unci banner

:: Evidenza

Consiglio dei Ministri in Calabria, lettera di Oliverio al presidente Conte

Consiglio dei Ministri in Calabria, lettera di Oliverio al presidente Conte

Si riporta di seguito la lettera del presidente della Regione Mario Oliverio al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte: “Egregio Presidente, nei giorni scorsi ho appreso, con interesse, la Sua intenzione a svolgere una...

Scuola: persistono ataviche criticità nel pianeta disabilità

Scuola: persistono ataviche criticità nel pianeta disabilità

La scuola italiana è ai primi posti nel mondo per spirito di accoglienza e capacità di inclusione. Lo riconosce l’OCSE nei suoi abituali rapporti , confermando un primato del quale il nostro Paese deve sentirsi...

A Palazzo Corrado Alvaro il convegno di Potere al Popolo: "La disabilità in città"

A Palazzo Corrado Alvaro il convegno di Potere al Popolo: "La disabilità in città"

Si è tenuto nella giornata di venerdì 22 marzo il convegno "LA DISABILITÀ IN CITTÀ Tra inclusione e criticità" promosso dal gruppo socio-sanitario di Potere al Popolo Reggio Calabria, che ha visto molte e qualificate...

Reggio Calabria. Omicidio in via del Gelsomino: padre ucciso a coltellate dal figlio. I nomi

Reggio Calabria. Omicidio in via del Gelsomino: padre ucciso a coltellate dal figlio. I nomi

Reggio Calabria. Questo pomeriggio si è consumato in città un omicidio in ambito familiare. La vittima si chiamava Domenico Bova, di 59 anni. L'uomo è stato colpito con numerose coltellate dal figlio Simone 28enne che...

Tris amaranto: la Reggina punisce l'Elefante. Giostra di emozioni al "Granillo"

Tris amaranto: la Reggina punisce l'Elefante. Giostra di emozioni al "Granillo"

Reggio Calabria. Dopo cinque gare di digiuno la Reggina torna alla vittoria. E lo fa contro il Catania in un "Granillo" da brividi e ricco di emozioni. Gli amaranto calano il tris all'Elefante nella sfida...

compra calabria

Sei qui: HomeSTORIEUna storia nuova di amore e fratellanza: piccolo rifugiato battezzato dal sindaco di San Roberto

Una storia nuova di amore e fratellanza: piccolo rifugiato battezzato dal sindaco di San Roberto

Pubblicato in Storie Lunedì, 16 Aprile 2018 13:10

Reggio Calabria. Una festa di comunità. Unica. Storica. Che arriva dritta al cuore. Una storia nuova quella scritta a San Roberto, comunità preaspromontana in provincia di Reggio Calabria, che profuma di amore e fratellanza, e che è un modello esemplare di convivenza ed integrazione. Ieri nella chiesa di San Giorgio Martire, infatti, il piccolo Cristiano, rifugiato inserito nel programma di accoglienza SPRAR che l’Amministrazione

