unci banner

:: Evidenza

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

Nella mattina odierna la Guardia Costiera di Reggio Calabria ha effettuato il simultaneo soccorso di due imbarcazioni a vela, colte da improvvise condizioni meteo marine...

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Il 20 agosto 2018.. il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale...

compra calabria

Sei qui: HomeSTRADE PIAZZEStrade e Piazze della Città Metropolitana: Scido

Strade e Piazze della Città Metropolitana: Scido

Pubblicato in Strade e Piazze Martedì, 10 Ottobre 2017 08:36

Da Delianuova ci spostiamo a Scido, che dista pochi chilometri. Scido sorge a 450 metri sul livello del mare; il suo territorio comunale si estende su 17,5 kmq. ed è popolato da 1.000 abitanti, con una densità media, quindi, di poco superiore ai 50 abitanti per chilometro quadrato, valore, questo, piuttosto basso se messo a confronto con il dato medio italiano (200 ab/kmq.) e provinciale (175 ab/kmq.). Lo spopolamento è il triste destino di questi borghi interni periferici lontani dai centri di sviluppo sociale ed economico,

ma soprattutto carenti di servizi importanti.
Scido è talmente piccolo che lo si potrebbe girare interamente a piedi. Nel suo centro storico, che ha come asse stradale di riferimento la Via Vittorio Emanuele, convivono antichi palazzi, anche di un certo tono, come Palazzo Ruffo che ospita la Biblioteca di cui diremo più avanti, e nuove costruzioni molte delle quali incomplete, secondo il caratteristico motivo denominato : “L’inedificato calabrese”. In fondo alla Via Vittorio Emanuele sorge la chiesa di San Biagio, il Santo patrono del borgo. Alle spalle della chiesa, la Piazza Municipio con l’edificio della sede comunale che è lambito dalla Via XXIV Maggio. Svoltando a destra, su Via Paolo Romeo, si trova il largo dove sorge il Monumento ai Caduti, opera dello scultore Domenico Papalia, e che ricorda, come ormai stiamo osservando in un motivo caratterizzante numerosi Comuni, i soldati deceduti nel corso della Prima Guerra Mondiale. In fondo alla Via Paolo Romeo troviamo un altro gradevole spazio verde attrezzato, con una bella alberatura di Olivo, l’albero che domina i terreni di questo borgo collinare preaspromontano.


Svoltando a sinistra, prendendo per Via Antonino Germanò, si raggiunge un bel parco giochi ben curato, posizionato vicino all’edificio della Scuola Materna, ma anche accanto alla sede del presidio dei Carabinieri, e di fronte all’impianto sportivo: tutte strutture moderne che conferiscono un minimo di dotazione di servizi a questo borgo.


La Biblioteca, dicevamo. Si trova ubicata in Via Roma, appunto in Palazzo Ruffo. Accanto all’interessante patrimonio librario, è possibile ammirare una veramente molto pregiata esposizione di pipe, in una sala completamente dedicata, proveniente dall’opera dell’artigiano scidese Rocco De Giglio, con curiosi esemplari antropomorfi e zoomorfi.
Lasciando Scido e continuando sulla Strada Provinciale n. 2 si raggiunge la frazione di Santa Giorgìa (con l’accento sull’ultima “i”). Santa Giorgìa è un borgo in ancora più rapido spopolamento, ma che vale la pena di visitare per ammirare la statua della Madonna della Catena, del ‘700, custodita nella nuova e moderna chiesa di Santa Maria della Catena, consacrata negli anni ’70, statua che presenta una singolarità: vi si raffigura la Madonna con il Bambino in braccio ed un bambino di colore ai suoi piedi, legato da una catena.


Prof. Giuseppe Cantarella

RC 10 ottobre 2017

Letto 441 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La Chiesa di San Giorgio al Corso, dedicata al patrono della Città

    Parliamo ancora di un edificio sacro, dedicato al patrono di Reggio Calabria chee sorge proprio al centro del salotto cittadino: la chiesa di San Giorgio al Corso. Eretta a parrocchia a fine Cinquecento, venne distrutta completamente dal terremoto del 1908, fu ricostruita seguendo il progetto dell'architetto Camillo Autore e venne inaugurata il 26 maggio 1935. San Giorgio al Corso venne originariamente eretta a parrocchia il 12 ottobre 1596 da monsignor Annibale D'Afflitto (arcivescovo di Reggio Calabria dal 1593 al 1638). In occasione degli 80 anni dalla ricostruzione della Chiesa, lo studioso e storico professor Francesco Arillotta ha precisato che la parrocchia era stata fondata molto tempo prima e che in origine occupava il sito ove oggi insiste il Genio Civile.

  • Festa di San Rocco, patrono della città di Scilla, il programma 2018

    Giovedì 16 agosto, Festa liturgica del Santo e onomastico di chi ne porta il nome, ha inizio la Festa in onore di San Rocco, Patrono della città di Scilla, evento spirituale e di aggregazione civile storicamente atteso da tutta la Città metropolitana di Reggio Calabria e dall’area dello Stretto di Messina. Significativi appuntamenti raggiungeranno il culmine domenica 19 agosto, per protrarsi fino a lunedì 20.
    A presiedere le Sante Messe delle 8,00 e delle 10,00 di giovedì 16 saranno, rispettivamente, il missionario padre Pasquale Castrilli OMI e l’Arciprete di Scilla don Francesco Cuzzocrea.

  • A Lazzaro taglio del nastro per il Liberamente Festival 2018

    Ha preso ufficialmente il via l’edizione 2018 del Liberamente Festival. Organizzato dall’associazione Kleos in collaborazione con la Pro Loco del Comune di Motta San Giovanni, il primo appuntamento ha visto la presentazione del libro “Frammenti Tellurici” di Domenico Loddo nello spazio dell’ex campo sportivo vicino il Lido Sogno. Prossimi appuntamenti in programma il 15 agosto con il falò e poi concertone giovedì 16. Ancora una volta il ricavato sarà devoluto a finalità sociali, questa volta per un progetto legato ad un villaggio in Africa

  • Pietra Cappa, il monolite che affascinerà il mondo

    Il cappuccio protegge la testa, un mantello copre quasi tutta la sua figura, ma le braccia e le mani no, quelle devono restare libere.
    Vogliamo raccontarla così la “nostra” Pietra Cappa, perché tra i molti significati veri o leggendari, noi abbiamo scelto di separare ed astrarre il significato della cappa come indumento, decontestualizzandolo per esprimere ciò che noi sentiamo, al suo cospetto.
    Pietra per condizione, cappa per vocazione, ma non quella che oscura e nasconde, ma bensì quella che protegge ed adorna.

  • Dal 27 agosto al 2 settembre il Bergamotto Art Festival 2018

    Dopo il successo dell’anteprima dello scorso anno, dal 27 agosto al 2 settembre 2018 torna il Bergamotto Art Festival. Riflettori accessi sulle eccellenze del nostro territorio in un percorso che vedrà coinvolto i borghi della nostra provincia con un gran finale nella città dello Stretto

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.