unci banner

:: Evidenza

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

Nella mattina odierna la Guardia Costiera di Reggio Calabria ha effettuato il simultaneo soccorso di due imbarcazioni a vela, colte da improvvise condizioni meteo marine...

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Il 20 agosto 2018.. il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale...

compra calabria

Sei qui: HomeSTRADE PIAZZEStrade e Piazze della Città Metropolitana: Delianuova

Strade e Piazze della Città Metropolitana: Delianuova

Pubblicato in Strade e Piazze Venerdì, 22 Settembre 2017 08:36
Strade e Piazze della Città Metropolitana: Delianuova foto da wikipedia

La Strada Provinciale n.2, già Strada Statale n. 112, che collega Bagnara Calabra a Bovalino, costituisce una delle diverse alternative di spostamento automobilistico tra il versante tirrenico e quello jonico. Ma la particolarità di questa strada è che attraversa un versante dell’Aspromonte, quello nord – orientale, che offre paesaggi di una bellezza incomparabile, e che meritano veramente di essere ammirati con facili escursioni di una giornata.

Lasciando Cosoleto e proseguendo per questa strada, quindi, giungiamo a Delianuova. Siamo già a 600 metri sul livello del mare. Delianuova è un Comune di circa 3.500 abitanti, con una superficie di poco superiore ai 20 kmq., con una densità, quindi, di poco superiore ai 150 abitanti per chilometro quadrato.

Delianuova venne costituito ufficialmente come Comune autonomo il 27 gennaio del 1878 ed è il risultato dell’accorpamento di due piccoli comuni preesistenti, e che oggi costituiscono frazioni del Comune, vale a dire Paracorìo e Pedavoli.
Entriamo nel paese. Ecco, a proposito di paesaggi e panorami suggestivi, un primo balcone naturale verso lo scenario sottostante lo troviamo nella Piazza Vittorio Emanuele che si trova immediatamente sotto la Chiesa di San Nicola.
Delianuova ci appare come un centro compatto ed ordinato, con una sua fisionomia ben riconoscibile. La toponomastica del borgo risente certamente del periodo in cui è stato costituito, per cui troviamo, accanto alla già menzionata Piazza Vittorio Emanuele, la Via Umberto 1, in onore al sovrano regnante al momento della costituzione, e l’immancabile Via Giuseppe Garibaldi. Ma non mancano riferimenti a personaggi dell’Italia repubblicana, quali Alcide De Gasperi, Antonio Gramsci e Papa Giovanni XXIII.

Uno dei principali motivi per venire a Delianuova è certamente rappresentato dalla presenza di 15 edifici, sparsi nel centro storico, tra cui la già menzionata Chiesa di San Nicola, che presentano elementi decorativi realizzati in Serpentino, la cosiddetta Pietra Verde, e che rendono Delianuova veramente unica. Proprio su Via Garibaldi è possibile ammirare una antica fontana in cui l’acqua sgorga da una maschera realizzata, appunto, in Serpentino.

Un altro interessante motivo per raggiungere il borgo di Delianuova è rappresentato certamente dai prodotti tipici dell’artigianato locale, tra cui spicca uno squisito pasticcino, chiamato, appunto, il “Deliese”. Si tratta di un delicato pasticcino costituito da due  sfoglie in mezzo alle quali si gusta una profumata crema, e tutto è spolverato di zucchero a velo. Una vera delizia. Rimane il solo rammarico che questo pasticcino, prodotto tipico di Delianuova, inventato proprio qui, si possa acquistare solamente presso la pasticceria Carbone, e non abbia, invece, una diffusione anche a livello di Città Metropolitana, magari dandogli un adeguato Marchio di Qualità.

