolitana

Le attività del settore Educazione al Patrimonio per l’anno 2017/2018 tra studio e ricerca-azione Con la stagione autunnale riprendono alla grande le attività del settore...

compra calabria

Sei qui: HomeSTORIELe “nasse”: da strumento di pesca a complemento d’arredo, nelle mani di un giovane ingegnere

Le “nasse”: da strumento di pesca a complemento d’arredo, nelle mani di un giovane ingegnere

Pubblicato in Storie Mercoledì, 11 Ottobre 2017 17:43

Una bella storia raccontata da un ragazzo giovanissimo: ingegnere elettronico di 27 anni, con una passione nata quasi per caso, una passione insolita per un giovane, che riprende uno dei più antichi mestieri, il “nassarolo”. Maurizio è da circa quattro anni che impiega il suo tempo libero all’arte di una volta, quella di intrecciare e costruire nasse. Viene chiamato “nassa” l’antico strumento da pesca utilizzato soprattutto per “adescare” i crostacei.

Ma la particolarità risiede nel fatto che Maurizio trasforma quasi quotidianamente quello che è l’originario strumento da pesca in complemento d’arredo.
“Ho iniziato osservando un signore che le faceva – ci dice - mi è piaciuto e ho voluto cominciare anche io. Ho imparato il meccanismo da solo: infatti, prima di arrivare a quelle che faccio oggi, ho distrutto una cinquantina di nasse, fin quando non ho capito il metodo. Non sono certo un professionista – ci tiene a specificare Maurizio – mi piace fare le nasse nel tempo libero”.
Nasse, continua a dirci il 27enne, che possono essere utilizzate come lampade, lampadari, cestini, vasi, e sono particolarmente richieste.
Determinate varietà di giunco sono le più adatte per fare le nasse: questa pianta cresce nei pantani, vicino ai corsi d’acqua.
Ce lo spiega bene Maurizio: “l’interno del giunco, nel momento in cui secca, non rimane vuoto. Innanzitutto, il giunco non si lavora quando è verde, ma viene fatto essiccare per una decina di giorni: il suo interno a questo punto è spugnoso, morbido, e ciò permette una maggiore flessibilità”.
Quella flessibilità utile a modellare le varie creazioni.

Stando a quanto riporta Maurizio, per intrecciare una nassa si usano anche i rami di verga oppure i selvatici dell’ulivo. Più il ramo è verde, insomma, e più è facile lavorarlo.
Il giunco, in particolare, viene raccolto tra maggio e giugno, quando il sole non è molto forte e non rischia di bruciare il ramo o renderlo troppo secco; inoltre, una volta raccolto ed essiccato, si può conservare per molto tempo. Ecco un ulteriore elemento che rende il giunco una delle piante più adatte allo scopo.
In termini “estetici”, poi, una caratteristica che differenzia la nassa-elemento d’arredo allo strumento usato per la pesca riguarda la corteccia del ramo di ulivo.
Si più toglierla per rendere più carino il complemento d’arredo oppure tenerla come protezione e per fortificare la nassa nella pesca. “Personalmente, non amo l’elemento d’arredo troppo conforme, né nella forma né nel colore, per cui alcune volte lascio la corteccia, così come in altre occasioni la caccio via. Preferisco l’effetto naturale”, questo il pensiero di Maurizio, che si sofferma con noi anche per spiegarci in che modo le nasse vengono utilizzate per pescare.

La pesca, infatti, è un’altra passione del ragazzo: “ i nassaroli di almeno 70 anni fa  - afferma - erano visti con un occhio di riguardo, perché possedevano un’esperienza e un’arte che permetteva loro di non morire di fame. Fare le nasse allora era una pratica diffusa, oggi ormai quasi persa; non per niente, nella pesca si usano per di più le nasse in plastica, che si possono facilmente comprare, ma nulla è come il giunco”.
La suddetta pianta, infatti, assorbendo l’acqua del mare si annerisce, così da mimetizzarsi con l’ambiente marino molto di più rispetto alla plastica.
“L’interno della nassa si chiama ‘campa’ – ci descrive il protagonista di questa storia – e corrisponde all’entrata dei pesci, che sono attirati dalla sua forma conica bucata. I pesci, poi, attratti dall’odore dell’olio emanato dalla poltiglia di sarda usata come esca e posizionata verso la parte finale della nassa, entrano dalla campa e, nel tentativo di uscirne, vengono ostacolati e punti dai vari puntali di cui la campa stessa è costituta; così il pesce rimane confinato.