Comunale porta avanti insieme all’associazione Coopisa ormai da un anno, ha ricevuto il sacramento del battesimo. Davanti a Padre Benoit Mundjo, padrini d’eccezione il Sindaco Roberto Vizzari e la moglie Romina Cavaggion, a rappresentare l’Amministrazione Comunale e l’intera comunità sanrobertese che, con tanto affetto, si è stretta attorno a questa nuova famiglia che ha scelto di abbracciare la religione cattolica. Una comunità attenta e generosa, che mostra come, e quanto, la diversità possa essere un valore fondante in mondo multietnico e multiculturale. Che sa “accogliere, proteggere, promuovere, integrare”, secondo i 4 verbi scelti da Papa Francesco per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. E che accarezza, letteralmente, il prossimo. Chi ha assistito alla liturgia, in una chiesa stracolma, non ha potuto non emozionarsi, a dimostrazione che quando la diffidenza lascia il posto all’accoglienza si riescono a realizzare grandi cose. Chi pensa agli immigrati solo come a un problema non vuol capire che in realtà basta poco per compiere passi significativi per il bene di tutti e per un’autentica integrazione. Una integrazione che nasce grazie ad un nuovo modo di accogliere, che non si fonda sui numeri, sui costi, sulle spese. Un modello che aborra le soluzioni di massa e scriteriate. Una accoglienza che si basa sulle persone, sulle loro esigenze, sui loro stati d’animo, sui sentimenti. Uno stimolo a vivere in pienezza l'amore fraterno senza distinzioni di sorta e senza discriminazioni, nella convinzione che è nostro prossimo chiunque ha bisogno di noi e noi possiamo aiutarlo, perché la vita, come dimostra il caso del piccolo Cristiano, è un dono tanto prezioso quanto sofferto. Un dono portato avanti da una donna forte, mamma Benedicta, che ha vissuto un destino di sofferenza, costretta a fuggire dal proprio Paese tra innumerevoli difficoltà, che ha affrontato i terribili stenti del viaggio, lì dove la situazione è talmente pericolosa che il confine tra la vita e la morte è estremamente labile. Un gesto di grande umanità e di grande intelligenza, quello fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di San Roberto, che attraverso il battesimo del piccolo rifugiato vuole diffondere un messaggio universale di pace e speranza, affinché tutti i bambini del mondo possano rinascere in una nuova luce che cancelli la sofferenza, le disuguaglianze e la povertà. Soprattutto in un periodo storico, come quello attuale, che vede tristemente protagonisti i più piccoli di conflitti come quello in Siria, vittime innocenti di un vero e proprio massacro che dura ormai da sette anni e che rischia di diventare più lancinante. Un messaggio simbolico che vuole suggerire soluzioni quali l’urgenza di un cessate il fuoco, la necessità dell’apertura di un corridoio umanitario che possa facilitare l’ingresso di aiuti urgenti alla popolazione civile assediata, l’evacuazione di bambini, donne, feriti e malati, che garantisca la sicurezza e la protezione dei minori, così come il loro diritto alla vita e al gioco. “Quel percorso avviato lo scorso anno – ha detto il Sindaco Vizzari – assume in questa occasione festosa significati ancora più importanti. Lo avevamo detto anche allora: il nostro è un Comune che fa da sempre della solidarietà e dell’ospitalità una bandiera, e lo ha profondamente dimostrato. Crediamo profondamente nell'accoglienza e nell'importanza di dare un futuro a chi è stato meno fortunato e ha bisogno di speranza. Tutti noi abbiamo bisogno di speranza. E tutti noi, a partire da questo momento, dobbiamo idealmente essere i padrini, compito che con grande onore ho assunto insieme a mia moglie, di questo bambino che in questa terra può trovare quella felicità e quella serenità che la sua famiglia agognava lasciando il proprio paese d’origine. Queste sono le cose che danno un vero significato alla vita, giornate che non dimenticheremo mai”.

Reggio Calabria 16 aprile 2018

Letto 261 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Criteria 2019. Angelo Costarella nell'Olimpo del nuoto: campione italiano sui 100 farfalla

    Reggio Calabria. Angelo Costarella, il 17enne melitese vera e propria promessa in forza alla “Pianeta sport” di Reggio Calabria, è entrato nella storia del nuoto calabrese. Lo ha fatto a Riccione, durante i “Criteria 2019”, portando a casa il titolo di campione italiano sui 100 farfalla, una storica medaglia d’oro e il pass per i prossimi campionati italiani assoluti. A Riccione, poi,

  • Gli appuntamenti di oggi in città 25 marzo 2019

    Gli appuntamenti di oggi in città: -dalle ore 9 in piazza Italia la protesta dei sindacati al fianco dei lavoratori delle cooperative sociali

    - alle ore 9,30 nel Salone della Camera di commercio di Reggio Calabria, si terrà l’evento di premiazione delle imprese certificate con i marchi di qualità “Ospitalità Italiana” e “Tradizioni Reggine – Saperi e Sapori in tavola”.
    -ore 11 Palazzo Alvaro presentazione XIII edizione ReggioCalabriaFilmFest

  • Reggio Calabria. Omicidio in via del Gelsomino: padre ucciso a coltellate dal figlio. I nomi

    Reggio Calabria. Questo pomeriggio si è consumato in città un omicidio in ambito familiare. La vittima si chiamava Domenico Bova, di 59 anni. L'uomo è stato colpito con numerose coltellate dal figlio Simone 28enne che ha riportato alcune ferite alla mano. Sono intervenuti sul posto gli uomini delle Volanti e della Squadra Mobile che hanno tratto in arresto il 28enne.

  • Omicidio a Reggio Calabria. Uomo ucciso dal proprio figlio: fermato dalla Polizia

    Reggio Calabria. Omicidio in pieno centro a Reggio Calabria. Nel pomeriggio, intorno alle 15.30, in un'abitazione di via del Gelsomino, nei pressi del Cedir, un uomo è stato ucciso, a coltellate, dal proprio figlio. Sul posto l'intervento degli agenti delle Volanti, della Polizia scientifica e dei sanitari del 118. L'omicida è stato fermato.

  • Tris amaranto: la Reggina punisce l'Elefante. Giostra di emozioni al "Granillo"

    Reggio Calabria. Dopo cinque gare di digiuno la Reggina torna alla vittoria. E lo fa contro il Catania in un "Granillo" da brividi e ricco di emozioni. Gli amaranto calano il tris all'Elefante nella sfida senza tempo. Tre a zero il finale: doppietta di Strambelli e rigore trasformato da Bellomo. La Reggina sale a quota trentasei punti in classifica.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.