Quella dei Marchi di Qualità potrebbe diventare una strategia vincente per la promozione dei prodotti locali dell’artigianato, attraverso un’adeguata commercializzazione. Io ho avuto la fortuna di assaggiare questo squisito pasticcino in numerose occasioni, nei lunghi anni che ho trascorso a Palmi, quando insegnavo nell’Istituto Tecnico di quella città ed avevo con me numerosi studenti che venivano da Delianuova, e me li ricordo tutti sempre educati e rispettosi  e affettuosi, segno di una comunità che ancora conserva intatti determinati valori che oggi, ahimè, vanno sempre più scomparendo.

Prof. Giuseppe Cantarella

RC 22 settembre 2017

Letto 623 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La Chiesa di San Giorgio al Corso, dedicata al patrono della Città

    Parliamo ancora di un edificio sacro, dedicato al patrono di Reggio Calabria chee sorge proprio al centro del salotto cittadino: la chiesa di San Giorgio al Corso. Eretta a parrocchia a fine Cinquecento, venne distrutta completamente dal terremoto del 1908, fu ricostruita seguendo il progetto dell'architetto Camillo Autore e venne inaugurata il 26 maggio 1935. San Giorgio al Corso venne originariamente eretta a parrocchia il 12 ottobre 1596 da monsignor Annibale D'Afflitto (arcivescovo di Reggio Calabria dal 1593 al 1638). In occasione degli 80 anni dalla ricostruzione della Chiesa, lo studioso e storico professor Francesco Arillotta ha precisato che la parrocchia era stata fondata molto tempo prima e che in origine occupava il sito ove oggi insiste il Genio Civile.

  • Festa di San Rocco, patrono della città di Scilla, il programma 2018

    Giovedì 16 agosto, Festa liturgica del Santo e onomastico di chi ne porta il nome, ha inizio la Festa in onore di San Rocco, Patrono della città di Scilla, evento spirituale e di aggregazione civile storicamente atteso da tutta la Città metropolitana di Reggio Calabria e dall’area dello Stretto di Messina. Significativi appuntamenti raggiungeranno il culmine domenica 19 agosto, per protrarsi fino a lunedì 20.
    A presiedere le Sante Messe delle 8,00 e delle 10,00 di giovedì 16 saranno, rispettivamente, il missionario padre Pasquale Castrilli OMI e l’Arciprete di Scilla don Francesco Cuzzocrea.

  • A Lazzaro taglio del nastro per il Liberamente Festival 2018

    Ha preso ufficialmente il via l’edizione 2018 del Liberamente Festival. Organizzato dall’associazione Kleos in collaborazione con la Pro Loco del Comune di Motta San Giovanni, il primo appuntamento ha visto la presentazione del libro “Frammenti Tellurici” di Domenico Loddo nello spazio dell’ex campo sportivo vicino il Lido Sogno. Prossimi appuntamenti in programma il 15 agosto con il falò e poi concertone giovedì 16. Ancora una volta il ricavato sarà devoluto a finalità sociali, questa volta per un progetto legato ad un villaggio in Africa

  • Pietra Cappa, il monolite che affascinerà il mondo

    Il cappuccio protegge la testa, un mantello copre quasi tutta la sua figura, ma le braccia e le mani no, quelle devono restare libere.
    Vogliamo raccontarla così la “nostra” Pietra Cappa, perché tra i molti significati veri o leggendari, noi abbiamo scelto di separare ed astrarre il significato della cappa come indumento, decontestualizzandolo per esprimere ciò che noi sentiamo, al suo cospetto.
    Pietra per condizione, cappa per vocazione, ma non quella che oscura e nasconde, ma bensì quella che protegge ed adorna.

  • Dal 27 agosto al 2 settembre il Bergamotto Art Festival 2018

    Dopo il successo dell’anteprima dello scorso anno, dal 27 agosto al 2 settembre 2018 torna il Bergamotto Art Festival. Riflettori accessi sulle eccellenze del nostro territorio in un percorso che vedrà coinvolto i borghi della nostra provincia con un gran finale nella città dello Stretto

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.