La nassa, che dovrebbe essere raccolta al massimo il giorno seguente a quello in cui viene calata in mare, è adatta soprattutto per pescare il gambero, e la quantità del pescato dipende molto dal numero di nasse utilizzate: più se ne usa, più si pesca”.
Maurizio, nella sua arte, e da ingegnere elettronico quale è, prende bene le misure nel momento in cui “allestisce” una nassa: proprio per questa ragione, intreccia la campa a parte rispetto al resto, per poi attaccarla all’esterno e cucirla con un filo di cotone che collega le varie parti dello strumento, tra cui il coperchio, anch’esso fatto a parte.

“Alcuni lavorano un intero pezzo; io ho sempre costruito le varie parti una dopo l’altra”.
Un’esperienza da autodidatta, quella del giovane Maurizio: “un’arte a cui non si interessa quasi più nessuno, soprattutto i ragazzi, perché in primo luogo ci vuole tempo e poi tanta pazienza. A me piace fare queste cose - ci dice infine il ragazzo- perché è una tradizione che si sta perdendo: non lo faccio né per la pesca, né perché sono un esperto, ma per passione e dedizione”.

di Tatiana Muraca

Rc 11 ottobre 2017

Letto 207 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Ottobre 2017 17:56

Articoli correlati (da tag)

  • Presentata la II edizione del Corso di Alta Formazione in Project Management

    Il Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia (Di.Gi.Ec) dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e il Laboratorio di Metodi e Modelli Decisionali per le Scienze Sociali (Decisions_LAB), organizzano per l'anno accademico 2017/2018, la IIa edizione del Corso di Alta Formazione in Project Management - propedeutico all’acquisizione della certificazione ISIPM-Base©, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Project Management® (l’ISIPM). Il coordinatore scientifico e didattico del Corso è il prof. Massimiliano Ferrara.
    Il Corso si propone di realizzare un percorso formativo finalizzato a rispondere alle richieste territoriali in termini di approfondimento, aggiornamento e, in generale, di diffusione della cultura del Project Management.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 15 dicembre 2017

    Gli appuntamenti di oggi in città: - ore 9,30 davanti l’aula bunker sita in Viale Calabria 1a, presidio in coincidenza con un'altra udienza del processo al branco di Melito

    -cerimonia di scambio di auguri con il Signor Questore, che si terrà presso la Sala Calipari della Questura di Reggio Calabria alle ore 9.45 (rservato stampa)

  • Natale per tutti...abbattiamo muri, costruiamo ponti

    Una bella iniziativa quella promossa dalla Biesse Associazione Culturale Bene Sociale, Alzheimer Cafe’, Agi Duemila, dal titolo "Natale per tutti...abbattiamo muri, costruiamo ponti”. Un importante momento di aggregazione e condivisione che ben si sposa con questo periodo, e di cui la città ha estremo bisogno, e quale modo migliore per farlo se non con i canti natalizi della tradizione cristiana. Ben tre i cori che si sono da prima alternati sopra il palco e poi cantato insieme: gli anziani dell’Alzheimer Cafe ‘ con la  Presidente Maria Pennisi che tanto fa sul territorio per i malati affetti da questa patologia e per i loro familiari, i ragazzi dell’Agi Duemila con la Presidente Sara Bottari da anni in prima linea nella difesa e nella tutela dei diritti di chi si trova a vivere nella disabilità, e la Scola Cantorum.

  • Massimo Ripepi (FdI): "Zes a Lamezia e Reggio tagliata fuori"

    Massimo Ripepi (Fratelli d’Italia) torna sulla questione Zes ma questa volta non per lanciare l’allarme ma dare conferma di quanto già precedentemente paventato. La Zes si sposta nell’area del lametino andando ad escludere completamente Reggio. L’appello ad unire le forze con la dirimpettaia Messina.

  • Restaurati, tornano esposti i quadri di palazzo Corrado Alvaro

    Dopo quasi un anno e mezzo tornano nella sala Perri di palazzo Corrado Alvaro, attuale sede della Città Metropolitana, i quadri oggi restaurati. Protagonisti i ragazzi del corso di restauro che restituiscono grazie ad una sinergia tra enti, un bene ai cittadini

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.